Giorgio Baffo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014 le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD
Giorgio Baffo

Giorgio Baffo (1694 – 1768), poeta italiano.

  • Cara mona, che in mezzo a do colone | Ti xe là messa, come un capitelo, | Per cupola ti ga do culattone, | E 'l bus[1] del Cul sora xe 'l to Cielo. || Perché t'adorin tutte le persone | Ti stà coverta sotto un bianco velo, | Che, se qualcun te l'alza, e che t'espone, | Vittima sul to altar casca ogni Oselo[2]. (Cara mona, che in mezzo a do colone, vv. 1-8)
  • Oh! Caro Cazzo duro, | Siben, che ti stà al scuro, | Ti è el corpo più glorioso | Del Mondo universal. (O! Caro Cazzo duro, vv. 1-4)
  • Avè do busi pronti, | Co la voltè a passin, | Ma se lo mettè in Mona; | El Cul è cogionà. || Bisognerìa del primo | Passarlo in quel vicin, | E pò da quello in l'altro | Sina, che avè sborà. (Avè do busi pronti, vv. 1-8)
  • Vien qua subito, porca buzarona; | E daghe un fià de gusto a sto mio Cazzo, | Lassa, che'l vada in Culo sto gramazzo[3], | Che zà[4] lù no ghe pensa più de Mona. (Vien qua subito, porca buzarona[5], vv. 1-4)
  • El fotter xe stà sempre un gran bel ziogo, | Ma più bello deventa sto solazzo, | Co una Mona le gà, che butta fuogo. (Gò voggia de chiavar de quelle Done, vv. 9-11)
  • Cospettazzo de Dì; cos'è sta Dona? | Che magnetico gala in conclusion? | El Baffo lo dirà: la gà la Mona. (Cosa xe mai sta Donna, sta magìa, vv. 12-14)
  • Me lambico el cervello zorno, e notte | Per far Sonetti grassi, e buttirosi, | Per divertir le Donne, e i so morosi, | Ma mi fazzo i Sonetti, e i altri fotte. (Me lambico el cervello zorno, e notte, vv. 1-4)
  • Xe tutti quanti gusti bei, e boni, | Ma quello del chiavar per mi sostento | Che 'l sia un gusto trà i gusti buzaroni, | Perché quando, che in Mona se xe drento, | De tutto el Mondo par se sìa paroni, | E tutto se darìa per quel momento. (No digo, che no sìa gusto a toccar, vv. 9-14)
  • Sette Donne vorrìa per mio solazzo; | E tutte nue d'intorno le me stasse, | Una vorrìa, che 'l Culo me licasse, | L'altra, che in bocca me tiolesse 'l Cazzo. (Sette Donne vorrìa per mio solazzo, vv. 1-4)
  • Benedetta sìa pur la puttanella, | Che ne dà in tutti i tempi un gran trastulo, | E se puol far quelo, che se vuol con ella. (Sia benedetto pur el tempo, e 'l liogo, vv. 9-11)
  • Mi ghe darìa una bona cogionada, | Metterìa in contumacia 'l Sant'Uffizio, | Che quella xe una pesta buzarada. (Sto Papa fà le gran buzararìe, vv. 13-14)
  • L'Omo se stima assae generalmente | Per causa del so lume de rason, | E mi giusto per questo da cogion[6], | A dir el vero, no lo stimo guente. || Le bestie stimo più infinitamente, | Che, se no le gà tanta cognizion, | No le gà gnanca tante gran passion, | E le vive de nù più quietamente. (L'Omo se stima assae generalmente, vv. 1-8)
  • Ma la Scrittura, che me compatissa, | Se mi no credo, come che se daga | Zente, ch'in ste gran buzare[7] se fissa. || A una Donna, che prega, e no se paga, | Nò solamente dove, che la pissa. | Ma mi ghel metto insin dove la caga. (Quando lezo quel passo de Scrittura, vv. 9-14)
  • La pietà, la costanza, e fin l'amore | Della Patrìa, per Dìo, senza la Potta | Sol tormento le xe, solo dolore. (Se al Mondo no ghe fusse più la Mona, vv. 13-14)
  • P. Padre, m'hà tirà 'l Cazzo, e l'hò menà. | C. Figlio, fin qui non commettesti errore. | P. In Culo a un bel ragazzo l'hò ficcà. | C. Male non v'è, dove non v'è dolore. (P. Padre, m'hà tirà 'l Cazzo, e l'hò menà., vv. 1-4)
