Luc de Clapiers de Vauvenargues: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
*I grandi uomini intraprendono le grandi imprese, perché le sanno tali; i pazzi perché le credono facili. (1923)
*Il difficile non è essere intelligenti, ma sembrarlo.
*L'ingratitudine più odiosa, e insiemema più comuneantica e più anticacomune di tutte, è quella dei figli verso i loro genitori. (1923)
*L'odio dei deboli non è così pericoloso come la loro amicizia.
*L'[[orgoglio]] è il conforto dei deboli.
*La buona tavola è il primo vincolo della buona società.
*La [[chiarezza]] adorna i pensieri profondi. (1923)
*La clemenza vale di più che ladella giustizia. (1923)
*La costanza è la chimera dell'[[amore]].
*La [[pazienza]] è l'arte di sperare.
*Nessuno, quanto gli sciocchi, si crede capace di ingannare le persone intelligenti. (1923)
*Non ci sono persone più acide di quelle che son dolci per interesse.
*Non è nato per la gloria chi non conosce il valore del tempo. (1923)
*Per operare grandi cose, bisogna vivere come se non si dovesse mai morire. (1923)
*Se è vero che le nostre gioie sono brevi, la maggior parte delle nostre afflizioni non sono ben lunghe.
46 136

contributi

Menu di navigazione