Agents of S.H.I.E.L.D. (prima stagione)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Agents of S.H.I.E.L.D..

Marvel's Agents of S.H.I.E.L.D..svg

Agents of S.H.I.E.L.D., prima stagione.

Episodio 1, Un nuovo eroe[modifica]

  • Il segreto è svelato. Per decenni la vostra organizzazione è rimasta nell'ombra nascondendo la verità, ma ora sappiamo, sono tra di noi: eroi... e mostri. Il mondo è pieno di meraviglie! [...] Non possiamo spiegare tutto ciò che vediamo, ma abbiamo gli occhi aperti. E adesso? Non potete più nascondervi nell'ombra. È successo un fatto che sembra impossibile, e ora che pensate di fare? (Skye)
  • Maria Hill: Che significa S.H.I.E.L.D. agente Ward?
    Ward: Strategic Homeland Intervention, Enforcement and Logistics Division.
    Maria Hill: E che significa per te?
    Ward: Qualcuno voleva che l'acronimo risultasse "shield".
  • Maria Hill: Sta cambiando tutto, una volta le persone andavano a dormire pensando che la cosa più assurda fosse un miliardario che volava in una tuta di metallo, poi gli alieni hanno invaso New York, a mandarli via ci hanno pensato un mostro verde gigante arrabbiato, un eroe in costume risorto dagli anni quaranta e un Dio.
    Ward: Però Thor non è esattamente un Dio.
    Maria Hill: Non hai mai provato i suoi pugni.[1]
  • La gente tende a confondere "nuovo" e "migliore". (Phil Coulson)
  • Ward: È una fanatica: ha crackato il nostro sistema per localizzare i dotati, è come una di quelle cosplayer sudaticce che assediano la Stark Tower!
    Skye: Cosa!? Io non ho mai... una volta!
  • Ora la sincronizzo con i dati dei sensori di movimento e se ho fortuna otterrò le immagini precedenti all'esplosione. E per "fortuna" intendo "il mio genio incompreso". (Leo Fitz)
  • Ward [dopo che Coulson gli inietta il siero della verità]: Ehi! Ma che diavolo fa?
    Coulson: Oh, scusa... ti ha fatto male?
    Ward: No, ma lei è fuori di testa, non dovrebbe farlo a un membro della squadra e, sì, sì, mi ha fatto male ma cerco sempre di mascherare il dolore davanti alle belle donne per sembrare più maschio però... cavolo! Sta agendo in fretta!
    [...]
    Skye: Hai mai ucciso qualcuno?
    Ward: Si, molta gente. Erano bersagli ad alto rischio ma erano persone spregevoli che volevano fare del male a brava gente e poi ci sono stato male.
    Skye: E tua nonna sa che fai queste cose?
    Ward: La mia nonnina?
  • Sembra magia. Ma è... è scienza! (Leo Fitz)
  • Peterson: Mi avete rubato la moglie, il mio impiego, la casa... crede che sia questo ad uccidermi?! [Indica il siero endovenoso Centipede] ovunque c'è gente che viene calpestata, derubata ma se qualcuno osa ribellarsi ci pensate voi a punirlo subito.
    Coulson: Pensi di aiutarli se fai saltare in aria tutto?
    Peterson: È una bugia, non fate che mentire! Voi ci avevate promesso una vita normale se avessimo collaborato. Avete detto che bastava essere un uomo! Ma c'è di meglio di un uomo: gli Dèi! E noialtri invece, chi siamo? Loro giganti, noi la terra che calpestano.

Episodio 2, 0-8-4[modifica]

  • Coulson: Ricordi il panico generale quando una meteora è caduta vicino alla costa di Miami e ha quasi distrutto la città?
    Skye: No.
    Coulson: Appunto. Perché non è mai stato divulgato.
    Skye: Quindi che faccio?
    Coulson: Se la notizia trapela dovrai creare un diversivo per depistare i mass media.
    Skye: Giusto quello che non mi piace.[2]
    Coulson: Già.
  • Skye: La popolazione protesta contro il governo. Li ammiro molto per questo.
    Ward: Certo, avalliamo la violenza!
    Skye: Non volevo dire questo.
    Ward: Ma è quello che pubblichi. Dal furgone, da sola, al sicuro.
  • Skye: Prima mi sentivo la novellina ingenua e fuori posto ma ora credo che Ward non sappia chi è Simmons e Fitz, e loro hanno visto meno pallottole di me. Non sono una scienziata ma: è la prima missione insieme?
    Simmons: Ma no! Certo che no. È la seconda.
    Skye: La prima ero io. Che bello.
    Ward: Ne sei contenta?
    Skye: No, sono terrorizzata. Questa è una cosa troppo grande per me, ma faccio parte della squadra da tanto quanto voi, potrei essere il capitano. [tutti la fissano] Io scherzavo, però forse non è poi una brutta idea dal momento che loro non si sopportano.
    [...]
    Coulson: Bisogna smussare gli angoli: Ward, tu parli bene sei lingue; Simmons, hai dottorati in materie che non so neanche pronunciare e Fitz, tu sei uno scienziato aereospaziale. Risolvete la cosa! [esce]
    Skye: Io... sono brava anch'io, eh!
  • Skye: Noi siamo partiti con il piede sbagliato. Ti va se ti offro da bere? [Ward la invita a sedersi] Riguardo a prima, quando ho detto che la ribellione è un fatto positivo beh, io non sono una sprovveduta mi stavo riferendo... ai tweet.
    Ward: Ai tweet? Cerchi di peggiorare le cose?
    Skye: I peruviani si ribellano per la prima volta dopo decenni: migliaia di persone che non si conoscono che lottano per un comune ideale? È sbalorditivo e... vorrei non parlarne per non vedere lo sguardo che hai adesso ma: è ciò che Rising Tide rappresenta.
    Ward: Capisco.
    Skye: Di solito una persona non ha la soluzione ma cento persone con l'un percento di soluzione ce l'hanno. Credo sia molto bello: pezzi di un unico puzzle.
  • Tutto cambia troppo in fretta intorno a noi, ed è confortante avere intorno a me qualche oggetto del passato, che mi ricorda ciò che è importante. (Phil Coulson)

Episodio 3, La risorsa[modifica]