  • Cartesio quel filosofo eccellente, | Che tanto in te le cose andava drento, | L'hà fatto quel bellissimo argomento | Contro quei, che credeva d'esser gnente. (Cartesio quel filosofo eccellente, vv. 1-4)
  • Hò fatto col mio Cazzo 'na scrittura | In tempo della mia più verde età, | In dove, che co lù me so' impegnà | De chiavar fin, che vago in sepoltura; || Vorrìa sta condizion, che me par dura, | Tagiar[8] per capo de necessità, | Perché mi allora a dirvela hò stimà, | Che la mia robba stasse sempre dura. (Hò fatto col mio Cazzo 'na scrittura, vv. 1-8)
  • Socrate in tempo, ch'i ghe desligava | Le caene dei so pìe, con gran diletto | In dove, ch'i lo aveva troppo stretto, | Con tutte le do man el se grattava. (Socrate in tempo, ch'i ghe desligava, vv. 1-4)
  • Che i Atomi abbia fatto el Mondo a caso, | Come hà scritto el filosofo Epicuro, | La xe una cosa falsa de seguro, | Né son del so sistema persuaso. (Che i Atomi abbia fatto el Mondo a caso, vv. 1-4)
  • Te ne incago, Natura malandrina, | Siben, che mi gò un Cazzo da Zigante, | Ti m'hà fatto do gambe co do piante, | Do brazzi co do man dretta, e mancina; || Cosa serviva far tanta rovina | De tanti denti, tante dita, e tante, | No giera meggio sparagnarne alquante, | E zonzerme de Cazzi 'na dozina? (Te ne incago, Natura malandrina, vv. 1-8)
  • El mio Cazzo xe morto, e mi no moro! | Considerè, che vita xe la mia, | Uno, ch'a tutte l'ore chiavarìa, | Averse da privar de quel ristoro! (El mio Cazzo xe morto, e mi no moro, vv. 1-4)
  • Frati, e Puttane, che disgrazia è questa? | La vostra Veneranda gà fenìo[9]; | Frati, col Cazzo ia man andeghe drìo[10], | E vù Puttane colla Mona in testa. (Frati, e Puttane, che disgrazia è questa, vv. 1-4)
  • La Giustizia dei Preti è buzarona; | Pratichè 'l Stato del Pastor Roman, | E vederè, per Dìo, pezo d'un Can | Trattada nella Leze ogni persona. (La Giustizia dei Preti è buzarona, vv. 1-4)
  • Castighela sta Razza buzarona, | E scomenzè l'esempio sora i Frati, | E i Preti, ch'in sta forma i ve cogiona[11]. || Fè nascer senza Cazzo sti Prelati, | E zà, che 'l so pensier xe Culo, e Mona, | Castrei, come se fà dei Cani, e i Gati. (Sodoma è sta brusada per Decreto, vv. 9-14)
  • Preti, e Frati, canagie buzarae, | Zente d'ogni estrazion, razza de muli, | Ch'andè a sti Putti buzarando i Culi, | E chiavando le Donne maridae. (Preti, e Frati, canagie buzarae, vv. 1-4)
  • Ah! Preti, e Frati, Aneme buzarone, | Anemalazzi sporchi, Bestie immonde, | Finti ipocriti; zà no se nasconde, | Che sé fioi de Beccazzi, e Puttanone. (Ah! Preti, e Frati, Aneme buzarone, vv. 1-4)
  • Roma no gà più azion de reclamar, | Se la so Daterìa xe vulnerada, | Perché o questa da Dìo ghè stada dada, | la se l'hà voluda Ella usurpar. || Dada da Dìo? Come voleu provar, | Se colla Spagna la l'hà traffegada? | Per avarizia la se l'hà usurpada. | Donca[12], come volerla sostentar? (Roma no gà più azion de reclamar, vv. 1-8)
  • I ve suppia in tel Cul, se ve neghè, | E per forza i ve fà ressuscitar, | Da un Campaniel buttar, se ve volè, | El Campaner de sù no lassa andar. (I ve suppia in tel Cul, se ve neghè, vv. 1-4)
  • Benché quelle[13] non fosser d'Elicona, | Ben lo fu, e lo sarà in sempiterno | Gran Poeta del Cazzo, e della Mona. (È morto 'l Baffo, è morto il gran Poeta, vv. 12-14)

Note[modifica]

  1. Buco.
  2. Uccello
  3. Poveraccio.
  4. Già.
  5. Imbrogliona, ma anche sgualdrina.
  6. Coglione.
  7. Fesseria.
  8. Tagliare.
  9. Finito.
  10. Dietro.
  11. Imbroglia.
  12. Dunque.
  13. Il poeta si riferisce qui alle sue stesse poesie.

Altri progetti[modifica]