Anthony Hopkins

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Anthony Hopkins con Isabella Rossellini sul set di The Innocent (1993).

Il silenzio degli innocenti

  • Miglior attore (1992)

Sir Anthony Philip Hopkins (1937 – vivente), attore cinematografico e teatrale gallese naturalizzato statunitense.

Citazioni di Anthony Hopkins[modifica]

  • Hannibal Lecter è un'incarnazione mitica, neoclassica. Mi piace moltissimo, ma non mi posso affatto identificare in lui. Se intendete chiedermi quanto ci sia in me in Hannibal, devo ricordarvi che è un personaggio della fantasia, una finzione, e tra di noi esiste soltanto un rapporto attore-personaggio. Hannibal è un lato oscuro, un'ombra, e per questo mette il pubblico davanti ad un'invisibile aspetto del loro inconscio. Forse è per questo, che piace così tanto.[1]
  • [Riferito a Breaking Bad] Non ho mai visto niente di simile! [...] La tua interpretazione di Walter White è stata la migliore che io abbia mai visto. So che c'è abbastanza fumo nel business e io ho quasi smesso di credere. Ma questo vostro lavoro è spettacolare – assolutamente meraviglioso. Quello che è straordinario è la forza che tutti avete messo nella produzione. Quanto è durato il lavoro di produzione? 5 o 6 anni? Come i produttori, gli sceneggiatori, ogni dipartimento, il cast etc abbiano mantenuto disciplina e controllo dall'inizio alla fine- questo è meraviglioso. Inizia come una black comedy, evolve in un labirinto di sangue, distruzione, inferno. È come una tragedia greca o shakespeariana.[2]
Intervista di Luca Pellegrini, Dubbi e confusioni di Hopkins esorcista, in Avvenire, 8 marzo 2011
  • Qualcuno ha detto che la fede è una scommessa. Così, è meglio credere a una forza che ci sostiene piuttosto che vivere in una stanza senza luce e senza speranza.
  • Non sono ateo, anche se sono stato cresciuto così. E non mi metto a discutere con gli atei. Meglio essere felici che cercare di avere ragione.
  • Ho incontrato alcuni anni fa un sacerdote australiano tormentato per questo. La sua vita si stava spaccando. Soffriva terribilmente. Gli dicevano: prega, prega.

Note[modifica]

  1. Citato in Dizionario degli attori: Gli attori del nostro tempo, a cura di Gabriele Rifilato, Rai-Eri, 2005, Roma. ISBN 8839712895.
  2. Da una lettera aperta a Bryan Cranston; citato in Anthony Hopkins scrive a Bryan Cranston di Breaking Bad: "La migliore serie tv che abbia mai visto", HuffingtonPost.it, 15 ottobre 2013.

Film[modifica]

Altri progetti[modifica]