Al 2019 le opere di un autore italiano morto prima del 1949 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Luigi Antonio Lanzi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Lanzi.png

Luigi Lanzi (1732 – 1810), gesuita, archeologo e storico dell'arte italiano.

Citazioni di Luigi Lanzi[modifica]

  • Michelangiolo Amerighi o Morigi da Caravaggio è memorabile in quest'epoca, in quanto richiamò la pittura dalla maniera alla verità, così nelle forme che ritraeva sempre dal naturale, come nel colorito che, dato quasi bando a' cinabri e agli azzurri, compose di poche, ma vere tinte alla giorgionesca. Quindi Annibale [Carracci] diceva in sua lode che costui macinava carne; e il Guercino e Guido assai l'ammirarono e profittarono de' suoi esempi. (da Storia pittorica della Italia, tomo primo, libro terzo, epoca quarta, Remondini di Venezia, Bassano, 1795-1796)
  • [Canaletto] ama il grand'effetto, e nel produrlo tiene alquanto del Tiepolo, che talvolta gli fa le figure; e ovunque muove il pennello, sian fabbriche, sian acque, sian nuvole, sian figure, imprime un carattere di vigore, che par vedere gli oggetti nell'aspetto che più impone. Usa qualche libertà pittoresca, sobriamente però, e in modo che il comune degli spettatori vi trova natura, e gl'intendenti vi notan arte. Questa possedé in grado eminente.[1] (da Storia pittorica della Italia, tomo secondo, libro primo, epoca quarta, Remondini di Venezia, Bassano, 1795-1796)
  • Policleto è, dopo Fidia, il nome più rispettato nella storia della scoltura. Nella idea del bello e nella diligenza è anteposto da Quintiliano e da Strabone ad ogni altro. Misurando egli il suo talento con quel di Fidia, non osò competer con lui nel carattere più sublime: si occupò a formare de' simulacri giovanili. Alcuni presso Quintiliano credettero, che sotto il suo scarpello gli uomini crescessero in beltà; ma gli Dei decrescessero. (da Notizie della scultura degli antichi e dei vari suoi stili, seconda edizione italiana, Poligrafia fiesolana, 1824, pp. 50-51)
  • [Policleto] Egli fu il primo a stabilire in una sola gamba le figure[2]; egli il primo a determinare le proporzioni con un libro circa la simmetria, e con una statua tutta conforme a' suoi precetti, ch'egli nominò il Canone o il Regolo. Per tale opera gli artefici lo riguardarono come un legislatore; e quindi viene probabilmente che le statue greche, come riflette Winkelmann paiono condotte quasi tutte con le stesse leggi fondamentali, e uscite, per dir così, dalla stessa scuola. (da Notizie della scultura degli antichi e dei vari suoi stili, ibid., pp. 51-52)

Citazioni su Giovanni Papini[modifica]

  • Il Lanzi è delle glorie più grandi d'Italia, a cui gli stessi stranieri s'inchinano. Nell'abate Lanzi l'Europa riverì sempre e riverisce meritamente il padre della dialettologia paleoitalica, padre veramente, perché primo ne raccolse con diligenza e ne vagliò con critica sana i monumenti scritti. (Giacomo Zanella)[3]

Note[modifica]

  1. Citato in Canaletto, I Classici dell'arte, a cura di Cinzia Manco, pagg. 181 – 188, Milano, Rizzoli/Skira, 2003. IT\ICCU\CAG\0608462
  2. Statue nelle quali, per accrescerne la naturalezza, il corpo gravita su una gamba, mentre l'altra è leggermente flessa.
  3. Citato in Giulio Natali, Il settecento, vol. 1, Milano, Vallardi, 1929, p. 445.

Altri progetti[modifica]