DuckTales (serie animata 2017)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Ducktales

Serie TV

Immagine Ducktales2017Logo.svg.
Titolo originale

Ducktales

Paese Stati Uniti d'America
Anno

2017 – in corso

Genere animazione
Stagioni 2
Episodi 39
Ideatore Carl Barks
Rete televisiva Disney XD, Disney Channel
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Ducktales è una serie animata Disney trasmessa dal 2017.

Sigla[modifica]

Versione standard[modifica]

Qua la vita a Paperopoli | è un gran | ballo! | Corri e voli in aeroplano | ma che | sballo! | Storie di paperi | e che bei paperi! | DuckTales! | Woo-oo! | Ogni giorno c'è una storia nuova! | Woo-oo! | Misteriosa paperosa | DuckTales! | Fai attenzione | c'è qualcuno | alle spalle | che ti spia! | Non aver paura sono i | DuckTales! | Woo-oo! | Personaggi strabilianti | DuckTales! | Woo-oo! | Grandi storie | divertenti | favolose | sorprendenti | DuckTales! | Woo-oo!

Versione di Natale[modifica]

Qual la vita a Paperopoli | è spe-ciale! | Slitta, neve e dolci doni: | è Na-tale! | Quante canzoni | e quanti doni! | DuckTales! | Woo-oo! | La viglia di Natale! | DuckTales! | Woo-oo! | Quante storie | paperose | DuckTales!

Incipit[modifica]

Qua: [Toglie, con la forza, la giacca da marinaio allo zio.] Sta fermo, zio Paperino!
Paperino: Lasciami stare!
Qui: Buongiorno, zio Paperino.
Qua: Oggi hai un colloquio di lavoro. [Getta, malamente, la giacca in lavatrice.]
Paperino: No! Quella no!
Qua: Serve una giacca adatta al lavoro che si vuole, non per quello che si fa, che nel tuo caso non esiste.
Paperino: [Una manica che spunta dalla lavatrice, si brucia sui fornelli.] Puoi abbassare i fornelli? È pericoloso.
Qui: Ma oggi è un grande giorno! E un grande giorno, chiede una grande colazione! [Offre un uovo all'occhio di bue con un pesce poco cotto.]
Paperino: Bleah.
Qui: [Prende una giacca elegante da Qua.] Prendo il ferro da stiro. [La tavola da stiro casca sulla testa di Paperino.]
Paperino: Ma che ci fate poi senza giubbotto!? E se la barca affonda mentre c'è la babysitter?
Qui e Qua: Va bene, zio Paperino. [Si mettono a malavoglia due giubbe di salvataggio.]
Paperino: Dov'è la babysitter? [La chiama al cellulare.] Che fine hai fatto!? Cosa? Io non ti ho dato un indirizzo nuovo. A che ora pensi di essere qui?
Babysitter: Non... non saprei.
Paperino: Accidenti. Ora dove la trova un'altra babysitter alle dieci?
Paperino, Qui e Qua: Le dieci!?
Qui: Devi andare! [Gli mettono la giacca elegante e lo spingono sul molo.]
Paperino: Ehi! Non posso lasciarvi...
Qua: Possiamo sopravvivere per un paio d'ore.
Paperino: "Un paio d'ore"? Ehm... Ok. Ma ricordatevi che la voglio vedere specchiata! [Fa per andarsene, ma il motore si accende.] Dov'è Quo?
Qua: Dorme.
Qui: Chi è Quo?
Qua: ..."Chi è Quo"?
Quo: [Manomettendo il motore.] Bene, andremo a Cape Suzette e torneremo prima che si accorgano della nostra assenza. Tanti saluti, Stupidopoli! Ciao... [Si accorge di essere stato scoperto.] zio... Paperino... Che succede?
Paperino: [Portandoli in macchina] Non posso lasciarvi soli un minuto!
Quo: Dovevi farlo uscire prima delle dieci! Te lo ricordi?
Qui: E tu dovevi dare un segnale prima di accendere il motore.
Qua: Non si può mai fare niente.
Paperino: Ragazzi, per tenere a galla la casa... sigh. Si fa anche quello che non si deve fare. [Imposta la rotta sul GPS.]
GPS: Destinazione: Villa de' Paperoni.
Qui: Villa de' Paperoni!? Di Paperon de' Paperoni?
Quo: Il trilionario!?
Qua: Così hai deciso di venderci.
Paperino: Io non voglio ma... sembra proprio che tocchi tutto a me.
Quo: Conosceremo Paperon de' Paperoni!
Qua: Quel papero grandioso!
Qui: Sì!
Quo: È una vera leggenda: ha sconfitto un gigante di pietra, e dalla sua gamba ha scolpito una statua di sé stesso!
Qui: È così intelligente che ha scoperto il mistero del chupacabra, che era un orso rasato a zero!
Qua: È talmente ricco, che va a caccia di tesori solo per nuotarci dentro!
Paperino: Basta! Calmatevi! Starete con lui solo un paio d'ore.
Quo: Cioè un paio d'ore con il papero più straordinario dell'intero pianeta!

