Passero

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Un passero

Citazioni sul passero.

  • Altri dicono che perfino i passeri non perdono una penna senza che il dito stesso di Dio si muova per farla cadere. (Thornton Wilder)
  • Anche il passero trova la casa, | la rondine il nido, | dove porre i suoi piccoli, | presso i tuoi altari, | Signore degli eserciti, mio re e mio Dio. (Salmi)
  • Cerco in tutte le canzoni e in un passero sul ramo | uno spunto per la rivoluzione. (Rino Gaetano)
  • D'in su la vetta della torre antica, | passero solitario, alla campagna | cantando vai finché non more il giorno; | ed erra l'armonia per questa valle. (Giacomo Leopardi)
  • E ho visto i passeri sfrecciare fulminei, | più arditi di un lupo da preda. (Frank Herbert)
  • Il passero è invece di cattivo augurio all'uomo che fugge e di buon augurio per gli amori, perché, quando è in caldo, si accoppia sette volte all'ora. (Agrippa von Nettesheim)
  • La felicità dei passeri è fondata sul letame. (Hermann Hesse)
  • Scrivo in modo istintivo. Sono più un passero che costruisce il nido con materiali diversi, presi qui e là, che un cuculo che si insedia in un nido già pronto. (Tullio Avoledo)
  • Se solo potessi sentire il canto dei passeri & sentire di nuovo l'infanzia trascinarmi indietro di nuovo & di nuovo sentirmi abbracciato dalla realtà io morirei felice. (Jim Morrison)
  • Su le Noriche nevi ella già sparge | le sue rose l'Aurora, e saltellante | di ramo in ramo il passer mattutino | in suo garrire la saluta, e chiama | alle cure campestri il villanello. (Vincenzo Monti)
  • Tu, solingo augellin, venuto a sera | del viver che daranno a te le stelle, | certo del tuo costume | non ti dorrai; ché di natura è frutto | ogni vostra vaghezza. (Giacomo Leopardi)

Altri progetti[modifica]