Borotalco (film)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Borotalco

Immagine Borotalco (film).JPG.
Titolo originale

Borotalco

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1982
Genere Commedia
Regia Carlo Verdone
Sceneggiatura Carlo Verdone, Enrico Oldoini
Produttore Mario Cecchi Gori, Vittorio Cecchi Gori
Interpreti e personaggi

Borotalco, film del 1982 di Carlo Verdone con Eleonora Giorgi e Christian De Sica.

Frasi[modifica]

  • Un bel giorno, senza dire niente a nessuno, me ne andai a Genova e mi imbarcai su un cargo battente bandiera liberiana. Feci due volte il giro del mondo e non riuscii mai a capire che cazzo trasportasse quella nave, ma forse un giorno lo capii: droga! (Sergio) [fingendosi Manuel Fantoni]
  • Ah Sergio, pensa che è mi' fija. (Augusto)
  • Manuel? E che te se' cambiato pure nome, ah falso! A te, si n'te sta' zitta te gonfio tutta! Ha' capito?! (Augusto)
  • Ah Se', ma come caaazzo parli? (Augusto)
  • Me pari 'n pupazzo! (Rossella) [a Sergio]
  • Che palle lo dici a tu' padre! Intendo? (Prete) [a Sergio]
  • Sergio! Tu le cose le devi venire a comprare con me! (Rossella e Sergio all'unisono)
  • Sta' a pija 'n giro a mi' fija, 'sto fijo de 'na mignotta! Se lo pijo lo sfonno tutto! (Augusto)

Dialoghi[modifica]

