Sapore di mare 2 - Un anno dopo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Sapore di mare 2 - Un anno dopo

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Sapore di mare 2 - Un anno dopo
Paese Italia
Anno 1983
Genere Commedia
Regia Bruno Cortini
Sceneggiatura Bruno Cortini, Cesare Frugoni
Attori
Note
  • Musiche: Artisti vari

Sapore di mare 2 – Un anno dopo, film italiano del 1983, con Mauro Di Francesco, Isabella Ferrari e Massimo Ciavarro, regia di Bruno Cortini.

Frasi[modifica]

  • Piccante! Piccantissimo! (Maurizio) [battuta ricorrente]
  • Ganza 'sta battuta! Proprio ganza! Ganzissima! (I marchesini Pucci) [battuta ricorrente]
  • Non si poleee! (Il bagnino Morino) [battuta ricorrente]
  • Dio, come me lo farei, come me lo farei! Dio, come mi li farei tutti! (Giorgia) [battuta ricorrente]
  • La sapete quella della coppietta che va in viaggio di nozze ad Ischia?... Dove se magna... se beve e sì... fi-fi... fi-fi! [fischiettio e allusione all'atto sessuale] (Un marchesino Pucci)
  • L'autista del mio povero papà è andato in ferie solo dopo averlo accompagnato al cimitero! (Il Commendator Carraro)
  • Finalmente ho capito cosa vuol dire "U.S.A"...: "Unione strafiche associate"! (dalla cartolina di Luca agli amici)
  • La straniera è come il pesce: dopo tre giorni, puzza! (Fulvio, libertino e superficiale, dopo aver "scaricato" l'ennesima conquista, una ragazza tedesca)
  • Siccome io non mi innamorerei mai di te, non ti chiederei mai di sposarmi... (Uberto, a Fulvio, a cui chiede di poter condividere una stanza d'albergo)
  • Devi metterti in testa che qui le donne non sono donne. Sono cas-sa-for-ti! (Uberto)
  • Signore e signori! Un attimo d'attenzione, per cortesia! Vorrei che tutti insieme dessimo il benvenuto a un mio grandissimo amico, il Commendator Barenghi di Brescia, e alla sua gentile signora... almeno spero sia gentile, perché su 'signora' ho i miei forti dubbi... Forza! Tutti in coro: Ben arrivato, grandissimo... cornuto! (Tea Guerrazzi, interrompendo l'esibizione di Little Tony)
  • Sta' zitto tu che non sei nobile! (I marchesini Pucci)
  • Bisogna brindare anche alla sfiga, no? Il mio principe azzurro è un morto di fame! (Tea Guerrazzi)
  • Eh, la Madonna! E va bén, ma questo qui non è un bagno. È un'oasi di sfiga! (Uberto)
  • E ricordati, chi trova un commenda, trova un tesoro! (Tea Guerrazzi, parlando col suo cagnolino Bijou)
  • Sai, Alina: fin da bambino sognavo di essere molto povero. E nel sogno ero molto felice. Poi, quando mi svegliavo, piangevo. Tu capirai, Alina: la tata tedesca, i calzoni all'inglese, l la tavola composta. Mai una volta pane e mortadella... (Uberto, fingendosi ricco con Alina)
