Leonardo Sinisgalli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Leonardo Sinisgalli (1907 – 1981), poeta, saggista e critico d'arte italiano.

Citazioni di Leonardo Sinisgalli[modifica]

  • Come il ragnu | costruisco con niente, | lo sputo, la polvere, | un po' di geometria. (da Infinitesimi, a cura di Giuseppe Tedeschi, Edizioni della Cometa, 2001)
  • Girano tanti lucani per il mondo, ma nessuno li vede, non sono esibizionisti. Il lucano, più di ogni altro popolo, vive bene all'ombra. (da Un disegno di Scipione, Mondadori, 1975, p. 165)
  • Spine letali, spine pungenti | tali sono le zie e le parenti. (da La vigna vecchia, Mondadori)
  • [Su Vincenzo Cardarelli] Scendo nelle ore d'afa | sulla stretta cornice d'ombra | dei palazzi di Porta Pinciana. | Balzo nel sole dentro la sua tana. | Poggiavi le braccia stecchite | sulla lastra di marmo, seduto | davanti a un bicchiere, | l'ultimo che hai bevuto. | Immobile, muto | guardavi contro l'intonaco della via | le rapide ombre, i lampi | della grazia fugace, | la liquida danza. | Avvolto nelle penne spiavi | il giorno senza speme, udivi | il riso, i patti osceni dei vivi. | Qui, in questa grotta, | parlasti serio agli amici | come si parla ai morti. (da Fiaschetteria di Tito Magri. Alla memoria di Vincenzo Cardarelli, in Cineraccio, Venezia, Neri Pozza Editore, 1961)

L'età della luna[modifica]

  • Chi ama troppo la natura rischia di perdere il resto del mondo. Il poeta deve respingere le moine del creato.
  • Il diavolo può fare brutti scherzi al genio, trascura gli imbecilli.
  • Il poeta non deve edificare, deve soltanto allineare.
  • La bellezza non è il destino dell'arte. L'arte è perdita non guadagno.

Bibliografia[modifica]

  • Leonardo Sinisgalli, L'età della luna, 1956-1962, Mondadori, 1962.

Altri progetti[modifica]