Viola (botanica)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Viole

Citazioni sulla viola o violetta.

  • C'è qualcosa di nuovo oggi nel sole | anzi d'antico: io vivo altrove e sento | che sono intorno nate le viole || Sono nate nella selva del convento | dei cappuccini, tra le morte foglie | che al ceppo delle quercie agita il vento. (Giovanni Pascoli)
  • Ho qui un vasetto di viole del pensiero. Da sei anni a primavera ho questa gentile compagnia: viole ed illusioni. (Ambrogio Bazzero)
  • Le rose sono rosse | le viole sono blu | dolce è lo zucchero | ma non quanto sei tu. (filastrocca inglese)
  • Presto su muri caduti in rovina | fioriranno le viole: | così verdeggiano piano le tempie al taciturno. (Georg Trakl)
  • Quel motivo ancora, dalla cadenza che si spegne al fondo; mi giunse all'orecchio simile a un dolce stormire che respira su un cespuglio di viole la cui fragranza esso carpisce ed effonde. (William Shakespeare)
  • Scioglie il suo nastro azzurro primavera | nuovamente nell'aria. | Dolci, noti profumi, | rigano di presagi la campagna. | Trasognate viole | chiedono di sbocciare. (Eduard Mörike)
  • Sono la piccola "Viola del Pensiero"! | Non mi curo di cieli imbronciati! | Se la Farfalla tarda | posso, per questo, mancare? || Se il Codardo Bombo | resta al calduccio, | io, devo essere più risoluta! | Chi farà la mia apologia? (Emily Dickinson)
  • Tutti indossan bei panni a primavera | e a coppie van sui prati appena in fiore | a cogliere violette. | Perché soltanto io rimango a casa? (Michail Alekseevič Kuzmin)
  • Un soldato volontario non può diventare subito tenente; deve prima diventare soldato scelto, caporale, allievo ufficiale e sottotenente. Lo stesso dicasi delle piante. Prima di arrivare alle viole dobbiamo imparare a conoscere gli anemoni, e prima di tutto la loro forma inferiore, l'Anemona nemorosa, poi la successiva, l'erba epatica, e così via. La viola in un certo senso è un tenente. Riesce a farsene un'idea? (Ernst Lothar)
  • Una viola di primaticcio sboccio, | precoce ma d'effimera esistenza, | dolce ma non durevole, | il profumo e lo svago di un momento. | Nient'altro più. (William Shakespeare, Amleto)

Altri progetti[modifica]