  • Ward: Ti uccideranno e ci metterai nei guai se non impari a difenderti.
    Skye: Ho qualche asso nella manica.
    Ward: La memoria muscolare, tutte le basi. Gli strumenti per fare di te...
    Skye: Un burattino dello S.H.I.E.L.D.?
    Ward: Come hai imparato a usare bene il computer senza applicarti?
    Skye: Ci sono portata. Mi spiace non esserlo altrettanto come operativo.
    Ward: Io non ci ero portato. Avevo un fratello che picchiava sempre me e il mio fratellino. Senza motivo; per aver mangiato una fetta di torta... ho dovuto imparare a proteggerci, così come cerco di proteggere te.
  • Simmons: Credevo fosse finita ma ha convinto Quinn a andare nel suo ufficio.
    May: E come ci è riuscita?
    Fitz: Probabilmente ha usato le [Simmons e May lo fissano storto] ... ehm... le sue... tette.
  • È così che operano loro, lo S.H.I.E.L.D., approfittano di paura, solitudine e disperazione ed offorno una casa a coloro che non hanno alternative. (Ian Quinn)
  • Oh, per le particelle di sodio! (Leo Fitz)
  • Quinn: Non lo capisci? Lo S.H.I.E.L.D. è contro ciò che rappresenti! È il Grande Fratello!
    Skye: Può darsi, ma è il fratello maggiore che protegge quello minore e indifeso che è stato picchiato solo per aver mangiato una fetta di torta!
  • Bodyguard [dopo che Skye toglie la pistola a Quinn]: Capo, la bimba ha le palle.
    Skye: Grazie ma, che schifo!
  • Hall [parlando di Quinn]: Non si ragiona con un drogato. La sua droga è lo sfruttamento di opportunità. Ma lui se ne frega degli amici, dell'ecosistema e delle generazioni future che sta privando di risorse.
    Coulson: Come gli agenti Fitz e Simmons? I suoi ex-allievi? Mi hanno appena detto all'auricolare che lei non è una persona cattiva, poteva collaborare con noi!
    Hall: Con lo S.H.I.E.L.D.? Ma se lo S.H.I.E.L.D. è altrettanto irresponsabile, fate esperimenti senza pensare alle conseguenze! La ricerca di una fonte inesauribile di energia ha causato un'invasione aliena! [...] prevedo il futuro agente Coulson, ed è una catastrofe!
    [...]
    Coulson: Non è troppo tardi per fare la cosa giusta! Mi trovi un catalizzatore!
    Hall: Ma io sto facendo la cosa giusta! Un gesto disinteressato. So che la storia non celebra ciò che non è successo. Diranno solo che è stata una tragedia, non capiranno che ho fatto del bene.
    Coulson: Uccidendo delle persone?
    Hall: Salvandone milioni. Noi conviviamo con le scelte che facciamo, ma a volte siamo costretti a morire con esse.

Episodio 4, A occhi chiusi[modifica]

  • Il nostro lavoro diventa sempre più facile tra Facebook, Instagram, Flickr... la gente si sorveglia da sola. (Phil Coulson)
  • Simmons: Che emozione! Sognavo di visitare Zloda fin da ragazzina!
    Fitz: Zloda, in Bielorussia? Uno dei tuoi sogni, davvero?
    Simmons: È la patria del nobel per la fisica Žores Alfërov! Ah, beh, in realtà è Vicebsk ma è a pochi minuti da qui, come è possibile che tu non lo sappia?
  • [conversazione telefonica]
    Skye: Ti ho chiamato per una domanda urgente caro il mio A.S., come facciamo se ci scappa la pipì?
    Ward: Infrangi il protocollo perché ti serve un bagno?
    Skye: Il viaggio è stato lungo e ora siamo tutti nervosi.
    Ward: C'è un contenitore dentro il bidone blu!
    Skye: Nel bidone blu. [Simmons guarda nel bidone e trova una bottiglia d'acqua] La bottiglietta d'acqua?
    Ward: Proprio quella.
    Skye: Non ti hanno mai detto che le donne e gli uomini sono fatti in modo diverso e che le donne non hanno il pene?

Episodio 5, La ragazza con il vestito a fiori[modifica]

  • Ward: Aveva ragione Coulson. Non avrei mai ammesso un ex-hacker di Rising Tide in squadra, ma impari molto in fretta.
    Skye: Tu mi hai... fatto un complimento?
    Ward: Ehm... io... era solo un commento.
    Skye: Carino. E molto. Ti ha procurato dolore fisico farlo? Vuoi un po' di ghiaccio? [Ward sorride] Wow! Un complimento e perfino una risata!
  • Skye: Intervenire su oggetti o persone? Usate misure drastiche e un po', sì, spaventose. Come li monitorate? Microspie? Sorveglianza satellitare? Magari una bella sonda inserita nel corpo?
    Fitz: Una sonda interna, che assurdità! Lo S.H.I.E.L.D. non fa così. [a Coulson] Non lo facciamo, vero?
  • Coulson: Se non con te con chi lavora il signor Lydon?
    Skye: Con nessuno. È un idealista, crede nella libertà d'informazione.
    Coulson: L'informazione è costata la libertà a un uomo.
  • Ward: È corrotto. Me lo sento.
    Simmons: È pulito in realtà. Niente sulla famiglia, la casa è sotto falso nome e spesso gioca a Minecraft. Un videogioco dove comanda un pop criminale.
    Fitz: Costituito da zombie?
    Simmons: Da zombie-maiali!
  • Scorch [dopo che Centipede gli drena le piastrine]: Mi hai detto che ho un dono!
    Raina: E lo stai donando.
  • May: Nel suo file c'era scritto che ha un istinto omicida?
    Coulson: Che è influenzabile, mi pare. [a Scorch] Chan, che ci creda o no la situazione può solo peggiorare!
    Scorch: Se tiri troppo la corda prima o poi si spezza. Il povero Chan Ho Yin credeva alle vostre bugie, però Scorch no!
    May: Chi?
    Coulson: Oh, merda. Gli hanno dato un nome.
  • A volte siamo costretti a prendere decisioni spiacevoli, se vogliamo raggiungere il soldatino sulla mensola in alto.[3] (Raina)

Episodio 6, FZZT[modifica]

