Al 2021 le opere di un autore italiano morto prima del 1951 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Paolo Giovio

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Giovio

Paolo Giovio (1483 – 1552), vescovo, storico, medico e biografo italiano.

Citazioni di Paolo Giovio[modifica]

  • Avanzando di dignità di corpo e di leggiadria di bellezza i più delicati giovani, [Aimone di Savoia] riusciva anco allora molto più grande e più bello di se stesso quando, con una nuova foggia, si lasciava crescere i capegli di color d'oro, e spesse volte acconciandogli in treccie, e tallora lasciandogli andar giù per le spalle, gli assettava in una cuffia di rete o con una ghirlanda di fiori; perché ciò si gli aveniva molto essendo egli bianco e riguardevole del color di latte e con una barba bionda, come si può vedere per molte imagini di lui, e massimamente in una armata a cavallo, la quale si vede nella rocca di Pavia alla sinistra loggia. (da Le vite di dicianove huomini illustri, 1561)
  • Lardellano i loro magri libri col grasso delle opere degli altri.[1]

Attribuite[modifica]

Citazioni su Paolo Giovio[modifica]

  • Qui giace il Giovio, storicone altissimo, | di tutti disse mal, fuorché dell'asino, | scusandosi col dire: egli è mio prossimo.[4] (Pietro Aretino)

Note[modifica]

  1. Citato in Robert Burton, Anatomia della malinconia, a cura di Jean Starobinski, traduzione di Giovanna Franci, Marsilio, Venezia, 2020.
  2. Giammaria Mazzuchelli, nella sua Vita di Pietro Aretino (G. Comino, 1741, pp. 81-84), l'attribuisce a François Maynard nella forma seguente:
    Qui giace l'Aretin poeta Tosco,
    che disse mal d'ognun, fuorché di Dio,
    scusandosi col dir, Non lo conosco
    .
  3. Giuseppe Fumagalli (Chi l'ha detto?, Hoepli, Milano, 1921, p. 413) riporta lo stesso epigramma in forma leggermente diversa: "Qui giace l'Aretin poeta tosco, | che disse mal d'ognun fuor che di Dio | scusandosi col dir, non lo conosco", e negandone l'attribuzione a Paolo Giovio.
  4. Questa citazione, sotto forma di epigrafe, fu scritta parafrasando quella che il Giovio aveva scritto sull'Aretino.

Altri progetti[modifica]