1x01: Alla ricerca di Atlantide[modifica]

  • Paperino: [Al citofono] Tata? Su, apri! Devo andarmene prima... [Giunge la limousine di Paperone] che arrivi lui.
    Paperone: Ehi! Sgombra all'istante quel macinino dal mio vialetto, parassita! Ah. Paperino...
    Paperino: Zio Paperone...
    Qui: "Zio Paperone"!? [I nipotini esultano]
    Paperino: Vedo che stai bene.
    Paperone: Che fai? Vivi ancora su quella barca?
    Paperino: Sì. Sei ancora ricco? [Gli mostra il suo giardino di pavoni] Bene. Bene. Dunque...
    Paperone: Dunque, dunque... Sgombra all'istante quel vecchio macinino dal mio vialetto, parassita che non sei altro!
    Paperino: Che eroe. Si comporta come se fosse il papero più ricco del mondo.
    Paperone: Io sono il papero più ricco del mondo!
  • Paperino: Qui, Quo, Qua, vi presento Paperon de' Paperoni. Attenzione a non. Combinare. Guai.
    Qui, Quo, Qua: Sì, zio Paperino.
    Paperino: Non parlavo con voi.
  • Gaia: Chi è il gemello cattivo?
    Qui e Quo: Qua.
  • Gaia: Noi, adesso, siamo amici?
    Qui: Se diciamo di sì, ci risparmi?
    Gaia: Bella questa, amico.
  • Dovrei appendere le ghette al chiodo e diventare un vecchio relitto? Dovrei mettermi a raccontare storie sul papero che ero ai tempi nostri chiassosi? [...] Io sono Paperon de' Paperoni! Mi sono fatto un nome come "Il più duro dei duri e il più furbo dei furbi"! E ho fatto fortuna onestamente! Da solo! (Paperone)
  • Qui: Tu non esci molto, vero?
    Gaia: Ah, la nonna è iperprotettiva: mi addestra ad affrontare ogni pericolo, ma poi dice che qui c'è tutto quello che mi serve. Un giorno, però, anch'io vedrò il mondo, diventerò una grande esploratrice e mangerò addirittura un hamburger!
  • Qui: Possiamo farcela: noi siamo in quattro e loro in tre. Se ora... come non detto: hanno fatto squadra.
    Paperone: Bene: così c'è solo un bersaglio!
  • Paperone: Qual'è il prezzo per farti sparire nell'aldilà?
    Capitan Gamba Uncino: La testa di Paperon de' Paperoni!
    Paperone: Ti accontenti del cappello? [Gli lancia addosso un suo busto] Ecco la testa!
    Capitan Gamba Uncino: Avrei dovuto essere più specifico!
  • Ah. La famiglia è davvero la più grande avventura che... oh, no! Il suolo! (Jet McQuack)
  • Paperone: Allora, da quando vi conosco, mi avete distrutto la casa e il deposito, avete scatenato antiche creature malvagie e mi avete quasi ucciso! Due volte!
    Qui: Quattro volte, se conti ogni mostro singolarmente...
    Paperone: È stato incredibile!
  • Prendi un'idea e falla diventare tua. È il sistema migliore. Più veloce. Più economico. (Famedoro) [Motto]
  • Paperone: Dii un po', Jet: hai mai pilotato un sottomarino?
    Jet: Una volta ho affondato un elicottero in una piscina. È lo stesso?
    Paperone: Beh... io ho fatto questo e altro.
  • Forse dovrei assumerli questi miei nipoti, così mi darebbero ascolto. (Paperone)
  • Quo: Lasciate andare mio zio.
    Famedoro: No.
    Quo: Non me lo aspettavo.
  • Paperino: Dovevi badare ai ragazzi!
    Paperone: Ah, stanno benissimo.
    Paperino: Ah, sì? E gli altri due?
    Paperone: Sono al sicuro, accanto ai serpenti.
  • Regola 891 delle Giovani Marmotte: c'è sempre una soluzione ad ogni problema. (Qui)