  • Simmons: Si è fatto una bella sudata signore?
    Coulson: Io non sudo, luccico!
  • "Sono l'agente Grant Ward, e riesco a colpire una pulce a cinquecento metri di distanza, purché non ci sia troppo vento!" (Leo Fitz) [imitando Ward]
  • "Sono l'agente Grant Ward, e se voglio ti spappolo la milza col mignolo sinistro. Con la benda sugli occhi!" (Jemma Simmons) [imitando Ward]
  • Ward: La vittima?
    Skye: Adam Cross. [...] Insegnante di ginnastica, allenatore di baseball, caposcout, volontario nei vigili del fuoco... rispetto a lui Captain America sembra il Drugo! [Ward e Coulson la guardano male] Il grande Lebowski. [continuano a guardarla male] Non l'avete visto?
  • Simmons: Non devi vergognarti Fitz, è perfettamente normale avere paura.
    Fitz: No. L'unica cosa di dui ho paura è che quei tessuti infetti contaminino il mio bancone asettico, come quella volta che portasti una carogna in laboratorio!
    Simmons: Oh, no! Ancora mi rinfacci quel gatto? Era il "nostro" laboratorio, non il "tuo"!
    Fitz: "Quel gatto"? Dì un po' che hai fatto, hai lasciato il suo fegato vicino al mio pranzo!
  • Coulson: Sono stato ferito, gravemente. E sono anche morto. Dicono solo per otto secondi ma, io so che erano molti di più. E so che non mi trovavo in questo mondo, io ero di là!
    Diaz: E com'è di là?
    Coulson: È meraviglioso.
  • [Simmons ha contratto un virus alieno e ha due ore per trovare un vaccino]
    Fitz: Io stavo così bene in quel laboratorio non-mobile, tranquillo e sicuro all'academia! Tu mi hai voluto trascinare in questa specie di circo volante! E non siamo neanche stati giudicati abili ad andare in missione.
    Simmons: Oh, per favore non ti ho mica costretto a venire fin quà!
    Fitz: Hai detto, cito testualmente: [parlando in falsetto] "Oh, Fitz, è la più grande opportunità che abbiamo per vedere il mondo! Saremmo due sciocchi a non coglierla."
    Simmons: Detesto quando fai quella vocina, non assomiglia affatto alla mia, e tu avevi paura di andare in missione! Non dirmi che questi non sono stati i mesi migliori di tutta la tua vita triste e monotona!
    Fitz: Monotona? Oh, davvero? E da quando in qua tu sei così vitale? Perché sono abbastanza sicuro che in ogni minuto di ogni giornata eri rinchiusa in un laboratorio accanto a me: all'accademia, alla scientifica e su questo aereo! Jemma tu lavori al mio fianco da sempre. [abbassano lo sguardo e lacrimano] Trova una soluzione.
  • Simmons [dopo essere stata salvata da Ward]: Beh, immagino che questo non sia il momento migliore per confessarti che... ti ho preso un po' in giro prima, scusa. Ti ho mentito sull'arma della buonanotte, aveva ancora quei trenta grammi.
    Ward: Lo so.
    Simmons: Davvero?
    Ward: Certo. Dopotutto: "Sono l'agente Grant Ward, mi sono lanciato da un aereo senza il paracadute e ti ho salvato la vita."
    Simmons: No, guarda non è così. Tu sei leggermente più nasale.
  • Fitz: Stavo per farlo io ma...
    Simmons: Lo so.
    Fitz: Avevo antisiero e paracadute in mano, non sono riuscito a infilarmi le cinghie...
    Simmons: Fitz, per favore...
    Fitz: Forse non avrei fatto quella cosa alla James Bond in volo come Grant ma...
    Simmons: Fitz, smettila! Basta, dai! Ward è stato proprio un grande, vero. Ma non c'era lui al mio fianco in laboratorio a cercare una cura. E non mi ha dato speranza quando non cel'avevo. No, sei stato tu. Sei tu l'eroe.

Episodio 7, L'Hub[modifica]

  • Skye: Quando ci mettiamo davanti al computer olografico e ci spiegano le cose non siamo tutti parte dello stesso team?
    Fitz: Non ricominciare con i tuoi soliti discorsi sulla condivisione.
    Simmons: Lo S.H.I.E.L.D. ha una sua gerarchia e più sei alto di livello più informazioni puoi avere.
    Ward: Un agente non può sapere tutto su ogni missione. Renderebbe precaria l'organizzazione.
  • Wow! Il Grande Fratello è così... grande! (Skye) [riferita all'Hub]
  • Skye: Se vogliamo la verità dobbiamo scoprirla da sole.
    Simmons: Oh. D'accordo, e come suggerisci... oh, aspetta, no!
    Skye: Sì.
    Simmons: No! Non parteciperò a una bravata da ragazza cattiva, sono una che segue le regole, la gente si aspetta questo da me! Mi fa dormire tranquilla!
  • Ward: Quello è un panino?
    Fitz: Fatto da Simmons, il mio preferito: prosciutto e mozzarella di bufala con una piccola aggiunta di pesto e salsa al prezzemolo. [ricetta] Tieni, prendine metà [Ward gli prende il panino e lo getta in acqua] ma perché l'hai gettato?
    Ward: Usano i cani per scovarci e tu ti porti a presso un panino al prosciutto?
    Fitz: No, non ci posso credere.
    Ward: È una missione non un pic-nic!
    Fitz: Lo so bene che non è un pic-nic caro mister "faccio io l'eroe".
    Ward: Cosa vuoi dire con questo?
    Fitz: Oh, andiamo ma non lo capisci? Ti piace essere sempre quello che tira l'ultimo pugno, si, quello che salva la principessa. E adesso hai eliminato il panino più pericoloso del mondo. I miei complimenti soldato!
  • Skye: Mi dice sempre di pensare come gli altri, quindi ho saltato il protocollo per salvare degli amici.
    Coulson: Il team può saltare il protocollo perché c'è un protocollo! L'Hub, un'organizzazione che ci salvaguarda, tu vuoi farne parte, hai detto che vuoi essere un agente giusto?
    Skye: Sì, certo.
    Coulson: Bene. Perché un giorno avrò bisogno di rivelarti un segreto e devo essere certo che lo manterrai.

