Patrice Chéreau

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Patrice Chéreau, 2009

Patrice Chéreau (1944 – 2013), regista e attore francese.

Citazioni di Patrice Chéreau[modifica]

  • [Su Kerry Fox nel film Intimacy] Di lei mi ha colpito la calma con la quale ha affrontato i provini e tutte le mie domande. Era come se avesse capito il personaggio e il suo comportamento. È un'attrice concreta, vera, sempre, non bella in modo evidente ma che riesce a diventarlo in maniera naturale.[1]
  • [Su Intimacy] I corpi nudi di un uomo di 40 anni e di una donna di 35 non sono perfetti, ma anche questo è bello. Sono un uomo e una donna comuni, che si incontrano solo per fare sesso e lo fanno come tutte le persone comuni, non c'è niente di pornografico né di volutamente erotico. Voglio che la gente si identifichi, se avessi preso Claudia Schiffer chi avrebbe potuto identificarsi?[2]
  • Le persone parlano spesso proprio per non dire, per celare la verità. Talleyrand sosteneva che Dio ha dato la parola all'uomo perché nasconda il suo pensiero.[3]

Eros e persecuzioni Passioni da incubo con la Gainsbourg

Corriere della Sera, 29 agosto 2009

  • Berlusconi e Sarkozy si muovono sulla stessa rotta, individualismo e liberismo sfrenati. Non mi riconosco in quei governi. Il mio presidente è Obama. Ho tifato per lui alle primarie, ho brindato alla sua vittoria.
  • Charlotte Gainsbourg. Ha raggiunto quella maturità artistica in cui nulla fa più paura. Un'attrice molto consapevole. [...] Lei fa parte di quella schiera di attrici che se le guardi a occhio nudo sembrano non fare "niente", ma sul cui volto invece la camera coglie espressioni sorprendenti.
  • [Riferito al film Persécution] Ho cercato di raccontare un modo di amare malato, ossessivo, spaventoso per gli altri. Qualcosa che io conosco fin troppo bene: perseguitare ed essere perseguitato.
  • Possesso significa insicurezza, non amarsi abbastanza o addirittura odiarsi. Cercare nell'altro la ragione per cui vale la pena di amarti, quando tu per primo non pensi che esista.

Note[modifica]

  1. Da Intervista a Patrice Chereau, film.it, 14 aprile 2003.
  2. Citato in Il sesso orale fa scandalo a Berlino, repubblica.it, 15 febbraio 2001.
  3. Citato in Corriere della Sera, 6 settembre 2009.

Filmografia[modifica]

Altri progetti[modifica]