Ricomincio da tre

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Ricomincio da tre

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Ricomincio da tre

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1981
Genere commedia
Regia Massimo Troisi
Sceneggiatura Anna Pavignano, Massimo Troisi
Produttore Fulvio Lucisano
Interpreti e personaggi

Ricomincio da tre, film italiano del 1981 di e con Massimo Troisi.

Frasi[modifica]

  • Chist' è americano, è abituato malamente, se piglia tutt' 'e cose. (Gaetano)

Dialoghi[modifica]

  • Marta: Quando c'è l'amore c'è tutto.
    Gaetano: No, chella è 'a salute!
  • Gaetano: Io dimane parto. Cioè dimane me ne vaco a Firenze, addu...addu zia Antonia...
    Lello: E 'n'ata vota Firenze, e 'n'ata vota zia Antonia, e poi nun parte maje.
    Gaetano: Cioè, se ti sto dicendo che parto, parto... e po' me ne vaco, Rafe', nun 'nce 'a faccio cchiù! Cioè, chello che è stato è stato, basta! Ricomincio da tre!
    Lello: Da zero!
    Gaetano: Eh?
    Lello: Da zero! Ricominci da zero!
    Gaetano: Nossignore, ricomincio da... cioè, tre cose me so' riuscite dint' 'a vita, pecché aggia perdere pure chelle? Che aggia ricomincia' da zero?! Da tre!... Me ne vaco, nun 'nce 'a faccio cchiù...
    Lello: Gaeta', chi parte sa da che cosa fugge, ma non sa che cosa cerca.
    Gaetano: Cioè comm'è 'sta cosa? Chi parte...
    Gaetano e Lello: ...sa da che cosa fugge ma non sa che cosa cerca.
    Gaetano: Azz, è bella, 'o ssaje? L'hê fatta tu? [Gaetano annuisce compiaciuto] Pare scemo tu eh, e invece...
  • Marta: Senti, ma come mai sei venuto via da Napoli?
    Gaetano: Ma sai, in fondo in fondo...sai...chi parte sa da cosa fugge ma non sa che cosa cerca.
    Marta [sorridendo]: Ma che fai, parli con le frasi degli altri?
    Gaetano: Perché, conosci a Lello, tu?
    Marta: E chi è Lello?
    Gaetano: Lello Sodano, chillu là bassino, 'nu poco... cu 'na faccia, tene 'nu [cerca di mimare le sue fattezze]...cioè la frase che hai detto...
    Marta: È di Montaigne!
  • Padre di Gaetano: Ah Pascali', ajere sera t'ha telefonato 'na guagliona.
    Fratello di Gaetano: E chi era?
    Padre di Gaetano: Non ho capito, 'o nomme me l'ha detto pure due o tre volte ma ... non ho capito.
    Fratello di Gaetano: E nun' 'o putive scrivere?
    Gaetano: Ma si t'ha ditto che nunn' ha capito che doveva scrivere!? "NON HO CAPITO"?!
  • Malato mentale: Boh! [Urlando]... Boh [A bassa voce]... Mah!... Mah... No! Orgoglio e dignità... Dignità e orgoglio... No! Orgoglio... e...
    Gaetano: Dignità...
    Malato mentale: Dignità [Biascicando]... Dignità, bravo! Eh... Io [Ridacchia stizzosamente], io me ne frego della dignità [Ridacchia stizzosamente]... Me ne frego, se qualcuno mi viene a chiedere: "Tu vuoi cambiare persona, vuoi diventare un altro?" Lo sa che cosa le rispondo io?, "Sìì, certamente". Cosa le rispondo io?
    Gaetano: Sì, certamente...
    Malato mentale: Bravo!... Eeh! Io non sono un ipocrita. Lo sa che quando si va a chiedere a uno, no? Per la strada, a uno qualsiasi, vuole diventare Gianni Agnelli? Vuole diventare, per la bellezza, Alain Delon per dire, glielo chieda, vedrà che cosa le risponde, lo sa che cosa le risponde? [Gaetano fa cenno di sì con la testa] No! Certamente [Gaetano ripete e mima il no]... Se invece viene da me e mi chiede, mi chieda! Provi a chiedermelo! Vuole diventare Gianni Agnelli o Alain Delon? Provi a chiedermelo!
    Gaetano: ... O Alain Delon? [Sottovoce]
    Malato mentale: Sì.
    Gaetano: ... O Alain Delon? [Intimorito]
    Malato mentale: Lei provi a chiedermi, vuole diventare Gianni Agnelli o Alain Delon? E io vedrà che cosa le rispondo! Io vedrà che cosa le rispondo se me lo chiede subito.
    Gaetano: Vuole diventare Gianni Agnelli o Alain Delon? [Parlando intimorito]
    Malato mentale: Facciamo finta che lei me l'ha chiesto.
    Gaetano: No, l'ho chiesto, ho chiesto proprio, lei vuole diventare...
    Malato mentale: Insomma lei ha le idee confuse, lei mi doveva chiedere, ha fatto un giro di parole, lei vuo... Lo dico io al suo posto: "Lei vuole diventare Gianni Agnelli o Alain Delon?" E vedrà cosa le rispondo io, sa cosa le rispondo io? Sì, certamente... Certamente, perché loro c'hanno tutto, [Avvicinandosi a Gaetano, scuotendolo e urlando sempre di più] c'hanno le donne e c'hanno la ricchezza e c'hanno la bellezza e la salute e poi c'hanno le chiavi per gli appartamenti e i pianoforti e le casseforti e le cassate e le gazzose e le casse dello champagne e la casse dammorto e incasso che c'ho io, guarda un po' se è diversa la situazione sì o no! [Gaetano si alza e se ne va] Sì o no?
