Diane Kruger

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Diane Kruger (2012)

Diane Kruger (1976 – vivente), attrice e modella tedesca.

Citazioni di Diane Kruger[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • [Sul suo ruolo di madrina al Festival di Cannes] È davvero un onore per me essere un'allieva, non certo una maestra, di cerimonie ed è stato un vero regalo dopo un anno professionalmente ricco di soddisfazioni e che mi ha vista sempre in viaggio.[1]
  • Non ho rapporti competitivi o nevrotici con la mecca del cinema. Comunque sono sempre contenta quando mi viene data la possibilità di prendere parte a blockbuster che non siano solo di facile intrattenimento.[1]
  • [Su Mr. Nobody] Il bello di questa storia sta nel fatto che ognuno può identificarsi con i dubbi della propria vita. Ognuno può correlarsi al personaggio in relazione ai suoi ricordi e alle sue paure, ecco perché Jaco riesce a toccare i cuori di tutti con questo film. Ci dice che tutte le vite possibili conducono a qualcosa e che nessuna di queste è priva di significato.[2]
  • A 30 anni mi sono resa conto che ero sciocca. Credevo di essere una persona di successo: ero indipendente da quando ero una ragazzina, parlavo diverse lingue, avevo viaggiato. Ma non sapevo nulla di ciò che accadeva nel mondo, perché ero troppo concentrata su me stessa. Da quel momento, mi sono impegnata per diventare una donna migliore.[3]
  • [«Non ha paura che la sua perfezione ponga una distanza verso chi la vede in pubblicità?»] In foto posso esserlo, ma poi sono una donna che ha gli stessi problemi delle altre e ho le mie imperfezioni. Spero però che attraverso le immagini arrivi il messaggio che la bellezza non è un dato acquisito, ma un valore da guadagnarsi con l'educazione, lo stile, la cura.[4]
  • [«Come ci si sente a tornare a casa, dopo tanto glamour hollywoodiano?»] Mi sento profondamente europea: la mia generazione è stata veramente quella dell'unione europea. Mi identifico con le storie del nostro continente, con la nostra cultura. Non sono italiana, ma quando sono qui mi sento a casa, come in Francia o Germania: abbiamo lo stesso senso della storia. Ma amo anche lavorare in America: ho una casa a New York da quando avevo 18 anni, e capisco come gli americani ragionano. Mi hanno chiesto da subito di far parte del loro cinema, e sui set americani mi sento a casa. Posso parlare con il loro accento...[5]
  • Non pensavo di poter diventare una modella, ma sono stata scoperta giovanissima. Avevo un discreto successo [sorride, ndr], ma quella che vedevo sulle copertine era la Diane che volevano gli stilisti, i fotografi... Mi guardavo e non ero io, non potevo esprimermi. La recitazione è stata la soluzione. Viaggio ancora come quando sfilavo sulle passerelle, mi capita di posare e penso che indossare certi abiti sia divertente, ma recitare è libertà. Puoi essere qualcun altro per un po'.[5]
  • [Sul post #MeToo] Le regole sono cambiate: ormai produttori e registi non possono più dare appuntamenti per un casting in una camera d'albergo. Ho comunque vissuto delle ingiustizie. Per esempio, se una donna esprime una qualche perplessità riguardo a una scena, viene subito definita "difficile" o "capricciosa come una diva". Se a farlo invece è un uomo si parla di un "grande attore".[6]

Diane Kruger si racconta

Intervista di Margaux Destray, iodonna.it, 9 novembre 2019.

  • [«Dica la verità, la maternità rientrava nei suoi progetti?»] Per molto tempo non ho sentito un particolare desiderio di avere figli. Avevo le mie abitudini e stavo bene anche senza. In poche parole, non mi sentivo pronta. La vita invece ha voluto che mia figlia arrivasse al momento giusto. È stata una sorpresa, di quelle meravigliose. Ho continuato a recitare durante la gravidanza e quando, prima del parto, ho smesso di lavorare, mi sono sentita serena, non ho avuto la sciocca sensazione di essermi persa un ruolo. Ora l'unica cosa che conta è mia figlia. Non dormire per ventiquattro ore non è un problema, purché lei stia bene. E mi sono rassegnata a viaggiare con montagne di bagagli. Io, che che ero abituata a volare solo con il bagaglio a mano...
  • Alla parola ambizione diamo troppo spesso una connotazione dispregiativa. Bisogna sapere cosa si vuole e fare tutto il possibile perché i propri sogni si avverino, non è così?
  • La mia prima passione, la danza, mi ha spinta a cercare la libertà nel rigore. Poi per due anni mi sono divertita a fare la modella. Ma ero bassa per sfilare. E poi non era creativo: una modella si deve accontentare di indossare i capi. Poi alcuni amici mi segnalarono l'esistenza della scuola di recitazione Cours Florent, a Parigi. Non venendo da una famiglia di attori, ero convinta che per esercitare questa professione fosse necessario essere scoperti da qualcuno, un regista, un direttore del casting. E invece...
  • Ai miei interlocutori do l'impressione di essere fredda. Un tratto ereditato dalla mia cultura tedesca.

Note[modifica]

  1. a b Citato in Giovanna Grassi, Diane Kruger: «Dalle sfilate a Beethoven», corriere.it, 16 maggio 2007.
  2. Citato in Jared Leto e Jaco Van Dormael: "Siamo anche noi dei Mr. Nobody", moviesushi.it, 11 settembre 2009.
  3. Da un'intervista a Glamour; citato in Cristina Sarto, Diane Kruger: la dea della bellezza, donnamoderna.com, 13 giugno 2013.
  4. Dall'intervista di Alessandro Argentieri, Diane Kruger, icona di stile e bellezza, marieclaire.it, 11 aprile 2016.
  5. a b Dall'intervista di Antonella Catena, Diane Kruger: Finalmente sono 'nude', amica.it, 14 marzo 2018.
  6. Da un'intervista a Grazia; citato in Carmine Massimo Balsamo, Diane Kruger/ "Ho vissuto anche io delle ingiustizie nel mondo del cinema", ilsussidiario.net, 1º agosto 2019.

Filmografia[modifica]

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]