Jean Racine

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jean Racine

Jean-Baptiste Racine (1639 – 1699) scrittore e tragediografo francese.

Citazioni di Jean Racine[modifica]

  • La mia unica speranza è nella mia disperazione. (da Baiazette, atto I, scena 4, in Teatro)
  • Ondeggia, esita; in una parola, è donna. (da Atalia, atto III, scena 3, in Teatro)

Andromaca[modifica]

  • Ah! troppo l'ho amato per non odiarlo. (II, 1)
  • La mia innocenza comincia alla fine a pesarmi. (III, 1)
  • Ti amavo incostante; che avrei fatto fedele! (IV, 5)

Britannico[modifica]

  • Questa diffidenza è sempre l'ultima cosa che un grande cuore impara: lo si inganna a lungo. (I, 4)
  • Non ho meritato né un onore così grande né tanta ingiuria (II, 3)
Je n'ai mérité | Ni cet excès d'honneur, ni cette indignité.
  • Abbraccio il mio rivale, ma per soffocarlo. (IV, 3)
J'embrasse mon rival, mais c'est pour l'étouffer.

Fedra[modifica]

  • Non è più un fuoco nascosto nelle mie vene, è Venere tutta intera che s'avvinghia alla sua preda. (I, 3)
  • L'innocenza non ha nulla da temere. (III, 6)
  • Come la virtù, anche la colpa ha i suoi gradi. (IV, 2)
  • La luce non è più pura del fondo del mio cuore. (IV, 2)
  • Odiosi adulatori, voi siete il dono più funesto che la collera divina possa fare ai re. (IV, 6, 1325-1326)
Détestables flatteurs, présent le plus funeste | Que puisse faire aux rois la colère céleste.[1] [Ultime parole di Fedra, morente]

I litiganti[modifica]

  • Come si suol dire, coi lupi s'impara a urlare. (I, 1)
  • Ma senza danaro il rispetto è solo una malattia. (I, 1)
  • Pazzo davvero chi fida nell'avvenire: chi ride di venerdì, piange la domenica. (I, 1)

Citazioni su Jean Racine[modifica]

  • Dà soddisfazione pensare che il primo scrittore della letteratura francese non è un moralista, né uno scienziato, né un generale, né un re, ma un uomo di lettere. (Jean Giraudoux)
  • Forse gli uomini di oggi non vibrano più per un Tito che rinuncia all'impero per la donna amata, ma soltanto per il gaudente che rinuncia all'impero per una consorte di terza mano.
    Io sto con Racine; la nostra epoca si conservi le sue rivistine a fumetti, che vendono tanti milioni di esemplari da regalare villini a tutti i redattori. Tra i romanzieri unanimisti e Grand Hotel, preferisco semmai Grand hotel. Ma resto con Racine. Se siamo di fronte, veramente, a un nuovo Medioevo, non c'è da sgomentarsi troppo. Ogni Medioevo termina. E Racine resterà. (Henry Furst)
  • La moda di amare Racine passerà come [quella del] caffè. (Voltaire)
  • Quasi nello stesso tempo perdemmo il celebre Racine, tanto conosciuto per le sue belle opere teatrali. Nessuno aveva intelligenza più profonda e più aperta, né più piacevolmente volta: niente del poeta nel suo commercio, ma tutto dell'onesto uomo, dell'uomo modesto, e verso la fine della sua esistenza, dell'uomo dabbene. (Louis de Rouvroy de Saint-Simon)
  • Racine. Come hanno potuto i francesi anche solo avvicinare al grosso Corneille questo sottile usignolo che ha empito di accenti penetranti tutte le notti dell'insonnia? Oh, Racine! Tenero e crudele Racine! Pensare che hai taciuto, come una qualunque La Valliére, per aver perdute le grazie di un re decorativo e bastone! (Umberto Saba)

Citazioni su Atalia[modifica]

  • Se il sentimento cristiano fa l'originalità, l'essenza stessa di questo capolavoro, chiunque sia inaccessibile a qualsiasi specie di senso religioso resta chiuso alla bellezza essenziale di Atalia. (Henri Brémond)

Note[modifica]

  1. Citato in Fumagalli, Chi l'ha detto?, p. 537

Bibliografia[modifica]

  • Jean Racine, Andromaca, Britannico, Fedra, I litiganti in Teatro, a cura di Maria Ortiz, Sansoni, 1963.

Altri progetti[modifica]