1x03: Caccia alla Numero Uno[modifica]

  • Qua: Che show stupido.
    Paperone: Puoi sempre spegnere la televisione.
    Qua: Il telecomando è da quella parte... [Allunga il braccio, ma si accorge che il telecomando è appena più lontano dalla sua portata] Non fa niente. [...] Abbiamo altra Pep?
    Paperone: Ma ci sono sei lattine piene, sul tavolino.
    Qua: Bevo solo il primo sorso: è la parte più gassata. Fa niente, chiamo la Tata. Oh, no: il cellulare è scarico, dovrò comprarne uno nuovo.
    Paperone: Perché non lo carichi?
    Qua: Questo ha già tre mesi, comunque. Che importa? Siamo ricchi.
    Paperone: No: sono IO quello ricco! Ecco il punto: adesso tu vieni in ufficio ad imparare il valore di una giornata di duro lavoro!
  • [Becca Quo con le mani sporche di glitter] Ti ho visto! Credi che abbia messo i glitter sul mio taccuino perché è "carino"? Ok, certo, ci sta bene ma... (Gaia)
  • Ho fatto ricerche su di lei [Della] per anni, ma non c'è nulla: niente foto, niente documenti. Nessuno parla di lei. Una volta ci consegnarono della posta indesiderata col suo nome e, il giorno dopo, Paperone comprò l'intero edificio postale e, d'allora, non ho visto più il nostro postino. (Gaia)
  • Gaia: Succedono brutte cose, a chi chiede di Della Duck.
    Quo: E allora, da dove iniziamo?
  • Bradford: Ecco perché abbiamo indetto questo incontro per discutere i tagli delle spese non necessarie al Deposito.
    Paperone: "Non necessarie"!? Io sono Paperon de' Paperoni: non spendo un penny in più di quanto abbia bisogno!
    Bradford: Qui dice che lei spende quindici milioni di dollari per difendersi dalla magia.
    Paperone: Avete una minima idea di quante maledizioni vendicative pendono sulla mia testa?
  • Tutorial: Oggi vi insegneremo come forzare una serratura. Prima di tutto, occorre un piccolo oggetto, come un decino.
    Qua: Se avessi quello, non avrei bisogno di te!
  • Edi, fai il bravo. Non insorgere contro i tuoi padroni, chiaro? (Archimede)
  • Chi non rispetta gli Archivi, diventerà parte degli Archivi stessi! (Miss Paperett)
  • Un decino assume un significato diverso, quando devi guadagnarlo. (Paperone)

1x04: Il compleanno di Mamma Bass[modifica]

  • Gaia: Forse potrei badare alla mappa.
    Quo: Oh, a quella ci pensa Qui, grazie al vecchio Capitan Perso.
    Qua: Ehi! Signor Capitan Perso, per te.
  • Lena: Ma che cos'ha Mamma Bass contro di te?
    Gaia: Oh, niente: ha tentato di rapirmi e io l'ho intrappolata in una vasca piena di palline.
  • Lena: Ma che carini: ognuno che indossa un colore diverso. Ma, a parte quello, siete tutti e tre uguali?
    Qui, Quo e Qua: Ah, no. Siamo come fiocchi di neve. Ehi, ma che succede? È molto strano. Ok, state zitti. Perché stiamo facendo il coretto? La smettiamo? ARGH!
  • Lena: Eravate così preoccupati per Gaia, che l'avete lasciata sulla spiaggia e siete spariti per quattro ore?
    Qui: Ci siamo persi...
    Quo: ...grazie al vecchio Capitan Perso.
    Qua: Perché mi avete affidato la mappa un'altra volta! Non è colpa mia!
  • Ti prometto che non ti lasceremo più a terra. Lasceremo Qua. (Qui)
  • Gaia: [Scopre che Lena è stata presa dai Bassotti] Dobbiamo aiutarla!
    Qua: Andiamo a prendere Zio Paperone, Tata e un paio di carri armati!
  • Pico Bass: [Legando Lena e Gaia] Voi signorine, ci avete causato un bel po' di guai, stasera. Ma ne varrà la pena, quando la mamma vedrà il suo regalo.
    Boxy Bass: [Legando Qui, Quo e Qua] E abbiamo preso anche quello della Festa della Mamma, in anticipo.
    Lena: Ma scherzi? Il tuo grandioso piano era quello di buttarti alla cieca in mezzo alla famiglia dei Bassotti al gran completo?
    Gaia: Che cos'ha di tanto diverso da quello che hai fatto alla discarica?
    Lena: Non ero affatto legata alla discarica, se non sbaglio!
    Qui: [Commosso] Ora sono come noi.
  • Zia Amelia... Ce l'ho fatta. (Lena)

