Antistene

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Busto di Antistene

Antistene (436 a.C. – 366 a.C.), filosofo greco.

  • [Quando gli fu domandato perché rimproverasse così aspramente i suoi allievi] Anche i medici fanno così con i malati.[1]
  • [A chi lo criticava per il fatto che frequentava uomini malvagi] Anche i medici stanno con gli ammalati, eppure non hanno la febbre.[2]
  • Bisogna procurarsi provvigioni tali per il viaggio che, anche nel caso di naufragio, possano insieme galleggiare sull'acqua.[1]
  • È assurdo scegliere il loglio e levarlo via dal grano e fare così anche in guerra con quelli che non servono, e invece nella vita politica non scartare i malvagi.[2]
  • È meglio combattere al fianco di pochi virtuosi contro tutti i malvagi piuttosto che al fianco di molti malvagi contro pochi virtuosi.[3]
  • [Udendo una volta che Platone parlava male di lui] È proprio di un sovrano fare buone azioni e sentire parlare male di sé.[4]
  • Gli invidiosi sono divorati dal loro proprio carattere come il ferro dalla ruggine.[5]
  • [Alla domanda su quale degli apprendimenti fosse più necessario] Il dimenticare i mali.[6]
  • [Interrogato su quale vantaggio gli fosse derivato dalla filosofia] Il poter stare in compagnia di me stesso.[2]
  • La virtù basta in se stessa alla felicità, che non ha bisogno di null'altro se non del vigore di Socrate.[7]
  • La virtù è un'arma che non può essere sottratta.[3]
  • La vita in comune di fratelli che vanno d'accordo è più robusta di ogni fortezza.[1]
  • Meglio cadere nelle grinfie dei corvi [kórakas] piuttosto che in quelle degli adulatori [kólakas]: i primi, infatti, divorano i cadaveri, i secondi, invece, i vivi.[1]
  • Nel lusso possano vivere i figli dei nemici.[8]
  • Non si deve far smettere chi contraddice contraddicendolo, ma convincendolo: neppure il pazzo infatti è curato da chi diventa a sua volta pazzo. (frammento 65D)[9]
Ουκ αντιλέγοντα δέι τόν αντιλέγοντα πάυειν, αλλά διδάσκειν; ουδέ γάρ τόν μαινόμενον αντιμαινόμενός τις ιάται.
  • [A chi gli riferì: «Molti ti lodano»] Perché, che male ho fatto?[8]
  • Possa io diventare pazzo, piuttosto che provare piacere.[4]
  • [A chi gli domandava quale tipo donna sposare] Se è bella, la avrai in comune con altri [koiné], se è brutta, l'avrai tu solo in punizione [poiné].[4]
  • [A chi lo criticava perché non era figlio di persone libere] Se è per questo, non sono neppure figlio di due lottatori professionisti, eppure io sono un bravo lottatore.[1]
  • Stai attento ai nemici, perché essi per primi si accorgono degli errori tuoi.[3]
  • Una definizione è quella che mostra «che cos'era o che cos'è».[4]
  • Un avaro non può mai essere uomo virtuoso.[10]

Note[modifica]

  1. a b c d e Citato in 2005, VI, 4.
  2. a b c Citato in 2005, VI, 6.
  3. a b c Citato in 2005, VI, 12.
  4. a b c d Citato in 2005, VI, 3.
  5. Citato in 2005, VI, 5.
  6. Citato in 2005, VI, 7.
  7. Citato in 2005, VI, 11.
  8. a b Citato in 2005, VI, 8.
  9. Stobeo, Florilegio (2,2,15 W.-H.).
  10. Citato in Niccolò Persichetti, Dizionario di pensieri e sentenze di autori antichi e moderni d'ogni nazione, vol. I, Fratelli Rechiedei, 1877, p. 122.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]