  • Madre di Rossella: Ah, èccote qua: Augusto c'è Sergio!
    Augusto: Ah, vattene n'po' a casa che ce devo fa n' discorso co' questo.
    Madre di Rossella: Tanto avevo finito.
    Augusto: Te sei degnato finarmente de venì qui, guarda che t'ho fatto a 'sto negozio...
    Sergio: Eh, è bello, è cambiato da così a così...
    Augusto: Te l'ho rifornito di tutta la roba, c'ho speso li milioni, ma tutta roba de prima qualità... Tiè, senti 'sto presciutto che d'è, senti com'è dorce...
    Sergio: Eh ho mangiato!
    Augusto: Senti sto' prosciutto t'ho detto è dorce... è 'nzucchero ah Sergio, 'o senti?!?! E st'olive 'e senti, queste so' greche, aho! Greche... e 'nnamo... e daje, so' greche... so' bone, come so'? Dì la verità?!
    Sergio: So' greche!
  • Nadia: Ma sò tutti amici suoi? [ Sergio fa cenno di si con la testa] Certo che con tutte 'ste conoscenze lei farà una vita proprio intensa, molto dinamica... insomma, una gran bella vita!
    Sergio "Manuel": Mah, più che bella... la mia vita è stata un'odissea. Sempre qua, là, in giro per il mondo. Un bel giorno me ne andai a Genova, perché avevo optato per il mare... e là, mi imbarcai su un cargo battente bandiera liberiana...
    Nadia: Burt Lancaster?? Nooo!
    Sergio "Manuel": Ah, sì, Burt.
    Nadia: Non è possibile! Ma com'è, che tipo è?
    Sergio "Manuel": Alcolizzato totale, poveraccio...
    Nadia: No!
    Sergio "Manuel": L'altra sera m'ha combinato un macello sulla moquette, m'ha vomitato... l'ho dovuto prendere e cacciare via, purtroppo non c'è niente da fà, certa gente non si deve più invitare a casa!
  • Nadia: [Parlando di Parigi, che Sergio millanta di conoscere] Ma al Louvre ci sei stato?
    Sergio "Manuel": Sì, caro arrabbiato pure quello!
    Nadia: Ma ci si mangia bene?
    Sergio "Manuel": Senza infamia e senza lode... così...
  • Nadia: Secondo te, Dio di che segno potrebbe essere?
    Sergio "Manuel": È una domanda interessante. Non lo so, io me lo immagino come qualcosa di potente, di forte, qualcosa come il toro, il leone.
    Nadia: Ah, errore: ci cascate tutti!
    Sergio "Manuel": Sì?
    Nadia: Eh, beh, se è nato il 25 dicembre non può essere che il capricorno, no?
    Sergio "Manuel": Ma che c'entra, quello è Cristo! Son due cose diverse, no? O no?
  • Augusto: Me devi dire, si nun so' troppo indiscreto, ma te che cazzo voi da mi fija?
    Sergio: In che senso?!
    Augusto: In che senso?! Io c'ho 'na fija sola e nun me va che va presa in giro...
    Sergio: Ma io mica la prendo in giro, Anzi!
    Augusto Mo te vojo riccontà n'fatto che m'è sucesso ieri. M'ha detto: "Papà, che me porti a comprà 'n pajo de scarpe a Via Veneto?" Capirai a me me s'è allargato er core, io e mi' fija a Via Veneto, guai a chi me la guardava. Mentre se stava a guardà la vetrina de scarpe, passeno du' giovanotti e dicheno 'na frase che a me nun m'è piaciuta, io me giro e dico "A cornuto! Vie' qua a cornuto!" È venuto tutto spavardo, er più grosso, e m'ha dato un cazzotto in bocca: me lo so' guardato, ho sputato e j'ho detto: "Manco er sangue me fai usci', a cornuto! In guardia!". J'ho dato un destro 'n bocca m'è cascato per tera come Gesù Cristo, J'ho rotto er setto nasale, j'ho frantumato le mucose, e je dicevo "arzete, arzete, a cornuto arzete!" j'ho detto!... Pieno de sangue per tera, a ettolitri... Nun s'è arzato. Me lo so' guardato, me so' girato, me so' risistemato 'a giacca. M'ha detto "papà che è successo?" dice mi fija. "Niente, due de passaggio, 'namo a compra' le scarpe" j'ho detto.
  • Valeria: E tra... De Niro e Al Pacino?
    Nadia: Ma De Niro cento volte!!!
    Valeria: Ma non lo so, forse Al c'ha uno sguardo più... torbido, più ambiguo. E tra... Burt Reynolds e Robert Redford?
    Nadia: Ma Burt è troppo buro! Forse meglio Redford. Me sembra un po' più tenero, più dolce.
    Valeria: No, io Burt! Poi secondo me c'ha pure più sesso. Ma l'hai visto in costume da bagno che dè? È una delle poche prove dell'esistenza de Dio! Fatte servi'!
  • Valeria: Nadia, lo sai che l'ho rivisto?
    Nadia: Quando?
    Valeria: Oggi qui.
    Nadia: Ma non era tutto finito con Massimo?
    Valeria: Sostanzialmente... sì, ma poi ho scoperto che non posso fare a meno del suo sesso.
    Nadia: Ma non mi avevi detto che è bisessuale?
    Valeria: Pe' me po' esse' bisessuale, trisessuale, quadrisessuale, pentasessuale. So solo che da quer punto de vista... è da applauso.
    Nadia: Beata te Valeria, che applaudi.
    Valeria: Be', ma de che te lamenti? Me pare che pure Cristiano da quer punto de vista là sia OK.
  • Augusto: A signò, scusi, che abita qui un cornuto che se chiama Manuel Fantoni?
    Portinaia: Sì, abita qui, ma non c'è. Ho dato le chiavi ad un amico suo
    Augusto: E' proprio quel cornuto che cerco.
    Marcello: Ma io che c'azzecco? Che c'entro io? Io nun ne saccio niente de sto casino!
    Augusto: E' amico tuo!
    Augusto: A che piano sta signò?
    Portinaia: Quarto piano interno quattordici.
    Rossella: Papà, io non vengo, preferisco resta qua.
    Augusto: No bella de papà, tu devi venì, te faccio vedè chi è quell'essere, quer boione, annamo!
  • Augusto: Mo' famo i conti io e te, sà! A noi due a balordo! Guarda che bella casa che s'è fatto questo, ma anvedi la gente che conosce! Bravo! A 'mbecille, a fregnacciaro viè qua.
    Nadia: Ma chi è, Manuel, chi sono?
    Augusto: Manuel? E che te se' cambiato pure nome, ah falso! A te, si n'te sta' zitta te gonfio tutta! Ha' capito?!
    Marcello: Sergio, gliel'ho dovuto dire, m'ha accis mazzate, so tutto pieno de lividi.
    Rossella: Avevo fatto pure le partecipazioni...
    Augusto: Si sei n'omo viè qua a 'nfamone! Te trito, te trito tutto, a 'nfame! Infame nato! Guarda a chi dò mi fija, guarda a chi la dò! Ma anvedi questo sta in mezzo a ste zoccole, pure l'orge fa sto cornuto. Sei un infame, sei un uomo che non vale niente! A cornuto a chi la dò la mi fija!? Stai sempre in mezzo alle zoccole!
    Sergio: Co la cinta no eh!
    Augusto: Co la cinta no?! Tiè, tièèè!! Pure co le negre vai, pure co le negre!! Vai dicenno che facevi l'amore co la figlia del norcino. Andò le voi, al culo? Tiè, a zozzo!

Altri progetti[modifica]