  • Giardiniere, un par di balle! Io sono il Commendator Carraro! Va bén? (Il Commendator Carraro)
  • Sarà un pirla, ma c'ha buon gusto! (Il Commendator Carraro, parlando dei gusti di Uberto in fatto di donne)
  • Ah, son contento che Lei la pensa come me! Lo dica anche Lei al sindacato che le ferie sono una gran str... ta! (Il Commendator Carraro)
  • Alina? È innamorata pazza! È una pupazza nelle mie mani! Io sono il burattinaio e lei è la burattina! E io tiro i fili del burattino! È una gioppina! Alina è una gioppina! Fa anche rima! Gioppina! (Uberto)
  • Sei andata via, Alina. E chi se ne frega! Chi se ne frega! (Uberto, dopo la partenza del suo amore Alina)
  • Siamo negli anni Sessanta: siamo in piena rivoluzione sessuale... Dai! E poi che cosa è successo? Capita... no? La luna, la spiaggia... e un bicchierino di troppo... ma sì, perché capisco anche quello, un bicchierino di troppo. Ueh, cosa c'è di strano? Quello che conta sono i sentimenti, l'affetto, le cose che contano. Eh, dai, tre anni di sentimenti e di affetto – cosa fai? – li butti via per una str... ata simile? Nooo! Son cose che vanno capite, capite e superate... Eh! E io... io sono uno che capisce... Io capisco e... supero! (Gianni, prima di tentare il suicidio, buttandosi in mare con un grosso masso legato al collo, dopo il tradimento di Selvaggia con Fulvio)
  • Uehlà, servo! Te le devi guadagnare le 20.000! Mica ti pago per rompere le balle agli ospiti, eh! Su! Su! Muoversi! Muoversi! (Il commendator Carraro ad Ubaldo, per l'occasione cameriere, che subito dopo si vendicherà, scaraventando il commendatore in piscina)
  • Guarda che ti ho chiesto un passaggio, non una passata! (Tea Guerrazzi, dopo un autostop)
  • Tu lo sai che cos'è la malinconia? No? È una cosa che ti svegli alla mattina e non vuoi e non speri niente. E la sera te ne torni a letto e non è successo proprio niente... Tea Guerrazzi)
  • Fare l'amore per solitudine, non fa che crescere la malinconia. Almeno credo... (Fulvio)
  • Oh, Gesù! Signorina, ma Voi siete uscita pazza! Eh... io capisco la promiscuità dei giovani... eh... eh... dei giovani d'oggi, ma... ma proprio con me volete fare il coso? Ma... Voi... Lasciate che Ve lo dica, Voi siete davvero 'nu poco zoccola! (Il Sig. Pinardi, a Susan, che si era infilata nel suo letto, pensando di trovarvi Paolo)
  • Ti avevo detto di darmi un passaggio, non una passata! (Tea Guerrazzi)
  • Vuoi davvero far l'amore con me? Ma... ma l'amore... quello... quello che si fa a letto? Quello... quello vero? (Gianni)
  • Tutta colpa della Rivoluzione francese! Ce lo diceva sempre il nonnino! (I marchesini Pucci, negli anni '80)
  • Per punizione, stasera a letto senza catene! (I marchesini Pucci, negli anni '80, alle figlie "metallare")