1x05: Avventure nel sottosuolo[modifica]

  • Tutto quello che non trovi nel Manuale delle Giovani Marmotte, non esiste. (Qui)
  • Gaia: Ti posso spiegare...
    Tata: Vi siete messi in un brutto guaio. Immagino sia stata una tua idea.
    Lena: Tze, certo: la colpa è sempre della ribelle che non gioca secondo alle regole.
  • Tata: L'unico modo sicuro per andarcene è far riavviare il treno. Jet, fallo ripartire.
    Jet: [...] Non so se sono capace: finora non ha mai fatto schiantare un treno.
    Tata: Beh, magari questo riuscirai a guidarlo senza farlo a pezzi.
    Jet: Eh!?
  • Gaia: Andiamo via! Scappiamo!
    Qui: Non posso: devo stare vicino alla luce per vedere! Il Manuale dice che è il posto statisticamente più sicuro.
    Qua: Ma così finirai schiacciato!
    Qui: Sì, ma almeno saprò che cosa mi schiaccia. Chissà che c'è, là fuori!
    Gaia: Noi sappiamo quello che c'è: i Terrifermini.
    Qui: Ma se esistono, quante altre cose tremende mi aspettano nell'oscurità?
    Gaia: Il solo modo per saperlo è scoprirlo tutti insieme!

1x10: La lancia di Selene[modifica]

  • Andiamo, i fulmini non hanno mai ucciso nessuno. (Jet)
  • Come dico sempre "È meglio sicuri che... qualunque sia il contrario di sicuri." Sì. Dico sempre così. (Jet)
  • Zeus: [Mostrando vasi e anfore con sopra disegnati alcuni eventi] Itaquack era un luogo segreto dove passavano le vacanze gli dei e gli eroi! E io, che sono il dio dell'ospitalità, ero considerato il re della spiaggia! E tutti mi amavano! Poi, è arrivato Paperone: ha sconfitto l'invincibile Medusa, ha trovato il tesoro perduto di Troia e ha vinto tutte le gare per il miglior castello di sabbia! [...] Paperone risultava sempre il migliore, e ha rovinato tutto!
    Paperone: Tipico degli immortali, passare le giornate a lamentarsi dei bei tempi andati. E gli altri dove sono?
    Zeus: Se ne sono andati con te, perché si annoiavano con un "dio penoso", che non reggeva il confronto con un umile mortale! [Paperone prende un'altra anfora che raffigura Zeus infuriarsi con gli altri dei] Sì, magari c'è stata anche una tempesta di fulmini durata un anno.
  • Hanno messo una Chimera sul tetto di quella casa! È adorabile, mi viene voglia di affrontarla! (Gaia)
  • Quo: Allora Selene, dov'è la Lancia di Selene?
    Selene: Quale lancia?
    Quo: Quella che ti ha portato via Della.
    Selene: Parli della Luna di Selene?
    Quo: Perché nessuno ha quello che cerchiamo!?
  • Forse tu hai chiuso con l'avventura, ma l'avventura non ha chiuso con te. Sei un eroe, che tu lo voglia o no, mio caro Paperino. (Cicognercole)

1x11: Un robot pericoloso[modifica]

