Francesco Pannofino

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Francesco Pannofino (2013)

Francesco Pannofino (1958 – vivente), attore e doppiatore italiano.

Citazioni di Francesco Pannofino[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Al leggio bisogna essere molto concentrati, i riflessi pronti sono fondamentali per ottenere il risultato presto e bene. Il doppiaggio permette all'attore di avere dimestichezza con i copioni, con la lettura e la comprensione delle scene. Ho notato che gli attori che fanno il doppiaggio, riescono a dare subito un senso alle battute di un testo teatrale, durante le prove di lettura.[1]
  • Il doppiaggio è un lavoro di servizio, un trucco cinematografico. [...] Vero che un po' appiattisce, ma anche i sottotitoli sporcano l'immagine, l'importante è avere la possibilità di scegliere.[2]
  • [Su Mattia Torre.] Quest'uomo aveva un'intelligenza umoristica superiore alla media e lo ha dimostrato con quello che ha fatto in soli 47 anni. Il meglio di sé, però, lo doveva ancora dare e avrebbe dato ancora tanto, questo è veramente un peccato per la sua storia artistica. Ci ha lasciato con un palmo di naso.[3]

Pannofino e l'Italia alla Boris

Intervista a Famigliacristiana.it, 7 aprile 2011

  • Boris fa ridere e riflettere nello stesso tempo. È lo specchio dell'Italia del giorno d'oggi vista attraverso le vicende di uno scalcinato gruppo di lavoratori dello spettacolo. Perché in Italia, purtroppo, c'è una sorta di rassegnazione al brutto ed alle bugie. Non capisco perché questo accada. Il popolo italiano è sempre stato forte, ironico ed intelligente.
  • Vorrei però avere il fascino di George Clooney e carpire i segreti della recitazione di Denzel Washington. È l'unico in grado di recitare solo con gli occhi.
  • Il doppiatore è un nobilissimo mestiere ma quello di attore è molto più stimolante perché il personaggio che interpreti nasce con te, lo vedi crescere scena dopo scena, lo fai tuo e ti immedesimi nella parte fino in fondo.
  • Il grande Marlon Brando. Aveva una voce flebile che strideva con il personaggio, secondo me.
  • Avendo avuto la fortuna di girare il mondo per lavoro, mi sono reso conto che è proprio vero. I nostri doppiatori hanno una marcia in più rispetto a quelli tedeschi, spagnoli, francesi e ho scoperto anche perché. Gli italiani, pur di entrare nel personaggio, sono disposti a rinunciare alla propria personalità. Cosa che non fanno i nostri colleghi stranieri. Infine, noi abbiamo una tradizione che comincia dal dopoguerra e che è andata affinandosi sempre più negli anni.

Citazioni su Francesco Pannofino[modifica]

  • ["Come ti ha conquistata Francesco Pannofino?"] Con la voce. Non l'ho guardato e mi sono detta: ”Ma chi c'è, George Clooney?" Poi ho visto che era Francesco. I nostri appuntamenti erano sempre al buio, della sala doppiaggio. Perché noi ci siamo conosciuti proprio in sala doppiaggio. (Emanuela Rossi)

Note[modifica]

  1. Dall'intervista di Daniela Sgambelluri, Intervista esclusiva a Francesco Pannofino, Supereva.it, maggio 2007.
  2. Citato in Alessio Balbi, In sala o in rete, ora il cinema piace in lingua originale, Rep.repubblica.it, 23 febbraio 2018.
  3. Dall'intervista di Eleonora D'Amore, Francesco Pannofino su Mattia Torre, autore di Boris: "Avrebbe preso con ironia anche la sua morte", Tv.fanpage.it, 19 luglio 2019.

Filmografia[modifica]

Attore[modifica]

Doppiatore[modifica]

Altri progetti[modifica]