Diogene di Sinope

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Diogene il Cinico

Diogene di Sinope (412 a.C. circa – 323 a.C. circa), filosofo greco.

Citazioni di Diogene di Sinope[modifica]

  • [Alla domanda da dove venisse:] Sono cittadino del mondo intero. (citato in Diogene Laerzio, Vita di Diogene il cinico)
  • Se i Sinopi mi hanno condannato all'esilio, io li condanno a restare in patria! (citato in Diogene Laerzio, Vita di Diogene , Mondadori)
  • [Interrogato sul perché parlasse con una statua] Mi alleno a chiedere invano! (citato in Diogene Laerzio, Vita di Diogene , Mondadori)
  • La libertà di parola è la cosa più bella per gli uomini. (citato in Diogene Laerzio, Vita di Diogene, Mondadori)
  • [sulla masturbazione] Magari bastasse strofinarsi il ventre per non avere più fame. (citato in Diogene Laerzio, Vite dei Filosofi, VI, 46, 69)
  • La folla è madre dei tiranni. (citato in Diogene Laerzio, Vita di Diogene , Mondadori)

Citazioni su Diogene di Sinope[modifica]

Diogene Laerzio[modifica]

  • Durante un banchetto gli gettarono degli ossi, come a un cane. Diogene, andandosene, pisciò loro addosso, come un cane.
  • "Olà uomini" gridò un giorno Diogene, e subito lo circondò una massa; ma egli la percosse col bastone, dicendo: "Uomini chiesi, non merde".
  • "Qual vino gusti di più?" gli chiesero. " L'altrui!".

Altri progetti[modifica]