Karl Löwith

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Karl Löwith (1897 – 1973), filosofo tedesco.

Citazioni di Karl Löwith[modifica]

  • [...] nei Vangeli non si può rintracciare il minimo accenno di una filosofia della storia, ma soltanto il messaggio della redenzione attraverso Cristo e proprio da tutto il divenire terreno. Le parole di Gesù contengono un unico riferimento alla storia del mondo: egli distingue ciò che dobbiamo a Cesare da ciò che dobbiamo a Dio. Il carattere più eminente della tradizione cristiana è proprio questo dualismo: nell'Antico Testamento tra il popolo eletto e i pagani, nel Nuovo Testamento tra il regno di Dio e i valori del mondo. Il primo dualismo è immanente alla storia, mentre il secondo contrappone al mondo un regno sopra-storico di Dio.[1]
  • Nel movimento di reazione a Hegel, il problema dell'essere è giunto con Schelling al punto in cui sarà ripreso più tardi da Heidegger.[2].

Note[modifica]

  1. Da Significato e fine della storia. I presupposti teologici della filosofia della storia, prefazione di Piero Rossi, traduzione di Flora Tedeschi Negri, Il Saggiatore, 2010, p. 219. ISBN 9788856502060
  2. Da Da Hegel a Nietzsche (1941), traduzione di Giorgio Colli, Einaudi, Torino, 1994, p. 185

Altri progetti[modifica]