Accattone

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Accattone

Immagine AccattonePasolini1961WP.jpg.
Titolo originale

Accattone

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1961
Genere drammatico
Regia Pier Paolo Pasolini
Sceneggiatura Pier Paolo Pasolini, Sergio Citti
Produttore Alfredo Bini, Cino Del Duca
Interpreti e personaggi

Accattone, film italiano del 1961 con Franco Citti, regia di Pier Paolo Pasolini.

Frasi[modifica]

  • Eppure che è la fame? Un vizio! È tutta un'impressione!. Ah, se nun c'avessero abituati a magnà, da ragazzini. (Accattone) [al terzo giorno di fame]
  • Ancora non sei morto? Eppure m'hanno detto che il lavoro ammazza la gente! (Mommoletto) [parlando a lo Scucchia]
  • Quando me metto 'n testa 'na cosa io, deve da esse quella! O il mondo ammazza a me, o io ammazzo a lui. (Accattone)
  • Er mondo è de chi cià li denti. (Balilla)
  • Accatto', senti quello che te dice il profeta: oggi te vendi l'anello, domani la catenina, fra sette giorni pure l'orologio e fra settantasette giorni nun c'avrai nemmeno l'occhi pe piagne! (Il profeta)
  • Mo' sto bene ! (Accattone) [moribondo caduto dalla motocicletta]

Dialoghi[modifica]

  • Donna: Aò! Ma che te butti co' tutto l'oro addosso? 'N t'a levi 'a catenina e li bracciali?
    Accattone: None! Vojo morì co' tutto l'oro addosso, come i faraoni!
    Uomo: Ma daccelo a noi!
    Accattone: Si volete l'oro v'o venite a pesca!
    Uomo: M'ha preso er torcicollo! Te vo' buttà?!
    Accattone: Daje, va. Damo soddisfazione ar popolo. [si butta nel Tevere]

Altri progetti[modifica]