    Gaetano: Hai vist', è pazz' qua. [Rivolto a Marta appena arrivata]
    Malato mentale: Eh quello è un ragazzo strano... Ah, in America non sono strani così eh, io ci sono stato in America! [Parlando al vuoto]
  • Signora Ida: La rovina dei giovani è cominciata con...
    Robertino: Con i capelloni!
    Signora Ida: I capelloni.
    Robertino: La minigonna!
    Signora Ida: La minigonna.
    Gaetano: Il grammofono.
    Signora Ida: Il grammofono no.
    Gaetano: Un poco pure il grammofono.
  • Robertino: Ma mammina dice che io ho i complessi nella testa.
    Gaetano: E foss' 'o Ddio! Quali complessi! Tu tieni l'orchestra intera 'ncapa, Robbe'.
  • Gianna: Ecco, ti pareva...
    Gaetano: No, no...
    Gianna: ..sempre davanti la televisione. [Gli spegna il televisore]
    Gaetano: ...no, aspetta, Gianna, famme vede' che fanno.
    Gianna: Oooh! Ma cosa speri di vederci, Dio?
    Gaetano: Dio! Chello è 'o secondo canale chisto.
  • Gianna: Comunque quel film devo dire che era tremendo, a me mi ha veramente... impaurito. Ma senti, se a te ti torturassero come a quello del film, avresti parlato?
    Gaetano: Pe' carità! A me non c'era nemmeno bisogno che mi torturavano: a me bastava che mi dicevano sulamente... per esempio...: "Guarda che se non parli... forse... ti torturiamo", immediatamente parlavo, scrivevo, cioè se non capevano facevo 'nu disegno...
    Gianna: Eh, ma allora sei peggio di Giuda!
    Gaetano: No, che c'entra? È proprio che io, per esempio il dolore fisico nunn 'o supporto proprio. È 'na cosa ca... e po' che c'entra cioè Giuda? Mo' tutte quante: "Giuda traditore", "Giuda traditore". Cioè s'hanna conoscere primma 'e fatte, eh? Giuda avrà avuto una ragione per fare 'na cosa del genere, no?
    Gianna: Eh no! Per soldi.
    Gaetano: Eh, per soldi, e non è una ragione, scusa? Basta che 'o facevano nascere ricco e già s'evitava tutta st'ammuina, sta cosa... l'uccisione, 'o tradimento e poi lasciamm sta', cioè pecché... quanno uno non conosce 'a gente nun me piace 'e giudica', capito? Pecché miette... sa' tu hai bisogno proprie... A un certo punto, 'sti trenta denare, quante putevano essere, mettiamo due, trecentomila lire, quattrocento, nunn' 'o saccio però chillo avrà miso apposto e cose soje. Miette ca ieva a casa e 'a mugliera ogni vota: «Giuda, tu devi andare a lavorare. Giuda, 'o padrone 'e casa, 'a luce, l'acqua», per dire, «'o telefono». A un certo punto, chillo tutte 'ste cose... «Tu non porti cchiù 'e sorde a casa!», «Tu non porti cchiù 'e sorde a casa!», s'ha visto 'e trenta denari in mano e ha detto: "Ma che me ne 'mporta!"
  • Gaetano: Ma mettiamo che... 'Stu figlio... Cioè mettiamo che io 'stu figlio... Cioè comme 'o chiamasse?
    Marta: Ma... Io non ci ho ancora pensato... Massimiliano.
    Gaetano: No, no, no, no pe' carità, quale Massimiliano, no, guarda 'o chiamammo... Cioè si se decide che 'stu figlio è... Cioè che po'... Cioè, io avevo pensato Ugo.
    Marta: Come tuo padre?
    Gaetano: Eh sì, ma no pe' mio padre, cioè a me nun me 'mporta proprio e 'sta cosa. No, è proprio perché accusì 'o guaglione viene cchiù educato.
    Marta: Ma perché, Massimiliano?
    Gaetano: Massimiliano viene scostumato. Cioè siente... Eh, lo so, è proprio 'o nomme che è scostumato, perché Massimiliano, je sento sempre per esempio: Massimiliano sta vicino 'a mamma, sta 'o guaglion', e se move pe gghi' a quacche parte, 'a mamma prima che 'o chiamma "Ma-ssi-mi-lia-no!" [allungando le vocali] 'o guaglione già chissa addò sta, che sta facenno. Non ubbidiscono perché è troppo luongo, invece Ugo, tu lo chiami Ugo... chillo come sta vicino 'a mamma che se sta pe' move, "Ugo!" 'o guaglione non ha nemmeno 'o tiempo, capito? Po' fa 'nu passo, però "Ugo!", adda' turna' pe' forza perché 'o sient' 'o nome. Al massimo proprio ecco volendo 'o 'putimmo chiamma' Ciro: è cchiù luongo, eh, ma proprio pe' nunn' 'o fa' veni' troppo represso... sino... però Ciro tene 'o tiempo 'e piglia' 'nu poco d'aria.

Altri progetti[modifica]