Paul Morand

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Paul Morand

Paul Morand (1888 – 1976), diplomatico e scrittore francese.

Citazioni di Paul Morand[modifica]

  • È morto sull'esempio di quell'antichità che amava tanto. Bisognerà rifarsi ai classici, a Chateaubriand, a Benjamin Constant, a Barrès, per dargli la giusta collocazione nella nostra letteratura. Non era fatto per vivere in un'epoca vile. Era fatto per un'epoca di tornei e non di rapine. Montherlant muore all'inizio dell'autunno, come un eroe solare. Vita da filosofo, morte da samurai. Il revolver, per disprezzare la sua epoca, i suoi contemporanei, cessare di esservi.[1]
  • Era bella come la moglie di un altro. (da Lewis et Irene)  informazioni bibliografiche? informazioni bibliografiche?
  • Il Mediterraneo è soprattutto la civiltà dell'antideserto.[2]
  • Scrivevo un giorno a Montherlant che non ci sono nessuna gloria, nessun piacere, se non sono ottenuti in fretta. Dimenticando forse che un capitolo di Alle sorgenti del desiderio è intitolato: «La loro sinistra pazienza», mi rimproverò giustamente di esaltarmi per questa velocità in sé, a cui lui opponeva la qualità. Frequentando l'Oriente gli è venuta la saggezza che dimostra quando afferma: «Verrà un giorno in cui, per la banalità della velocità e la facilità di esagerare in ciò che la concerne, la lentezza apparirà come il modo più naturale di esprimere una certa delicatezza?».[3]

Incipit di Campioni del mondo[modifica]

La pista coperta era vuota, ma sentii arrivare un rumore di passi dalla curva inclinata di cui vedevo soltato l'uscita: sbucarono due corridori vestiti di bianco. Mentre uno si raddrizzava per rallentare, l'altro si tuffò in avanti: le loro mani che si toccavano si staccarono.[4]

Note[modifica]

  1. Citato in Antonio Castronuovo, Henry de Montherlant, Suicidi d'autore, Stampa alternativa, Roma, 2003, p. 64.
  2. Citato in La Fiera Letteraria p. 20, n. 5, 14 marzo 1971.
  3. Da Elogio del riposo, Archinto, Milano, 1994, pp. 93-94.
  4. Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937

Altri progetti[modifica]