Training Day

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Training Day

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Training Day

Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 2001
Genere thriller, azione
Regia Antoine Fuqua
Soggetto David Ayer
Sceneggiatura David Ayer
Produttore Robert Newmyer
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Note

Training Day, film statunitense del 2001 con Ethan Hawke e Denzel Washington, regia di Antoine Fuqua.

Frasi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Questo coso si chiama "giornale". Stronzate, per il novanta per cento. Però è divertente. Per questo lo leggo, perché mi diverte. Tu non me lo lasci leggere. Quindi adesso divertimi con le tue stronzate, forza, raccontami una storia! (Alonzo) [a Jake]
  • Giorno d'addestramento, agente Hoyt. Ti porto in giro per darti un' idea del mestiere che faccio. Ho 38 casi in attesa di processo, 63 con le indagini in corso, e altri 250 che sto cercando di chiarire. Supervisiono 5 agenti, 5 differenti personalità, 5 problematiche, tu saresti il sesto se funzionassi. Ma non ti terrò per mano, non faccio il baby-sitter. Avrai oggi, e oggi soltanto, per mostrarmi tu di che pasta sei fatto. Se non ti piace la Narcotici, vai fuori dalle palle, presentati in ufficio e chiedi un bel servizio sedentario, magari assegni scoperti o altro. Capito? (Alonzo)
  • Il mio negro... (Alonzo) [battuta ricorrente, rivolta a Jake]
  • Devi ascoltarla la strada, respirarla, sentirla dentro, viverla. (Alonzo)
  • [La strada] è tutto un fatto di lacrime e sorrisi. [...] Sì, devi tenere sotto controllo le tue lacrime e i tuoi sorrisi, perché è tutto quello che hai e nessuno te lo può portare via. (Jake)
  • Per proteggere la pecora devi cacciare il lupo. E ci vuole un lupo per cacciare un lupo, è chiaro? (Alonzo)
  • La morte è certa, la vita no. (Alonzo) [mostrando il proprio tatuaggio]
  • Io con gli amici... faccio l'amore. (Smiley)
  • Non te lo meriti questo. (Jake) [togliendo il distintivo ad Alonzo]
  • Ah, che begli stronzi, eheheheh! Okay! Come volete. Io metto su un caso contro ognuno di voi! Non ve la cavate cosi'! Pensate di poter fare questo a me?! Vi ritroverete tutti a giocare a basket nella prigione di Pelican Bay, quando avrò finito con voi! A cucire le scarpe, negri! 23 ore sotto chiave! Sono onnipotente in questo posto! Io vi muro tutti vivi! Ma con chi cazzo credete di avere a che fare?! Io sono la polizia! Io comando qui! Voi ci vivete e basta! Bravi, andatevene via che è meglio! Andatevene via che sto per distruggere questa merda di quartiere! King Kong non è un cazzo in confronto a me! (Alonzo)

Dialoghi[modifica]

