Georges Clemenceau

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Georges Clemenceau

Georges Benjamin Clemenceau (1841 – 1929), politico e giornalista francese.

Citazioni di Georges Clemenceau[modifica]

Je fais la guerre.
  • La guerra è una cosa troppo seria per lasciarla in mano ai militari.[5][6]
La guerre! c'est une chose trop grave pour la confier à des militaires
  • [Su Woodrow Wilson] Mi dà ai nervi coi suoi 14 punti, quando lo stesso buon Dio si è contentato di dieci![7]
  • [Il giovane] Non ha idee, ma le difende con ardore![8]
  • Non c'è riposo per i popoli liberi: il riposo è un'idea monarchica.[9]
  • Quella che chiamiamo verità non è altro che un'eliminazione di errori.[10]
  • Poincaré sa tutto, ma non capisce niente! Briand non sa niente, ma capisce tutto![11]
  • Tutto è assurdo e splendido simultaneamente. Delle lacrime in un sorriso: è l'aspetto più bello dell'umanità.[12]

Note[modifica]

  1. Clemenceau, che soffriva di prostata, pronunciò queste parole al tavolo di pace di Versailles, rivolgendosi a Vittorio Emanuele Orlando, continuamente in lacrime per le umiliazioni che, a suo dire, gli Alleati gli infliggevano.
  2. Citato in Indro Montanelli, Io e il cavaliere qualche anno fa, Corriere della sera, 25 marzo 2001, p. 1
  3. Citato in Enzo Biagi, Buoni cattivi: esiste ancora una morale valida per tutti?, Biblioteca Universale Rizzoli, Milano, 1991, p. 117. ISBN 88-17-11549-5
  4. Citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, p. 675.
  5. Citato in G. Suarez, 60 années d'histoire française.
  6. Frase attribuita già a Talleyrand, secondo A. Briand che la riferì a D. Lloyd George.
  7. Citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, p. 697.
  8. Citato in Luciani, p. 67.
  9. Da un discorso alla Camera dei deputati avvenuto nel 1883.
  10. Da Aux embuscades de la vie.
  11. Citato in Luciani, p. 35.
  12. Citato in Enzo Biagi, Mille camere, Mondadori, Milano, 1984, p. 25.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]