Dialoghi[modifica]

  • Uberto [alla ricerca di una donna ricca]: Guarda questa qua! Bella, sola, senz'anima. Ah! Ah! Al posto del cuore c'ha una mazzetta da 1000 dollari, questa qua. Te lo dico io! Guarda, eh! Guarda! Attento! Scusi, Lei permette, vero? Uberto Colombo. Siccome ho visto che è sola, io pensavo...
    Tea Guerrazzi: Di andare a ca..re!
    Uberto: Eh, la Madonna!
    Fulvio: Altro che dollari! Quella al posto del cuore c'ha un rotolo di carta igienica!
  • Reginella: A me piace una cantante nuova. Si chiama Patty Pravo.
    Sig.ra Pinardi: La Ragazza del Pipèr? E me la chiami una cantante tu a quella?
  • Paolo: Cecco, a che ora parte il treno per Londra delle 20.30?
    Cecco: Paolo, il treno delle 20.30... a che ora partirà? Alle 20.30!
  • Sig.ra Pinardi [dopo l'arrivo di Susan in spiaggia]: Reginè, vatte a fa' 'u bagno! Va'!
    Reginella: Non posso! Ho mangiato troppi bomboloni!
    Sig.ra Pinardi: Allora, vatti a prendere un bel gelato!
    Reginella: No. Mi smuove la pancia!
    Sig.ra Pinardi: A me mi basta che ti muovi tu! Hai capito?
  • Sig.ra Pinardi [a Susan]: Sentite, signorì, statteme a sentire: Voi a Paolo Ve lo dovete togliere dalla testa, perché Paolo non fa per Voi... Eh, già! Si è fidanzato in casa, [indicando Reginella]: con una brava ragazza, molto buona. Non sarà una bellezza... eh, ma è ricca, ricca assai! Avete capito?
    Susan: Sì, ho capito. Paolo è come tutti gli altri: figlio di pu...!
    Sig.ra Pinardi: Ueeeh! Nanné! E statte accorta a come parla! Hai capito? E poi lo sai tu il proverbio? "Moglie e buoi dei paesi tuoi"! E mo' ma vattenn'! Va!
    Susan [allontanandosi]: Lui è un bue, lei è mucca! [scaraventa a terra Reginella che si scotta il sedere sulla sabbia e scappa via di corsa verso il mare per raffreddarsi]
    Reginella: Aaaaaaaaah!
    Marchesini Pucci [dopo che Reginella, spinta da Susan, ha distrutto una costruzione in sabbia]: Noooo!
    Maurizio: Guarda che se rimbalzi, arrivi prima! Ah! Ah!
  • Romildo Bettazzi: Madonna come balli! Sei una bomba! Sei meglio di Diana George, meglio di Sophia, meglio di Jayne Mansfield!
    Susan [ubriaca]: Eh! Eh! Soprattutto meglio del tuo moglie!
  • Gianni [vedendo Susan allontanarsi con Romildo Bettazzi, appena conosciuto]: Non per giudicare, ma certo che voi donne...
    Selvaggia: E allora non giudicare! Che ne sai tu di cosa c'ha in testa Susan in questo momento?
    Maurizio: Ah, Susan non lo so, ma di certo so che cosa ha in testa Paolo in questo momento! [fa il gesto delle corna]
    Marchesini Pucci: Ganza, Maurizio!
    Un marchesino Pucci: Povero Paolo, 'e c'ha le corna in cinemascope!
    L'altro marchesino Pucci: Peggio! In cinerama!
  • Gianni: Non mi sono mai piaciuti a me questi giochi da bambini!
    Un marchesino Pucci: Ueh, Gianni, 'e c'hai vent'anni e mi sembri mi nonnino quattr'occhi!
    Gianni: Sì, tu è da quando sei nato che mi sembri un mobile del Seicento!
  • Un marchesino Pucci[mentre Maurizio viene rianimato dopo aver rischiato l'annegamento]: E io che credevo che scherzasse e invece l'è andato a fondo come un bischero!
    L'altro marchesino Pucci: Selvaggia, e se t'eri tolta anche il pezzo di sotto, che succedeva?
    Selvaggia: Piantatela di fare i cretini! Questo sta male veramente!
    Maurizio[dopo essere stato rianimato da Selvaggia]: Selvaggia, c'hai due zinne che fanno resuscitare i morti! [palpa i seni a Selvaggia]
    Selvaggia: E del mio destro, che ne dici? [rifila un sonoro ceffone a Maurizio]
    Maurizio: Dico che se puoi resistere così, Benvenuti ha chiuso!
  • Barista: Perché non prova a rifarsi col Commendator Carraro? Va pazzo per il gioco, ma gli piacciono ancor di più le belle donne. Non so se mi spiego...