Episodio 8, Il pozzo[modifica]

  • Nell'antichità si credeva che i cieli fossero abitati da Dèi e mostri che abitavano mondi magici, poi, col passare del tempo, queste leggende si sono trasformate in miti e folklore. Ma adesso sappiamo che erano vere: esistono altri mondi, come Asgard per esempio, esseri come Thor, un tempo ritenuti degli Dèi sono tornati, lasciandoci con molte domande e... e un caos immenso da farci ripulire! (Jemma Simmons)
  • Skye: Quindi, gli asgardiani erano esseri di un altro pianeta e ci hanno fatto visita migliaia di anni fa? [...] Da non credere! Pensa che altri Dèi fossero alieni? Vishnu di sicuro, no?
    Coulson: Sarebbe carino se per una volta Thor e compagnia bella mandassero quaggiù il Dio delle pulizie, magari ha una scopa magica per sistemare tutto.
    Skye: Vorrei che avessero lasciato una navicella spaziale.
    [...]
    Coulson: Ogni volta che i terrestri mettono le mani su un oggetto alieno non finisce mai bene.
    Skye: Non mi dispiacerebbe mettere le mani su Thor, è stupendo![4]
    Coulson: Certo, è belloccio ma...
    May: No. È stupendo.
  • Il mondo ci viene portato via dagli Dèi, diventeremo Dèi e ce lo riprenderemo! (Jakob Nystrom)
  • Fitz: C'è un alieno in mezzo a noi, un asgardiano vero!
    Skye: Secondo voi da quanto tempo è sul nostro pianeta?
    Simmons: Da un milione di anni o forse più. Se adesso potessimo sezionarlo e prendere dei tessuti oppure dei campioni di fluido potremmo scoprirlo!
    Skye: O potremmo chiederglielo, pazzoide! Pazzesco, è mille volte meglio di History Channel, pensateci, quel tizio ha visto cose terrificanti: le crociate, la peste nera, la disco music.
  • Coulson: Conosci Thor?
    Randolph: Oh, come no! Ero molto intimo del futuro re di Asgard, sicuro! No, non conosco Thor.
  • Ward: Skye, ma tu non ti arrabbi mai?
    Skye: No. Mi arrabbierei se servisse, però è inutile.

Episodio 9, Lavori in corso[modifica]

  • Simmons: Non c'è niente che confermi...
    Fitz: La telecinesi? No. Ma per un po ci abbiamo creduto: al primo anno, quando Sally Webber ha fatto cadere quei libri a neurobiologia.
    Simmons: Ah, beh, quello è stato uno scherzetto a dir poco crudele!
    Fitz: Pff! Che femminuccia.
    Simmons: Ma è quello che sono.
  • Le persone credono in ciò di cui hanno bisogno per giustificare le loro azioni. (Melinda May)
  • Si catturano più mosche con il miele che con il napalm. (Skye)
  • Hannah: Tu ci credi in Dio?
    Skye: Onestamente? No, non ci credo.
    Hannah: Io invece sì. E so che mi sta punendo, e me lo merito.
    Skye: No, non è vero. Non lo merita nessuno. Sono stata cresciuta dalle suore e loro dicevano le stesse cose; terrorizzavano i bambini con storie sulla collera di Dio. Mi hanno fatto smettere di crederci, le uniche parole rimastemi impresse sono frasi citate da suor McKenna, dalla Bibbia credo, diceva "Dio è amore". È semplice e un po' melenso ma è la versione che preferisco: Dio è amore. Un sentimento che unisce tutti; e se questo è vero non penso che ti punirebbe per un errore che hai commesso, ti perdonerebbe e basta.

Episodio 10, Il ponte[modifica]

  • Simmons [riferendosi a Skye]: Abbiamo già dato il benvenuto ad altre persone. Persone con un comportamento discutibile.
    Skye: Non è carino! [pausa] Ma è vero.
  • Peterson: La vostra tossina. Mi ha come sospeso; in quel momento stavo per esplodere, mi ha aiutato ad assorbire il siero. A stabilizzarlo. La vostra arma mi ha salvato la vita.
    Simmons: Be', allora...
    Peterson: Inoltre non mi ha neanche lasciato una cicatrice!
    Simmons: No, oh, beh...
    Fitz: Meglio così!
    Simmons: Non potevamo certo permetterlo perché tu, Mike, hai un gran bel fisico e sei... ehm... [a Fitz] quando hai smesso di parlare?
    Fitz: Almeno tre frasi imbarazzanti fa.
  • Quindi hanno dei supersoldati, un esperto di tattica militare e un chiaroveggente che prevede il futuro. Qualcun altro pensa di cambiare squadra per caso? (Skye) [parlando di Centipede]
  • Accettando questo lavoro fai una scelta, l'ho fatta io e tutti quelli che sono qui: questa vita al posto della vecchia. Niente cene in famiglia, né colloqui con gli insegnanti o recite... non è facile. (Phil Coulson)

Episodio 11, Un posto magico[modifica]

  • Coulson: Tu per chi lavori Raina, il Chiaroveggente?
    Raina: Sì.
    Coulson: E chi è?
    Raina: Non lo so, oggi gli ho parlato per la primissima volta. [sospira] Mi batte ancora il cuore...
    Coulson: Vi fa creare dei supersoldati.
    Raina: Il Chiaroveggente ci da una guida. Formule.
    Coulson: Per cosa?
    Raina: Per cambiare il mondo. Il mondo che la tua organizzazione ci ha imposto, stiamo facendo quello che avete fatto voi per decenni.
  • Il Chiaroveggente può vedere dentro a ogni agenzia, ad ogni governo: sa che cosa sogna il presidente durante la notte. (Raina)
  • Coulson: Perché i vestiti a fiori?
    Raina: A chi non piacciono i fiori?
  • Coulson: Buonasera dottore.
    Streiten: Agente Coulson.
    Coulson: Lei non mi ha operato al cuore. So di Tahiti.
    Streiten: Temevo l'arrivo di questo giorno.
    Coulson: Per quello che avrei fatto?
    Streiten: Per quello che ho fatto io. Dopo New York non sei morto per otto secondi o quaranta o quello che hanno scritto nel tuo file. Sei rimasto morto per... vari giorni.
    Coulson: È impossibile.
    Streiten: In teoria. Ma il direttore Fury ha smosso mari e monti. Un team di scienziati ha lavorato senza sosta usando procedure che nessun dottore serio avrebbe mai autorizzato.
    Coulson: C'era anche lei.
    Streiten: Fury mi ha fatto partecipare alla tua settima operazione. Ti mantenevamo cosciente per monitorarti il cervello ma hai sofferto moltissimo. Il danno neurologico è stato catastrofico.
    Coulson: Volevo solo morire.
    Streiten: Sarebbe stato meglio. Il trauma che hai riportato è stato... allucinante.
    Coulson: Che avete fatto al mio cervello con quella apparecchiatura?
    Streiten: Dopo quello che avevi passato... volevamo farti tornare... la persona che eri un tempo, così ti abbiamo impiantato dei ricordi... di un isola paradisiaca; non volevamo che tu rimanessi... in quello... stato.
    Coulson: Com'ero diventato dottore, me lo dica.
    Streiten: Avevi perso la voglia di vivere. Abbiamo provato a ridartela. [pausa] Mi dispiace agente Coulson, sinceramente: perdonami. Se tu solo sapessi...