  • Alonzo: Sei stato capace di stare un anno accanto a una bella figa, e quando ti chiedo di raccontarmi una storia che in qualche modo possa divertirmi, te ne esci con il fermo di un ubriaco. Però non mi hai convinto. Tu una bottarella gliel'hai data. Sii sincero, avanti, una bottarella gliel'hai data! L'hai sbattuta sul sedile! Bang! Codice X!
    Jake: E su, io sono sposato...
    Alonzo: Ce l'hai il cazzo? [Jake non risponde] Oh! Ce l'hai il cazzo o no?!
    Jake: Sì...
    Alonzo: Okay! Il cazzo tira dritto per così, giusto?! Alla tua destra e alla tua sinistra hai un paio di tasche, giusto?! Infilaci dentro le mani, tira fuori i soldi, e pagami il conto!
  • Jake: Questa macchina non viene dall'autoparco però...
    Alonzo: No. Forte, eh?
    Jake: Dov'è l'ufficio? Alla divisione?
    Alonzo: Ci sei nell'ufficio, baby. [Alonzo mette in moto la macchina e parte]
  • Alonzo: Perché proprio alla Narcotici?
    Jake: Perché voglio servire la mia comunità liberandola dalla piaga della droga...
    Alonzo: Certo, certo. Ma perché alla Narcotici?
    Jake: Ah... perché voglio diventare detective.
    Alonzo: Ora sì. Ci riuscirai, stai con me e ci riuscirai. Dimentica tutte le cazzate che hai imparato in accademia però, non ti servono qui. Le cazzate uccidono qui.
  • Alonzo: Da quant'è che sei sposato?
    Jake: Circa un anno.
    Alonzo: Sì?
    Jake: Sì.
    Alonzo: Hai anche un figlio, no?
    Jake: Esatto, ho una bambina di nove mesi.
    Alonzo: Ah. Io ne ho quattro. Maschi. Se vuoi un figlio fammi un fischio che ci penso io a tua moglie, non sbaglio mai.
    Jake: Evitiamo di parlare della mia famiglia, le dispiace?
    Alonzo: Certo, come credi. Sono sposato, ho la mia regina anch'io. Non mi sono dimenticato che cos'è avere una sposina. Te la scopi faccia a faccia scommetto, no?
    Jake: Per favore, cerchiamo di non parlare di mia moglie, va bene?
    Alonzo: Sì, sì, il vero punto è questo: sei così innamorato che lo vedrebbe anche un cieco. Il giorno che ti porti la tua signora in servizio è il giorno che non torni più a casa. Impara a nascondere l'amore che provi dentro di te, altrimenti quelle merde di strada riusciranno a scoprirlo e usarlo contro di te per mangiarti vivo. Mai portare la fede mentre lavori. È una cosa molto seria.
    Jake: Va bene, grazie...
  • Alonzo [preparando una pipa di erba]: Per essere un buon agente dell'antidroga deve conoscere e amare la droga, anzi un buon agente dell'antidroga deve avere della droga nel sangue!
    Jake: Che cosa? Che fa, se la fuma adesso?
    Alonzo: No, te la fumi tu. [Gli porge la pipa]
    Jake: Oh, neanche se mi ammazza.
    Alonzo: Sì?
    Jake: Sì.
    Alonzo: No? Che sei, un mormone, un maniaco religioso?
    Jake: Ma no, non voglio perdere il mio lavoro!
    Alonzo: È questo il tuo lavoro.
    Jake: Non posso farlo.
    Alonzo: Fuma!
    Jake: No!
    Alonzo: Non è un tranello, fa' un tiro.
    Jake: No, no amico, se ho fatto lo sbirro è stato per impedire...
    Alonzo: Sì, sì, sì blablablabla! Non siamo in commissione, questa non è cocaina... fatti un tiro.
    Jake: No, amico.
    [Alonzo inchioda la macchina e punta la pistola alla tempia di Jake]
    Jake: Che Cristo fa...?!
    Alonzo: Sì, bravo. Se ero uno spacciatore a quest'ora eri già morto, stronzo! Fa' quella scena in strada e il capo porterà una bella bandiera piegata a tua moglie. Che cazzo ti dice il cervello?! Anzi, sai che c'è di nuovo?! Non ti voglio nella mia squadra, non ti voglio nella mia divisione. Leva il culo dalla mia macchina, torna nel tuo bel quartiere, pivello.
