Giuseppe Mesirca

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Mesirca (1910 – 1995), narratore e saggista italiano.

Citazioni di Giuseppe Mesirca[modifica]

  • [Sullo stile di Walter Pater] Una prosa che ha l'ampiezza e la varietà del movimento delle onde marine, ora lento ora increspato da sussulti repentini, a cui succedono larghi di immensa quiete, come scandita sul ritmo della musica di Wagner, e che anticipa di poco e quasi prepara quella non meno maliosa di Hofmannsthal [...].[1] (p. 31)
  • Non ci sembra di propendere per l'esagerazione se consideriamo Leone Traverso come «il pellegrino appassionato dei santuari dell'arte e dell'anima», «il membro di un ideale ordine laico» a cui appartennero, al dire di Praz, oltre a Hugo von Hofmannsthal e a Walter Pater, anche Henry James e Marcel Proust, un devoto di Robert de la Sizeranne, l'autore di Ruskin et la religion de la Beauté, e non ultimo il d'Annunzio delle città del silenzio: Venezia, Mantova, Ferrara, ammirato da Hofmannsthal e, con scelte selettive e mai ripudiate, pure da Traverso, che si riteneva, boutade a parte, l'ultimo della stirpe dei decadenti. [1] (p. 32)

Note[modifica]

  1. a b Dall'introduzione a Leone Traverso, Immagini di città, Bertoncello, 1986.

Altri progetti[modifica]