Episodio 12, Origini[modifica]

  • Fitz: Scienze e Tecnologie è come te la immaginavi agente Ward?
    Ward: Sì. Niente uniformi, nessun percorso ad alta fune, nessuno ha dei muscoli scolpiti.
    Fitz: Nessuna marcia sul posto, nessun quozienti a due cifre.
  • È bello essere qui, purtroppo è successo grazie a circostanze spiacevoli. Se ancora non sapete la storia dello S.H.I.E.L.D., non avete scuse [pausa] a parte esservi addormentati durante la noiosa lezione del professor Vaughn. Il nostro istinto di scienziati è di spingerci oltre, avanzare velocemente, superare i nostri limiti. Ma visti gli eventi recenti ci sembra giusto riflettere sul passato, sulla storia. Lo S.H.I.E.L.D. è stato fondato dopo che l'R.S.S. è riuscito a sconfiggere un organizzazione micidiale nota come HYDRA. Tendiamo a scordare che anche queste organizzazioni: HYDRA, Centipede, A.I.M., erano costituite da scienziati estremamente brillanti, uomini e donne che hanno iniziato con il nostro stesso potenziale illimitato. Il potenziale può essere una cosa pericolosa: il plutonio può dare energia a una città o... può diventare una bomba. (Fitz-Simmons, alternandosi)
  • Ward: Tu e Skye farete amicizia cercate di sondare il terreno, Skye sembra una matricola.
    Skye: Tu non sei così vecchio, e Fitz sembra più giovane di noi.
    Fitz: Ora mi prendi in giro ma un giorno mi invidierai... quando sarai vecchia e rugosa.
  • Coulson: Ma che ti prende?
    May: Me lo dica lei.
    Coulson: Stai parnado. Anche troppo.
    May: Lei invece no.
    [...]
    Coulson: Sono stufo dei segreti. Visto che ne parliamo: niente più segreti tra noi!
    May [pausa]: Io e l'agente Ward facciamo sesso.
  • Donnie: È vero quello che si dice, sei la persona più intelligiente che sia mai stata qui.
    Fitz: Si dice così? Be', è più intelligiente Simmons se ci basiamo sul quoziente... ma questo perché le piace più lavorare che vivere la vita.
  • Il mondo è pieno di cattiveria e bugie e dolore e morte... ma tu non puoi scappare, devi affrontare tutto. La domanda è: quando lo fai come reagisci? Che persona diventi? (Phil Coulson)

Episodio 13, Il treno[modifica]

  • Fitz: Sono quello dei gadget ma a volte mi va di fare le cose usando le mani.
    Skye: I gadget li fai usando le mani Fitz.
    Fitz: E concedimi un raro momento di autocommiserazione, ok? Sei la finta fidanzata meno disponibile che abbia mai avuto.
  • [Dopo che Quinn ha sparato a Skye]
    May: Non è stato un tuo errore.
    Ward: Non sarebbe dovuta andare lì da sola!
    May: Prenderti la colpa non la aiuterà.
    Ward [riferendosi a Coulson]: Io non mi sento affatto in colpa.[5]

Episodio 14, T.A.H.I.T.I.[modifica]

  • Ward: Non so se io lo farei mai, attraversare mezzo mondo in cerca di un altro miracolo.
    May: Se Coulson crede che ci sia una possibilità di salvare Skye o un altro di noi, corre il rischio. A quelli come noi servono quelli come lui.
  • Garrett [rivolto a Quinn]: Parlami della Cybertek e del progetto Deathlok.
    Coulson: Deathlok?
    Garrett: Bel nome, vero? Sembra quasi un wrestler degli anni '80.
  • Garrett [rivolto a Quinn]: Ho buone e cattive notizie, quali vuoi sentire per prime? [pausa] Vada per le cattive, ce ne sono parecchie: il Chiaroveggente, quello che doveva proteggerti, ti ha tirato un bidone. Il luogo in cui avremmo dovuto condurlo con la mente è saltato per aria sepolto da trenta metri di roccia. L'unico potere psichico che ha mostrato il tuo amichetto è la capacità di predire che se dici a un ricco idiota che eviterà un accusa di omicidio, lui ti crederà. Triplett [Triplett prende in custodia Quinn] Skye se la caverà e così potrà testimoniare che un miliardario le ha sparato allo stomaco e abbiamo anche un magnifico video in cui tu confessi, genio. Il Chiaroveggente ti ha manipolato e ti ha lasciato qui a marcire.
    Quinn: C'erano delle buone notizie.
    Garrett: Ah, sì? Oh! È vero: hai ancora la lingua.