  • Quackerjack: [Derubando una banca con Megavolt e Liquidator] Un gioco da ragazzi! [Scappano per la strada, ma i lampioni vengono ad uno ad uno rotti]
    Megavolt: No! Vi vendicherò, lampioni fratelli miei. Chi ha osato!?
    Darkwing Duck: Io sono il terrore che svolazza nella notte! Sono il pattino a rotelle in fondo alla scala della malvagità! Io sono... Darkwing Duck! [Nota i criminali scappare]
    Quakcerjack: La ricreazione è finita.
    Darkwing Duck: Devo accorciare la mia introduzione. [Inseguendoli] Dagli addosso, Duck!
  • Quo: Cos'è questo programma?
    Jet: Come? Non lo sai? È Darkwing Duck, la più grande serie TV di tutti i tempi!
    Quo: Ah. Forse quando tu eri ragazzino. Quella specie di eroe non vola. E poi non spara neanche con i laser.
    Jet: Quello è Jim Starling. Un attore che eseguiva personalmente tutte le acrobazie. Certo, è un po' ammaccato nelle ultime stagioni, ma questo lo ha reso ancora più eroico.
  • Quo: [Salendo in macchina] Qual'è l'occasione speciale?
    Jet: Finalmente ho preso la patente di guida!
    Quo: Cosa?
  • Codice operativo: Fanfaluca ciarlante! (Fenton/Robopap)

1x12: Gli anelli mancanti del Moorshire[modifica]

  • Qui: [Facendo la telecronaca con Jet] Bentornati al torneo del Club dei Miliardari, per una serie di circostanze, i giocatori si sono ritrovati, in un regno incantato. Ma hanno comunque deciso di andare avanti.
    Jet: E per di più, abbiamo anche due cavallini.
    Qui: Che stai dicen- uh? [Appaiono due pony con il cappello]
    Brunetta: Salve a tutti: noi siamo Brunetta e Rovetta, le guardiane di questo regno.
    Gaia: Animali parlanti con il cappello?
    Quo: Oh, no. Siamo passati a miglior vita? Questo è il paradiso di Gaia?
    Rovetta: Scommetto che volete sapere dove siete.
    Qua: È un campo da golf magico, no?
    Qui: Lo costruirono i druidi in segreto per continuare a giocare dopo il bando del re?
    Brunetta: Sì, tutto quello che avete appena detto è giusto.
    Rovetta: [Invitandoli a salirli in groppa] Coraggio, saltate su tutti, vi portiamo a fare un bel giro.
    Gaia: [Fa per salire, ma nota le loro criniere] Ehi, perché le criniere bagnate? Oh! Siete due kelpie, vero? Convincete le persone a salirvi in groppa e poi le trascinate in mare?
    Rovetta: Oh, no, no, no, no, no. Abbiamo appena finito di fare la doccia, e questo è tutto. [Tutti le guardano storte] D'accordo: di solito ci comportiamo così.
  • Quo: Penso di riuscire a mandarla in buca con uno swing. Fammi provare.
    Paperone: Con il rischio che la pallina finisca in acqua? Assolutamente no.
    Brunetta: [Fingendosi Gaia] Ah, dagli una possibilità. Se finisse in acqua, potremmo cavalcare i Kelpie per riprenderla. Io sono la piccola paperottolina, puoi fidarti di me.
  • Brunetta: Congratulazioni, campioni.
    Rovetta: Siete i primi giocatori di golf che si aggiudicano la Coppa del Druido.
    Quo: [...] [Leggendo la targa] "Paprone e Quu"?
    Brunetta: Scusate: lavoro fatto in fretta.
    Rovetta: Beh, non ci aspettavamo che avreste vinto.
    Brunetta: Allora, vi va una bella nuotata per festeggiare?
    Tutti: NO!

1x14: Lo $qualo[modifica]

