Aldo Agroppi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Aldo Agroppi nel 1968

Aldo Agroppi (1944 – vivente), allenatore di calcio, ex calciatore e opinionista sportivo italiano.

Citazioni di Aldo Agroppi[modifica]

  • Dalla Befana, Maifredi avrebbe potuto ricevere in dono un nuovo acquisto: Rognoni, il ministro della Difesa.[1]
  • I nuovi stranieri? Li hanno pagati come calciatori veri.[2]
  • I presidenti del calcio sono come i cazzotti: ce ne sono di tutti i tipi.[3]
  • [Nel 2014] La Juventus è ancora la razza padrona, contano poco gli organici. I campionati si vincono anche nei corridoi, per telefono, mica solo in campo.[4]
  • Offese, polemiche, deferimenti a raffica mi colpiscono: mi sembra di essere un allenatore irakeno.[5]
  • [«Cosa rappresenta oggi (nel 2014) la Juventus Football Club?»] Quella che è sempre stata, un misto di arroganza, potere, di forza da tirare fuori sempre al momento giusto. Per decenni si sono crogiolati con la storia di non essere mai retrocessi ed invece era una balla colossale perché nel 1913 arrivarono ultimi nel loro girone, con appena una vittoria, un pareggio e ben otto sconfitte. Solo che guarda caso con un'abile opera diplomatica fecero in modo di abolire proprio in quell'anno le retrocessioni e pensare che ancora non erano arrivati gli Agnelli...[6]

Citazioni su Aldo Agroppi[modifica]

  • Con Agroppi ci conoscevamo fin da piccoli, ci eravamo affrontati mille volte nei vari campionati, eravamo amici, ma nel derby lui si trasfigurava. (Giuseppe Furino)

Note[modifica]

  1. Citato in Palla lunga e pedalare, p. 31.
  2. Citato in Marco Sappino, Dizionario biografico enciclopedico di un secolo del calcio italiano, Dalai editore, 2000, p. 2109. ISBN 8880898620
  3. Citato in Palla lunga e pedalare, p. 29.
  4. Dall'intervista a Radio Radio; citato in Agroppi: «Juve padrona, vince al telefono», Tuttosport.com, 27 ottobre 2014.
  5. Citato in Palla lunga e pedalare, p. 38.
  6. Dall'intervista al Corriere Fiorentino; citato in Agroppi al Corriere Fiorentino: "Io anti-Juve, ma sono stato un tifoso bianconero pazzo di Sivori", TuttoJuve.com, 9 marzo 2014.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]