Episodio 15, Lorelei[modifica]

  • Skye [mentre Simmons le preleva il sangue]: Non so che cosa pensare della mia dottoressa, è un po' troppo severa [Simmons sbaglia a estrarre la siringa] auch! E maldestra.
    Simmons: Beh, la paziente Skye è disobbediente e indisciplinata!
    Skye: E riconoscente. Spero che tu lo sappia.
    Simmons: Non ho fatto tutto da sola.
    Skye: Comunque, senza dubbio, io sono la tua paziente... più riconoscenterrima.
    Simmons: In realtà non esiste neanche quella parola.
  • Skye: Avrò un aspetto orribile, Simmons non mi ha dato nemmeno uno specchio...
    Ward: Ho visto di peggio.
    Skye: Però. Che carino.
    Ward: Insomma, stai meglio di quando stavi per morire.
    Skye [sorride]: Stai peggiorando la situazione Ward.
  • Coulson: Tu hai visitato altri regni, visto diverse specie aliene, vero? Ne hai incontrata qualcuna che fosse... blu?
    Sif: Sì, ma certo.
    Coulson: Quali sono?
    Sif: Ehm... Interdite, Levian, Pheragot, Kree, Sark, Centauriani... i Giganti di Ghiaccio volevano conquistare la terra un millennio fa ma Asgard li ha scacciati.
    Coulson: Ah. Grazie del favore. E... degli altri? Qualcuno è stato qui di recente?
    Sif [sorride]: Oh! Puoi stare tranquillo Phillip, figlio di Coul.[6] Nessuno degli altri ha mai visitato la Terra.
  • Le tombe dei nemici di Asgard sono piene di persone che hanno sottovalutato Lady Sif. (Lorelei) [a Ward]
  • May: Ti sei presa il mio aereo, e lo rivoglio indietro!
    Lorelei: Non sempre si può avere quello che si vuole. Beh, in realtà... io sì.

Episodio 16, La fine del principio[modifica]

  • Simmons: Vorremmo mandare un campione del tuo sangue a dei colleghi per farlo analizzare. Forse se lo chiedi tu all'agente Coulson lui...
    Skye: Non credo che sia una buona idea. Se Coulson non vuole che questa scoperta venga divulgata dovremmo... fidarci, no? È lui il capo.
    Simmons: Ahem... stai dicendo che... che... che bisogna obbedire alle regole?
    Fitz: Chi sei tu, che ne è stato di Skye?
  • Skye [dopo essere stata ufficialmente ammessa nello S.H.I.E.L.D.]: Io... non so che dire... grazie!
    Coulson: Non ringraziare me, hai superato tutti i nostri test, e a pieni voti anche.
    Hand: Per un agente di livello uno.
    Coulson: Hai preso parte a numerose missioni, hai rischiato la vita: te lo sei guadagnato.
    Garrett: Ti sei presa due pallottole in pancia. [guarda Sitwell] A Sitwell non è mai capitato.[7]
  • La vita gira in cerchio: Ward era il tuo A.S., io ero il suo... tutto poi ritorna. (John Garrett) [a Skye]

Episodio 17, E gira, gira, gira...[modifica]

  • Coulson: Tu sapevi di T.A.H.I.T.I? Come hai potuto farmi questo? Dopo tutto quello che abbiamo passato insieme, gli anni, le operazioni [...] dopo che ti ho dato una mano a rimetterti in sesto in Bahrein? Quando ho formato questa squadra ti ho dato un altra chanche...
    May: Io ho formato questa squadra!
    Coulson: Come?
    May: Ho valutato i requisiti richiesti, ho espresso le mie preferenze a Fury e lui le ha indicato i parametri per la sua unità!
    Coulson: Quali requisiti May?
    May: Qualcuno che riparasse il suo corpo, un tecnico che potesse riprogrammarle il cervello e uno specialista che mi aiutasse ad ucciderla se avessi dovuto. Ma non l'ho fatto per Fury, l'ho fatto per lei, Phil, per proteggerla! Io... io ci tengo molto a lei... sul serio.
  • [Garrett propone di uccidere Victoria Hand che il gruppo crede essere il Chiaroveggente]
    Garrett: Ha fatto sparare a Skye allo stomaco, dritto allo stomaco! Perché era curiosa. Mike Peterson è stato bruciato vivo, ed è stato trasformato in un mostro! Ti ha fatto torturare da quella gallina col vestito a fiori con la sonda cerebrale, e ora forse sta facendo la stessa cosa con Simmons, quindi ti assicuro che ho considerato la situazione.
    Coulson: Non tel'ho detto... non ti ho mai detto che Raina manovrava quella macchina... non l'ho mai confidato a nessuno.
    Garrett: Forse l'ho letto in qualche rapporto.
    Coulson: Tu non eri con noi.
    Garrett: Il punto è: quante persone soffriranno ancora se Hand non verrà subito punita?
    Coulson: Sei comparso subito dopo.
    Garrett: Dove vuoi arrivare ora?
    Coulson: Dopo aver sparato a Skye, Quinn ha detto che avrei condotto il Chiaroveggente dov'era il farmaco... ed è proprio quello che ho fatto: ti ho portato laggiù con me.
    Garrett: Phil, oggi è stata una giornata dura e lo capisco, però dovresti riflettere un secondo. [si fissano] Maledizione.
    Soldati [irrompendo]: Mettete le mani ben in vista.
    Coulson: Prendete Garrett in custodia, è l'omicida noto come Chiaroveggente, è un traditore!
    Garrett: Signori, l'agente Sitwell era incaricato di ingrossare le vostre fila, quindi sapete cosa fare in questa situazione. [pausa] Quando volete, ragazzi. [alcuni soldati sparano ai loro compagni] Heil HYDRA!
    Soldati: Heil HYDRA!
  • Garrett: Mi sono accorto che il vento aveva cambiato direzione e ho spostato la vela. Dovresti farlo anche tu.
    Coulson: No, morirei prima di servire l'HYDRA figlio di puttana.
    Garrett: Eh, mi dispiace dirtelo però tu... hai servito l'HYDRA fino ad ora, forse la morte è l'unica alternativa; che tristezza, io ti considero un amico. Ero molto contento quando ho saputo che eri vivo.
    Coulson: Tanto da farmi torturare per giorni per sapere perché lo fossi?
    Garrett: Non l'ho fatto com piacere. Phil, io sono questo, sono sincero.
    Coulson: No, John, non sei sincero, sei uno psicopatico.

