Gabriel Marcel

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
La firma di Gabriel Marcel

Gabriel Honoré Marcel (1889 – 1973), filosofo, drammaturgo e critico letterario francese.

  • Dire "io sono il mio corpo" equivale a sopprimere fra me e il mio corpo quella distinzione che stabilisco invece quando dico che il mio corpo è il mio strumento; d'altra parte, se io ammetto questa relazione strumentale, mi impegolo inevitabilmente in una regressione all'infinito. Infatti, uno strumento qualsiasi [...] aumenta il potere di un corpo, ed in questo caso il potere del mio stesso corpo, non si può considerare quest'ultimo uno strumento se non immaginando un secondo corpo, che potremmo chiamare mentale, o astrale, di cui il mio corpo fisico sarebbe appunto uno strumento. Ma finché questo corpo, o mentale o astrale, è posto anche lui come corpo, la questione si sposta oltre e così all'infinito. Si può evitare la regressione solo ad un patto: questo corpo, che solo fittiziamente posso paragonare agli strumenti che aumentano i suoi poteri, in quanto è il mio corpo, non può essere uno strumento. Dire "mio corpo" equivale a dire "me stesso" e con ciò io mi pongo al di qua o al di là di qualsiasi rapporto strumentale. (da Il mistero dell'essere)
  • I problemi per la loro stessa natura sono portati a particolarizzarsi. Il mistero è invece ciò che non si particolarizza mai. (da Essere o avere, 1935)
  • Il problema è qualcosa che si incontra, che ci ostruisce la strada. È davanti a me nella sua totalità. Invece il mistero è qualcosa in cui mi trovo impegnato e quindi non viene a trovarsi davanti a me nella sua totalità. (da Essere o avere, 1935)
  • La giustificazione profonda delle filosofie dell'esistenza sta forse soprattutto nel fatto di aver posto in luce l'impossibilità di considerare un essere esistente ignorandone l'esistenza, il suo modo di esistere. (da L'uomo problematico)
  • Montherlant: un autore di teatro meraviglioso, discusso da dei pigmei.[1]
  • Un mistero è un problema che usurpa i propri dati, che li invade e perciò li supera come problema. (da Essere o avere, 1935)

Note[modifica]

  1. Dall'intervista di Vittorio Abrami, Colloquio con Gabriel Marcel, Il Popolo, 27 marzo 1963.

Bibliografia[modifica]

  • Nicola Abbagnano, Giovanni Fornero – Protagonisti e testi della Filosofia vol. D tomo 1 (2000), Paravia, Milano.
  • Gabriel Marcel, Il mistero dell'essere, Borla, Roma 1987.
  • Gabriel Marcel, L'uomo problematico, Borla, Roma 1992.

Altri progetti[modifica]