Biagio Marin

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Biagio Marin (1891 – 1985), poeta e scrittore italiano.

La vita xe fiama[modifica]

  • Podê[1] vive nel cuor | comò drento[2] d'un brolo[3], | scoltâ[4] un rosignolo | che conta 'l so dolor. || Catâ[5] tra i veci muri | la zogia[6] de la vita | ne l'umiltà dei fiuri, | nel rîe de margherita. || E dopo la zornà[7] | e dopo quela festa, | piegâ[8] la nostra testa, | calmi, in umiltà. (Podé vive nel cuor, p. 19)
  • Doman! da mile cune un pianzotèo[9] | zentil, comò de l'aqua fra le giare, | e un canto dolse, coldo[10] d'una mare[11], | che su quel pianto la distende un reo.[12] || Oh! la vita no more. | la fioridura sempre se rinova, | dal sielo cade tepida la piova, | e dopo 'l sol el ciama a dute.[13] l'ore. (Doman se leverà el sol, p. 23.)
  • Dal fondo de la terra colda[14] e negra, | sughi de vita incontra le radise: | ele[15]le beve, el sielo se ralegra | de l'ale rosa su le rame grise. || Fa luse[16], tanta luse in alto; | ma quela luse vien da quel profondo | e la se spande in svolo nel sol biondo | drento 'l seren, d'un bel color cobalto. (Qui gera l'orto de l'antica brama, p. 26)
  • El mondo, duto[17], sensa pase[18] va | de fiama in fiama e no l'ha sosta: | da riva al mar a la lontana costa, | incontro sempre a la novela istà[19]. | El cuor patisse e canta a rusignol, | e in sto cantâ afiora la frescura; | el tempo passa, ma la fiama dura, | e ne la luse el cuor più no me duol. (El tempo de l'amor par finio, p. 31)
  • Comò[20] i sòrbuli[21] in casa russi e zali[22] | che sotto i travi un poco al dì madura, | e i se fa[23] dulsi e boni da magnâli[24], | l'anema mia se fa ogni dì più pura. (da Comò i sorbuli in casa russi e zali, p. 41)
  • La fiama alta de la nostra istae | l'ha brusao[25] duto[17], ogni verdura: | adesso cala la gran note azura | che me dormensa[26] per l'eternitae. (L'istae malao xe za passao, p. 53)
  • Signor, || [...]] || fame murî d'istae | vardando[27] a note el rîe[28] del firmamento, | le stele inamorae | che cage[29] zo[30] col vento; || che posso arde e púo[31] brusâ[32] con ele | e pêrde la gno[33] vita in tanta luse | che senza dî[34] parola, la conduse | al de là de le stele. (Signor, p. 59)
  • Vardo[35] in giro comosso | el biavo[36] fâsse[37] d'oro | e l'oro fâsse rosso | púo 'l rosso fâsse moro. || E vien la note granda | co' le stele in colana | e Galassia fa girlanda | su l'isola graesana.[38] (Me sono in paradiso!, p. 64)
  • El duol, e pur el canta | e pur el mete fiuri, | el sogna amuri | di quî[39] che fa la tera santa. (No me lamento, p. 217)
  • E noltri[40], ninte semo, | se no breve caligo[41] | nel sielo imenso un sigo[42] | che più non ripetemo. || El più lontan dei geri[43] | xe senpre incuo[44], | el sol el xe cagiuo[45] | ma nei nostri pensieri. (Vido xe 'ndao, p. 231)
  • La morte a le gno[46] spale | la varda[47] che che scrivo, | tu son[48] incora vivo, | portâte via no vale.|| 'Ndaremo[49] via de qua | verso l'eternità | in ora più queta, | canta più forte mio poeta. (La morte a le gno spale, p. 238)

Note[modifica]

  1. Potere.
  2. Dentro.
  3. Orto, giardino cinto di mura, di solito posto alle spalle o a fianco della casa.
  4. Ascoltare.
  5. Trovare.
  6. Gioia.
  7. Giornata.
  8. Piegare.
  9. Lungo piantino.
  10. Caldo
  11. Madre.
  12. Rete.
  13. Tutte.
  14. Calda.
  15. Le radici del melo al centro dell'Eden.
  16. Luce
  17. a b Tutto.
  18. Pace.
  19. Estate.
  20. Come
  21. Sorbi.
  22. Gialli.
  23. Si fanno.
  24. Mangiarli.
  25. Bruciato.
  26. Mi addormenta.
  27. Guardando.
  28. Ridere.
  29. Cadono.
  30. Giù.
  31. Poi.
  32. Bruciare.
  33. Mia.
  34. Dire.
  35. Guardo
  36. Azzurro.
  37. Farsi.
  38. Di Grado.
  39. Quelli.
  40. Noi
  41. Caligine.
  42. Grido.
  43. Ieri.
  44. Oggi
  45. Caduto
  46. Mie
  47. Guarda
  48. Sei
  49. Andremo.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]