Casey Stoner

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Casey Stoner (2010)

Casey Stoner (1985 – vivente), pilota motociclistico australiano.

Citazioni di Casey Stoner[modifica]

Citazioni in ordine temporale.

  • Credo che la storia dei pochi test sia una scusa un po' inflazionata. Una moto ha due gomme, un manubrio, freni, marce e un cambio. C'è bisogno di un po' di feeling e trovare un buon settaggio, ma quattro giorni prima di una stagione sono sufficienti.[1]
  • [Rivolto a Valentino Rossi, dopo il Gran Premio di Spagna 2011] La tua ambizione è superiore al tuo talento.[2]
  • [«Dovesse rinascere, farebbe ancora il motociclista?»] Forse mi darei una seconda occasione di provare e vedere come vanno le cose. Non mi sono mai pentito di quello che ho fatto, come della decisione di ritirarmi. Ma farei più attenzione a curarmi il corpo, chi mi era attorno nei primi anni non ha badato troppo ai miei infortuni e so che quando sarò più vecchio la pagherò.[3]
  • Marc ha il suo stile ed è incredibile. Il modo in cui riesce a sentire quando sta per perdere l'anteriore e a riprenderlo è qualcosa che non ho mai visto in questo campionato. Senza dubbio, questa è la sua forza.[4]
  • [«Com'è cambiata la tua vita senza le gare?»] Ho scoperto quanto sia bello svegliarmi ogni mattina nel mio letto: è una sensazione bellissima. Con le gare ero sempre in giro per il mondo mentre adesso non ho più lo stress del paddock ad accompagnarmi. Sono sereno.[5]
  • Mi sono chiesto tante volte se quello che mi ha spinto a correre fosse la passione per le moto oppure la pura voglia di adrenalina e di velocità. Forse 50 e 50, ma a questa domanda non ho ancora dato risposta.[5]
  • Tutti chiedono che la moto si adatti al loro stile di guida, il problema è che modificare il comportamento di una moto richiede tanti soldi e impegno da parte del costruttore, senza peraltro avere garanze in merito ai risultati. Al contrario, se il pilota adatta il suo stile alla moto, i risultati possono arrivare molto più velocemente e con soddisfazione.[6]
  • Anche quando correvo io molti non capivano l'importanza dell'allenamento con il cross. È qui che ho imparato a gestire la potenza, anche in bagarre: lì ci si trova spesso molto vicini, e in questo senso è piuttosto simile alla velocità. Ed è lo stesso con le discipline come il flat track, dove contano i minimi dettagli: bisogna andare a cercare il grip, gestirlo, saperlo ritrovare quando si perde aderenza. E lì non si può contare sull'intervento dell'elettronica.[6]
  • [Sul motomondiale 2007] Neanche in Ducati pensavano che potessi lottare per il Mondiale, ero solo uno che aveva tappato un buco, che costava poco e di cui sbarazzarsi a fine anno. Nessuno si aspettava nulla, ma per la prima volta una squadra era lì per me, e invece di dirmi cosa dovevo fare, mi si chiedeva di cosa avessi bisogno.[7]
  • [...] nelle mie gare, non mi sono mai goduto più di tanto le vittorie. Sentivo più che altro un senso di sollievo. Era fatta, il weekend era andato.[8]
  • Probabilmente non mi piaceva fare degli errori più di quanto non mi piacesse vincere. Quella era una cosa più importante per me di quanto non lo fosse vincere. Non ero proprio un perfezionista, ma ci andavo vicino. Se anche vincevo una gara ma avevo fatto degli errori, non ero contento.[8]

Citazioni su Casey Stoner[modifica]

  • Casey è stato un assoluto fenomeno. [...] È uno straordinario talento naturale. Lo è anche Márquez ma la differenza fra i due è che Marc cura il suo talento allenandosi tantissimo, Stoner non lo faceva. (Davide Tardozzi)
  • Con Casey era difficile, si passava dall'amore all'odio senza motivazioni. Hai presente quelle ragazze belle, che ti piacciono anche se sono delle stronze? Lui è così. E quando saliva in moto si faceva perdonare tutto, era veramente un fenomeno che non ho mai visto e che farò fatica a rivedere. (Vittoriano Guareschi)
  • Le fasi della vita dovrebbero essere: nasci, cresci, vedi un giro di Stoner a Phillip Island, ti riproduci e poi muori. (Danilo Petrucci)
  • Non si può dire che Valentino Rossi ad esempio non abbia talento, ma arriva ad esprimere la sua velocità attraverso il metodo. Casey Stoner invece sale in moto e piazza subito il giro veloce al primo tentativo. Per un qualsiasi rivale è la situazione peggiore da dover fronteggiare. (Andrea Dovizioso)

Note[modifica]

  1. Da un'intervista all'evento Wrooom di Madonna di Campiglio, 2009; citato in Stoner: 'Almeno cinque piloti in grado di battere Rossi', motogp.com, 26 gennaio 2009.
  2. Citato in Giovanni Zamagni, Corse e ricorsi. Il GP di Jerez, moto.it, 2 maggio 2014 .
  3. Da un'intervista a La Gazzetta dello Sport; citato in MotoGP: Casey Stoner "Io avrei potuto battere Marc Marquez", corsedimoto.com, 7 novembre 2017.
  4. Dall'intervista di Oriol Puigdemont, Esclusivo, Stoner: "Non vedo tutta questa crescita nel livello della MotoGP", motorsport.com, 7 febbraio 2018.
  5. a b Dall'intervista di Nicolas Patrini, Stoner: "Ho ancora tantissime proposte per correre, ma non tornerò", motociclismo.it, 10 luglio 2018.
  6. a b Da un'intervista a Paddock-GP; citato in Edoardo Licciardello, MotoGP, Casey Stoner: "I piloti di oggi sono troppo orgogliosi", moto.it, 15 giugno 2020.
  7. Da La Gazzetta dello Sport; citato in Stoner: "A Laguna Seca Rossi ha mostrato veramente chi era", formulapassion.it, 15 novembre 2021.
  8. a b Da un'intervista al podcast ufficiale della MotoGP, Last on the Brakes; citato in Matteo Senatore, MotoGP / Stoner: "Nel 2007 non mi godetti il titolo", formulapassion.it, 27 novembre 2021.

Altri progetti[modifica]