  • Paperino: [Aspettando con Lena il ritorno di Paperone e i nipotini] Tranquilla, torneranno presto.
    Lena: Cosa? [Si sente uno schianto] Ah, questi forse sono loro.
  • Non sono un tipo da abbracci. (Lena)
  • Faremo un pigiama party! Ci laveremo i denti, andremo a letto presto, ci risveglieremo confuse in piena notte, dicendo "Dove mi trovo? Ma sì: sono al mitico pigiama party!" (Gaia)
  • Amelia: Villa de' Paperoni non è più sicura! Da dove cominciamo?
    Lena: Il mio piano, al momento, è fare i pop-corn, guardare un film e Gaia vuole che ci laviamo i denti.
    Amelia: L'igiene dentale può aspettare: sento che i miei poteri aumentano quanto più mi avvicino alla preziosa Numero Uno di Paperone! [...]
    Lena: L'amuleto è già nel Deposito. Io resto qui e aspetto, giusto?
    Amelia: Sigh... tu aspetti qui, mentre la Pietra del Cacciatore cerca la Numero Uno che porterà a te, tu la porterai a me e io libererò il suo misterioso potere che attaccherà questa casa dall'interno e scaglierà la mia dolce vendetta su Paperon de' Paperoni!
    Lena: Uhm. Quindi resto qui e aspetto.
    Amelia: Lena, mostra un po' di interesse per la nostra faida secolare.
  • Non ti fidare di loro: ti annienterebbero appena sapessero che cosa sei veramente. (Amelia)
  • Gaia: Ti sei mai chiesta quali forze oscure si annidano nell'ombra, aspettando solo il momento giusto per balzare fuori?
    Lena: [Nervosa] Veramente no. Non ci ho mai pensato.
  • Mai fare la lotta con Gaia. (Qui)
  • [Fingendosi un cronista olimpionico, mentre i suoi fratelli si preparano a tuffarsi nel Deposito] Il prossimo sul trampolino è Quo, in rappresentanza del paese di Quadonia. Quando gli hanno chiesto se fosse preoccupato di ferirsi sulla dura montagna di soldi, lui ha replicato "no". (Qua)
  • Lena: Odio la magia.
    Amelia: Frena quella lingua! La magia è l'impresa di famiglia!
  • La prossima volta, il pigiama party lo facciamo a casa mia. (Lena)
  • L'amicizia è la magia più potente che esista! (Gaia)
  • [Incantesimi dalle serie televisive] Se la nostra amicizia utilizziamo; la fine dello squalo mangia monete otteniamo (Lena e Gaia)
  • Famedoro: Ha distrutto il mio ufficio e riesce ancora a farla franca?
    Paperone: Tu hai cercato di distruggere il mio due volte, questo mese!
    Famedoro: Tre volte, se conti anche ADESSO! [Attiva un detonatore ma nulla accade] ...adesso! Adesso? Oh, che figuraccia.

1x15: Il mistero della Laguna Dorata[modifica]

  • Qua: Che bisogno hai di mangiare gratis? Sei ricco!
    Paperone: Non lo sono diventato sprecando i soldi, ma battendo sempre tutti i miei nemici.
  • Qua: Cosa c'è? Un brutto ceffo?
    Quo: O un brutale ceffone?
    Qui: O una... ehm... detesto arrivare terzo.
    Paperone: Peggio: è la mia ex. [...] Attenti ai portafogli, ragazzi.
    Doretta: Ti prego, Paperone, io non derubo mai i bambini. Tranne quando hanno qualcosa che voglio o che mi annoi o...
  • Paperone: Ai tempi della corsa all'oro, mentre accumulavo oro nel Klondike...
    Qui: La "corsa all'oro"? Ehi, ma quanti anni hai?
  • Paperone: E invece hai voluto deliberatamente lasciarmi lì, condannandomi ad una fine certa!
    Doretta: Davo per scontato che tu mi seguissi: era sempre andata così.
    Paperone: Ero congelato in un enorme blocco di ghiaccio!
    Doretta: Tu sei Paperon de' Paperoni!
    Paperone: Ma questo non può giustificare tutto quello che fai!
    Doretta: Beh, forse no. [...]
    Paperone: In realtà amavi l'oro più di quanto amassi me.
    Doretta: E questo era il motivo per cui tu mi amavi.
  • Ahimè, Doretta: ero troppo impegnato a cercare l'oro che non ho fatto caso a chi mi stava di fronte e che... mi ha pugnalato alle spalle. (Paperone)

2x01: La pericolosa partita serale[modifica]

