Archidamo II

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Archidamo II (fine VI o inizio V secolo a.C. – 427 a.C.), re di Sparta.

Citazioni di Archidamo II[modifica]

Plutarco, Apophthegmata Laconica
  • [In risposta ad un tale che prometteva di dare un sapore più dolce al vino] Finiremo per berne troppo, e la mensa comune non sarà più così piacevole. (218 C)
  • [In risposta ad un tale che gli chiedeva chi comandava a Sparta] Le leggi e i magistrati che le applicano. (218 C)

Attribuite[modifica]

  • [Quando il tiranno di Siracusa Dionisio mandò alle sue figlie delle vesti molto preziose] Ho paura che le mie ragazze, con quella roba addosso, mi sembrino brutte[1]. (218 D-E)

Note[modifica]

  1. Plutarco (229 A) attribuisce questa citazione a Lisandro; risulta comunque impossibile che si tratti di questo Archidamo, dato che morì nel 427 a.C. e Dionisio prese il potere nel 405 a.C.

Bibliografia[modifica]

  • Plutarco, Le virtù di Sparta (Apophthegmata Laconica), traduzione di Giuseppe Zanetto, Adelphi, 1996, ISBN 978-88-459-1208-5.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]