    Tea Guerrazzi: Ma chi? Quel tricheco là?
    [subito dopo]
    Tea Guerrazzi: Ehi, tu! Lo vedi quel signore là?
    Cameriere: Chi? Il Commendator Carraro?
    Tea Guerrazzi: Esatto. Va da lui e digli che voglio fare l'amore con lui!
    Cameriere: Ma io non...
    Tea Guerrazzi: Che ci devi andare tu a letto? Dai! Vai!
    [poco dopo]
    Commendator Carraro: Cos'è che ha detto?
    Cameriere: Che ha voglia di fare l'amore con lei!
    Commendator Carraro: Va' subito a domandare dove e quando! [dà la mancia al cameriere]
    [poco dopo]
    Tea Guerrazzi: Al "Principe Piemonte", camera 204, oggi pomeriggio [dà la mancia al cameriere]
    Cameriere: Veramente, il Commendatore me ne aveva date 10.000...
    Tea Guerrazzi: È esatto. Infatti, il ricco è lui!
  • Marchesa Pucci [illustrando il regolamento della caccia al tesoro] : Chiunque venga sorpreso a commettere...
    Maurizio: Atti impuri!
    Morino: Sta' zitto, bischero!
    Marchesa Pucci: ...scorrettezze, verrà eliminato!
  • Selvaggia: Non dirmi che Susan c'aveva uno anche a Londra?
    Paolo: Selvaggia, che significa "anche"?
  • Paolo [al telefono con Susan]: Eh, già! Ha parlato la santarellina! Quella che se li è fatti tutti tranne il bagnino!
    Susan: [imprecazioni in inglese] Non ti voglio vedere mai più! Fuck you! [mette giù il telefono]
    Paolo [al portiere dell'albergo]: Senta, Lei che conosce le lingue: significa "Fuck you!"?
    Portiere dell'albergo: "Vai a farti fot..re!"
    Paolo: Ah! Grazie!
  • Fulvio [dopo aver fatto l'amore con Selvaggia]: Sai che per me è la prima volta?
    Selvaggia: Ma non dire scemenze!
    Fulvio: Te lo giuro, è la prima volta... [sorride] con una ragazza vergine...
  • Paolo [cercando Susan a Portofino] Bettazzi?
    Romildo Bettazzi: Certo!
    Paolo: Mi sa dire dove posso trovare Susan?
    Romildo Bettazzi: Se dopo che l'hai trovata, me la porti, ti dò una mancia competente.
    Paolo: Vuol dirmi che se n'è andata?
    Romildo Bettazzi: È andata al Forte, quella tro..!
    Paolo: Scusi, ma sta parlando della mia fidanzata!
    Romildo Bettazzi: Sempre tro.. è! [riceve un pugno da Paolo, poi inizia una lite tra i due]
  • Commendator Carraro: Adesso ci prendono per il papà e la mamma dello chauffeur!
    Sig.ra Carraro: Questo è il massimo del minimo, guarda!
  • Alina: Anch'io ti ho mentito. Lui non è mio padre.
    Uberto: Be', l'avevo immaginato. Era un po' troppo vecchio... È tuo nonno? È tuo nonno, eh?
    Alina: No. È il mio amante.
    Uberto: Ma stai scherzando? Ma come il tuo amante? E va bè, allora tu sei...
    Alina: Una put..na? No. Una stupida: mi ero illusa che tu potessi capire.
  • Tea Guerrazzi: Mi ammazzerei per essere felice almeno un'ora!
    Fulvio: A me invece piace vivere. Sai è la più bella invenzione dopo il rock and roll!
  • Maurizio: Ammazza, che storia d'amore gaiarda! Eh?
    Reginella: Dolce e romantica. Mi piacerebbe anche a me viverne una così.
    Maurizio: E a me no? Ma so' troppo occupato a magna', troppo occupato a magna'!
    Reginella: E magnàmo!
  • [Alla "Capannina", negli anni '80]
    Marchesino Pucci: Avanti dei 18 anni, al night nun se entra!
    Figlia di un marchesino Pucci: Oh, babbo! Oggi si dice "discoteca"!
  • Fulvio [ritrovando, dopo quasi vent'anni, l'amica Tea, ora vedova e ricca]: E così, allora, hai ottenuto tutto dalla vita...
    Tea Guerrazzi: Me lo sono guadagnato. [breve pausa]: Be'... non proprio tutto...
    Fulvio: Già. L'amore non si compra...
    Tea Guerrazzi: E nemmeno si eredita.

Altri progetti[modifica]

Sapore di mare
Sapore di mare · Sapore di mare 2 - Un anno dopo