  • Roger: Ehi, ti racconto una barzelletta. Un uomo sta uscendo di casa per andare al lavoro quando vede una lumaca, davanti alla porta. Allora la prende, la butta nel prato che c'è dietro la sua casa. La lumaca sbatte su di un sasso, il guscio si rompe in mille pezzi e lei atterra sull'erba. La lumaca resta lì, morente. Ma non muore, però. E dopo un po' riesce a strisciare di nuovo. Così un bel giorno decide di ripartire e ripresentarsi davanti alla casa, finché finalmente dopo... diciamo un anno, è strisciata di nuovo davanti a quella porta. Proprio in quel momento l'uomo sta uscendo di casa per andare al lavoro e rivede la lumaca. Allora la guarda e le dice: «E ora che cazzo vuoi da me?!».
    Jake [scoppia a ridere, ma poi rimane perplesso]: Non è divertente...
    Alonzo: Che cazzo ridi a fare, se non è divertente?
    Jake: Non lo so, amico, io...
    Roger: Ehi, ehi! Se capisci questa barzelletta, capisci com'è la strada.
  • Alonzo: È opportuno che tu non faccia cazzate in questa situazione. Omicidio giustificato nell'adempimento del dovere, è chiaro? Di fatto è stato...
    Jake: Di fatto è stato omicidio! E rapina a mano armata. [sarcastico] No, aspetta, abbiamo i distintivi quindi è diverso...
    Alonzo: No, c'è una realtà che non puoi ignorare, lo capisci?! Eh?!
    Jake: Quell'uomo era tuo amico e l'hai ucciso come una mosca senza pensarci!...
    Alonzo: Ahahahahah! Come mio amico?! Dimmi perché! Perché mi dava del tu e mi chiamava per nome?! Queste sono le regole, fa parte del gioco, è il mio lavoro, è il tuo lavoro! Roger vendeva droga ai ragazzi, il mondo è un posto migliore senza di lui! Ehi, stiamo parlando di uno dei principali spacciatori in circolazione a Los Angeles! Ho guardato quella testa di cazzo operare impunemente per oltre dieci anni, e ora l'ho beccato! Si gioca a scacchi, non a dama! Che cosa ti aspettavi? Che saremmo arrivati a bordo di una volante? Fuori le manette e "la dichiaro in arresto"? Quello era uno che aveva i soldi! [gli porge dei soldi] La tua parte.
    Jake: Non li prendo questi soldi, te l'ho già detto, non li prendo!
    Alonzo: Ma perché no? Dai! Senti, magari poi li bruci, ci fai un barbecue, te li fai fritti, non me ne frega un cazzo, ma i ragazzi starebbero meglio...
    Jake: Me ne frego di come stanno i ragazzi.
    Alonzo: Jake, però così non gli fai sentire che fai parte di un team.
    Jake: Un team? Voi siete dei fuori di testa. Va bene, pazienza, torno a fare le multe per divieto di sosta. Dio! È... È assurdo che sia così...
    Alonzo: Eppure lo è, amico mio. Mi dispiace averti aperto gli occhi, ma è così. È orrendo, ma è necessario.
    Jake: Ho fatto il poliziotto per mandare in galera gli avvelenatori, gli spacciatori, i criminali, non per diventarlo anch'io!
    Alonzo: Quanto sei uguale a me! E lo so quello che stai passando, lo so come ti senti. Sei spaventato.
    Jake: Macché!...
    Alonzo: Sì, invece. Sei terrorizzato, è capitato a tutti la prima volta, anche a me, che cosa credi? Prima metterai d'accordo quello che hai in testa con quello che succede in questo mondo e prima tornerai a star bene. In questo mestiere devi sporcarti almeno un pò le mani, se vuoi che si fidino di te. E quando tutto questo sarà passato, ti si aprirà davanti un mondo completamente diverso. Ora ho accesso ai piani alti, e ti darei le chiavi di tutte le porte.
    Jake: ...Ma di che stai parlando?
    Alonzo: I miei ragazzi sono bravi ma non sono dei leader, tutt'altro. Tu sei un leader. Vuoi fare il mio lavoro? D'accordo. Vuoi arrestare gli spacciatori? Non c'è posto migliore di questo. Però anche tu dai tempo al tempo. Diventa detective, impara le regole, diventa più saggio, e allora sì, le cambierai le cose. Ma è dall'interno che le devi cambiare, ragazzo.

Altri progetti[modifica]