Episodio 18, Provvidenza[modifica]

  • Raina [dopo aver conosciuto Garrett]: È stato il tuo dono a indicarmi la via.
    Garrett [ride]: Scusa fiorellino, mi dispiace deluderti ma io non ho nessun dono. Almeno, non quello che pensi tu; solo un nulla osta di sicurezza di alto livello dello S.H.I.E.L.D. e... capacità di persuasione.
    Raina: Non sei un chiaroveggente?
    Garrett: Non direi, ma se la cosa può consolarti non eri la sola a pensarlo, anzi, direi tutt'altro.
    Raina: Allora sei un bugiardo, sei un ciarlatano!
    Garrett: Un artista. Eh, un artista della truffa ma un artista comunque.
  • Nick Fury mi ha dato questo [indicando il suo distintivo], e io ho fatto giuramento, come tutti: di intervenire quando gli altri falliscono, di essere l'ultimo baluardo dell'umanità, di essere uno scudo. (Phil Coulson)
  • Raina [parlando di Garrett]: Lo conosci da molto tempo?
    Ward: Da quando ero ragazzino; mi salvò dall'inferno, e anche da me stesso. E ora che lo sai, sai come lavorarmi?
    Raina: Era solo curiosità. Se volessi lavorarti ti domanderei di Coulson e del suo team, di come hai guadagnato la loro fiducia.
    Ward: Saltando da un aereo. [Raina lo guarda storto] È la base di una copertura compiere atti di coraggio per aiutare gli altri, così ho salvato la scienziata. Avevo un paracadute.
    Raina: Non hanno mai sospettato?
    Ward: May era la minaccia più grande, per questo siamo... diventati intimi.
    Raina: Tu non mi sembri il suo tipo.
    Ward: Sono il tipo di tutte. Skye era la più imprevedibile ma ero il suo A.S. e questo mi ha permesso di osservarla e di capire come ragionava.
    Raina: E Coulson? Non ha sospettato quando hai chiesto di entrare in squadra?
    Ward: Huh. Me lo ha chiesto lui. Non sai quante volte veniamo invitati a feste a cui non vogliamo andare: "signore, sono addestrato per fare lo specialista. Io vado in missione sempre da solo ma lavorare in gruppo... non fa per me". Ho fatto credere a Coulson che potesse aiutarmi, me ed altri.
    Raina: Nessun rimorso? Non hai mai provato affetto per loro? Ho conosciuto Coulson, è una brava persona. Lui darebbe la vita per te, non senti di dovergli proprio nulla?
    Ward: Certo, però devo di più a Garrett.
  • Soldato [dopo aver fatto entrare Ward e Garrett nella Ghiacciaia]: come faceva l'HYDRA a sapere del vostro arrivo?
    Garrett: Glielo abbiamo detto.
    Ward [spara ai due soldati uccidendoli]: Mi vuoi avvisare prima? Avevano delle armi automatiche.
    Garrett: Non ho resistito, era una battuta troppo bella.
  • Prendete tutto quello che volete se sembra pericoloso, bene; se è alieno, ancora meglio! (John Garrett)

Episodio 19, L'unica luce nell'oscurità[modifica]

  • Skye [parlando di May]: Provavi qualcosa per lei?
    Ward: No, tra noi funzionava perché non dovevamo coinvolgerci.
    Skye: L'amore non si controlla.
    Ward: Io ci riesco.
  • Skye: Hai uno strano modo di dimostrare ciò che provi.
    Ward: Gli specialisti non socializzano con molte persone, frequentano gente fatta della loro stoffa.
    Skye: Kevlar nero?
    Ward: Noi siamo addestrati per controllare le emozioni, ma tu... sei diversa.
    Skye: È una cosa brutta?
    Ward: Lo è per me. Volevo essere concentrato e cercare di non pensarti, ma poi ti ho vista... quando ti hanno sparato, lottavi per restare in vita... ma hai ragione: sono di kevlar, e tu no.
    Skye: Non devi farlo. Non tenere lontane le persone.
    Ward: Invece devo. Ci sono cose di me, che non ti piacerebbero se le sapessi.
    Skye: Ho scheletri nell'armadio anch'io.
    Ward: È diverso. Tu... sei buona.
    Skye: Lo sei anche tu.
    Ward: Non sempre. [pausa] Ti ho mentito; mio fratello maggiore... non picchiava il nostro fratellino, era ancora più crudele: chiedeva a me di farlo. E io lo facevo... avevo paura.
    Skye: I tuoi non lo impedivano?
    Ward: Erano peggio di lui. [la fissa] Non sono una persona buona.
    Skye [gli prende il viso tra le mani]: Sì che lo sei. [si baciano]

Episodio 20, Niente di personale[modifica]

  • È andata come ci aspettavamo, lo S.H.I.E.L.D. implode e tutti gli altri vogliono risposte. Vedi, la CIA, l'NSA, l'NRO li posso anche gestire però il congresso... il congresso è come essere all'asilo: "dove si trova la Ghiacciaia?", "che cosa conteneva?", "chi o cosa sarebbe l'Uomo-Cosa?". Credimi, mi serve un cocktail e una lobotomia. (Maria Hill)
  • Ward: Posso spiegarti.
    Skye [aggredendolo]: Brutto traditore figlio di puttana, bugiardo!
    Ward: Ferma, calmati! È finita, è finita, ok! Non puoi vincere. [la ammanetta] Ferma.
    Skye: Come hai potuto? Dopo quello che abbiamo passato. Perché? Come hai potuto?
    Ward: Ero in missione. Niente di personale.
    Skye: "Nient..." non mi dire una cosa del genere, non era niente di personale?!
    Ward: Skye, ascoltami...
    Skye: Ma lo senti quello che stai dicendo? Certo, questo è quello che si diventa quando ci si trasforma in un maledetto nazista come te.
    Ward: Frena un attimo, non sono un nazista!
    Skye: Sì, lo sei. Tu sei esattamente così, allo S.H.I.E.L.D. c'è un manuale: capitolo uno, Teschio Rosso è stato il fondatore dell'HYDRA, ed era un grosso nazista fuori di testa!
    Ward: Ma oggi le cose sono diverse.
    Skye: In effetti hai qualcosa di Hitler nel tuo look quindi, non è poi una grande sorpresa.
    Ward: Skye, non è così. Sono una spia, e avevo un compito.
    Skye: Hai ucciso non so neanche quante persone! Ucciderai anche me?
    Ward: No, non ti farei mai del male.
    Skye: Quando avrò crackato l'hard drive mi stenderai come hai fatto con Thomas Nash o lo farai fare a qualcun altro... come hai fatto con Quinn?
    Ward: Non credevo che potesse succedere, l'ha deciso Garrett.
    Skye: Oh, sì. È stata colpa di Garrett tu avevi un compito, vero? E adesso guarderai mentre mi faranno del male e alla fine sarai tu a premere il grilletto.
    Ward: Pensi che io centrassi qualcosa? Pensi che ti avrei lasciata morire? Sai cosa provo per te, Skye.
    Skye: Tu... hai mentito e ingannato tutto lo S.H.I.E.L.D., su tutti i fronti. E ora dici che i tuoi sentimenti...
    Ward: Sono sinceri. Lo sono da sempre.
    Skye [piangendo]: Tu mi fai vomitare.
    Ward: Skye, credi che sia stato facile per me? Non ti rendi conto di quanto sia stato tremendo? Non sai quanti sacrifici ho dovuto fare? Ma li ho fatti comunque! Perché è il mio lavoro, sono un superstite!
    Skye: Tu, sei un serial killer! E sai una cosa, avevi proprio ragione: non mi piace come sei.

