Corrado Govoni

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Corrado Govoni

Corrado Govoni (1884 – 1965), poeta e scrittore italiano.

Citazioni di Corrado Govoni[modifica]

  • Discendo in ogni modo da un'agiata famiglia di mugnai e di agricoltori. Ed anch'io nella mia lontana giovinezza, mi dedicai per qualche anno, con buon successo, all'agricoltura per la quale avevo una naturale spiccatissima disposizione.[1]
  • Espansione di rose dentro l'orto | dell'antico convento delle suore, | di belle rose con la borracina. [2] (da: Le fiale – Rose claustrali)[3]
  • Le bianche suore pel bianco giardino | vagano nel mattino dell'Aprile | e il cielo fresco come il biancospino | ha una gaiezza quasi puerile. (da: Le fiale – Rose claustrali)[3]
  • O solitaria rete in riva ai laghi | che ragni[4] il fior dell'acqua di sorrisi! | Quel pallore di cieli uccisi | negli occhi imbrillantati e vaghi; (da: Il flauto magico – Natura morta.)[3]
  • Su e giù, va e viene sempre inquieto, | fruga e becca fra gli spini: qua un seme, là una goccia ed una foglia | senza che di mangiare abbia gran voglia, | senza saper se voli o se cammini. | Somiglia alle ragazze più vivaci: | le tieni ferme solo con i baci. (da: Govonigiotto – Lo scricciolo)[3]
  • Violenta primavera del cavallo! | Ad ogni suo elastico passo | intorno allo zoccolo viola |che stampa lune di rumore | un biancospino di polvere, sboccia un cespuglio di fango. (da: Canzoni a bocca chiusa – Cavallo)[3]

Armonia in grigio et in silenzio[modifica]

  • Il vento con le sue lingue | lambisce le piante moribonde; | ne le soprastanti gronde | un piano sorbire si distingue. (Musica per camera)
  • La dolce campanella delle Cappuccine | dice le sue divozioni mattutine. (Musica per camera)
  • In un collegio lungo un corridoio | dei vetri si figurano di guance. | L'Ottobre con le logore bilance | viene per l'orto come un spogliatoio. (Acquatina autunnale)

[Poesia italiana del novecento, Giulio Einaudi Editore]

Note[modifica]

  1. Citato in Narratori di Emilia Romagna, p. 76, a cura di Giuseppe Raimondi e Renato Bertacchi, Edizioni Mursia, Milano 1968
  2. Qui borracina ha significato di muschio ma la rosa borracina è una varietà di rose i cui petali paiono vellutati.
  3. a b c d e Poesia italiana del novecento, Giulio Einaudi Editore
  4. Ragnare da ragna (o tramaglio), tipo di rete per l'uccellagione.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]