Episodio 21, Gentaglia[modifica]

  • Skye [parlando di Ward]: Perché non ho lasciato che Mike lo finisse? Sono stupida e... debole.
    Coulson: Non è debolezza, è umanità. Ed è rara.[8]
  • [Garrett va a riprendere il giovane Ward dopo averlo lasciato sei mesi in una foresta del Wyoming per il suo addestramento]
    Ward [puntandogli un fucile alla nuca]: Mi dia un motivo per non farle saltare il cervello.
    Garrett: Ho portato i tacos.
  • Garrett [parlando del cane di Ward]: Lo sai che non è umano, vero?
    Ward: Sì, certo. Ma è meglio di un umano: furbo, fedele, affidabile...
  • Sono stato mutilato da un ordigno vicino a Sarajevo, quando ho richiesto soccorso medico ho sentito una marea di scuse e giustificazioni; allora ho capito che ero stato più leale io allo S.H.I.E.L.D. che loro nei miei confronti, così ho deciso che se ce l'avessi fatta, se fossi sopravvissuto, io li avrei trattati come avevano trattato me. Quindi ho messo gli intestini in pancia l'ho richiusa con un po' di nastro adesivo e me ne sono andato. (John Garrett)
  • [Garrett ha ordinato a Ward di uccidere Fitz e Simmons]
    Fitz: Ward, Ward, non farlo, io lo so che ti importa di noi!
    Ward: Hai ragione, ci tengo. Ho una debolezza. [li getta dall'aereo]

Episodio 22, Il principio della fine[modifica]

  • Fury diceva sempre: "un uomo può fare tutto se sa di essere parte di un progetto più grande". (Phil Coulson)
  • Siamo creature preistoriche che strisciano fuori dalle paludi in mezzo alla nebbia e che si trascinano a riva con le unghie per alzarsi, o piantare delle radici... oppure volare! (John Garrett)
  • Simmons: Io adoro il primo principio della termodinamica, pensare che l'energia dell'universo non si crea...
    Fitz: ... né si distrugge.
    Simmons: Vuol dire che ogni briciola dentro di noi, ogni particella, continuerà a far parte di qualcos'altro. Magari diventeremo dei pesci, o dei microbi... magari bruceremo in una supernova tra dieci milioni di anni. E ogni parte di noi, una volta, viveva sotto una forma diversa: una luna, una nube di tempesta, un mammut...
    Fitz: Oppure una scimmia.
    Simmons: Una scimmietta. [sorride] Una quantità infinita di altre cose bellissime, con lo stesso terrore di morire che abbiamo noi.
  • Garrett: Ho visto nel futuro. Ho potuto scorgerlo attraverso gli occhi di ogni creatura viva, morta e non ancora nata. Questo è solo il principio!
    Ward: Il principio di cosa, John?
    Garrett: Della fine!
  • Garrett: Fury. Guarda chi c'è. Da quanti anni non si vedeva un tag-team di combattenti formato da quattro uomini morti.
    Coulson: Io, di morti, ne vedo solo uno.
    Garrett: Oh. Il potere è su questo lato della stanza amici. Phil è strano che tu cerchi di fermarmi. Ma non è colpa tua Nick. Tu non hai visto il progetto. Il Big Bang. Gli oceani eterni congelati. Ma Phil li ha visi e questo ci unisce. Siamo fratelli di sangue.
    Fury [a Coulson]: Non mi avevi detto che aveva dato i numeri.
    Coulson: Credo che ormai sia ai logaritmi.
    [...]
    Garrett: Ti ricordi quello che ci dicevi sempre? "Un uomo può compiere qualsiasi impresa se capisce di essere un progetto più grande". Ecco, ora io l'ho capito.
    Fury: "Se è parte"! "Se è parte di un progetto più grande"!
    Garrett: È così che avevi detto?
    Coulson [a Fury]: Non è molto attento.
    Fury: Praticamente mi stai dicendo che ti sei unito all'HYDRA perché hai capito male il mio discorso?
    Garrett: Io sono la chiave del futuro dell'universo. Sono l'origine di tutte le cose.
    Fury [a Coulson]: Tu l'avevi capito?
    Coulson: Certamente.

Note[modifica]

  1. Nel doppiaggio originale: «Lo pensi perché non hai visto le sue braccia da vicino».
  2. Nel doppiaggio originale: «Tutto ciò a cui mi oppongo».
  3. Nel doppiaggio originale: «Dobbiamo tutti fare cose che non ci vanno, se vogliamo tirare giù i soldatini dallo scaffale».
  4. Nel doppiaggio originale: «Non mi dispiacerebbe mettere le mie mani umane su Thor, è da sogno!».
  5. Nel doppiaggio originale: «Non è a me che do la colpa».
  6. Nel doppiaggio originale: «Phillip, Son of Coul», lettura letterale del cognome.
  7. Nel doppiaggio originale: «Diamine, ti hanno sparato! È più di quanto abbia mai fatto Sitwell».
  8. Nel doppiaggio originale: «Non sei stata debole, hai avuto compassione: è più difficile».

Altri progetti[modifica]