  • Qua: [Paperone sta per afferrare un idolo dal piedistallo] Avanti, prendilo!
    Paperone: L'idolo di Sibola non è un gingillo da afferrare senza fare tante cerimonie. La leggenda dice che...
    Qua: Bla, bla, bla, bla, bla, vogliamo finirla con gli "wow!" e passiamo all'"aspetta, che?", per favore? "Wow, una favolosa città nascosta! O un tesoro! Aspetta, che? Quella roba fantastica è pericolosa o maledetta o custodita da centauri? Aaaah! E Qua ci rimette quasi le piume." Procediamo? Tanto è così che va.
    Paperone: Qua, devi imparare che l'avventura è una compagna che è imprevedibile. Gli scenari pericolosi vanno sempre valutati da ogni punto di vista e non sono mai uguali.
    Quo: Wow. [Afferra la statua]
    Qua: Uno.
    Quo: [il piedistallo trema] Aspetta, che?
    Qua: Due.
    Paperone: Sì, ma questo non significa che...
    Qua: [il tempio trema] Tre.
  • Pensavo che la vita del cercatore di tesori fosse più tesori che ricerca. (Qua)
  • Paperone: Se perdiamo, ti diseredo.
    Paperino: Sono nel testamento!?
  • Jet si è schiantato tante di quelle volte che penso potrebbe essere immortale. (Qua)
  • Ma che "amici" e "amici"? Vi sopportate più di chiunque altro e avete cura dell'altro più di chiunque: voi non siete amici, siete una famiglia! (Paperone)
  • Qua: Ho tredici scuse differenti, dipenda da quanto sei arrabbiato.
    Paperone: Chiudi la porta.
    Qua: Oh, sei proprio arrabbiato.

2x02: Gli abissi del cugino Paperoga[modifica]

  • Solo perché è diversa, non vuol dire che sia cattiva. (Paperoga)
  • Regola numero 2 del manuale: nella ricerca della verità, le Giovani Marmotte devo aprire la mente anche a ciò che non conoscono. (Paperoga)
  • Beh, voi mi avete preso per uno scienziato, magari potrei impegnarmi per diventarlo sul serio! Dunque, devo riempire un modulo o basta che mi compri un camice? No, zitti: sono uno scienziato, quindi devo scoprirlo da solo! (Paperoga)
  • Qui: È decisamente un tipo strano.
    Quo: Già, è non c'è niente di sbagliato in questo, Paperoghino.

2x03: La ballata di Duke Salame[modifica]

  • Duke: Dobbiamo essere i migliori!
    Pescatora: Non c'è nulla di male ad arrivare secondi.
    Fisher: Sai, ho sentito dire che il primo è il peggiore e il migliore è sempre il secondo.
  • Gaia: Famedoro soffre davvero d'amnesia e ora è un semplice pescivendolo.
    Qua: Hai detto lo stesso quando era un umile fattorino e un pasticcere senza grandi pretese.
  • Qua: Lo sapevo! Sta facendo una cosa da Famedoro.
    Gaia: È evidente che sta lottando con i ricordi repressi. Dobbiamo aiutarlo.
    Qua: È proprio quello che vuole da noi, e poi "sorpresa!", ci ritroviamo circondati da squali bomba!
    Gaia: Famedoro lo farebbe, ma non il nostro Duke.
    Duke: ...ed ecco come legheremo le bombe agli squali!
  • In tutti questi anni a battagliare con quel fastidioso criminale, non ho mai visto Cuordipietra felice come adesso. Lasciamo che sia Duke Salame, per il suo bene. (Paperone)
  • Giovane Duke: Lustrascarpe! Lustrascarpe! Qui si lustrano scarpe!
    Paperone: Sai lustrare anche le ghette?
    Giovane Duke: Nessuna calzatura mi spaventa! Allora, cosa ti porta in Sud Africa?
    Paperone: Diciamo solo che un ricco scozzese arguto ha carpito il potere di far cadere la pioggia per rendere meno secco il deserto del Sahara. La solita routine per Paperon de' Paperoni.
    Giovane Duke: Devi essere qualcuno di molto importante se parli di te stesso in terza persona. Sai, anche Duke Salame è piuttosto importante. Ho un sacco di progetti per diventare il papero più ricco del mondo! Con i soldi guadagnati lustrando scarpe, comprerò una miniera di carbone, poi calpesterò il carbone così forte da trasformarlo in diamanti!
    Paperone: Non ti farai male ai piedi?
    Giovane Duke: No signore: sono troppo cocciuto per sentire dolore. Comunque, costruirò una enorme trivella con la punta di diamante, per cercare l'oro e diventare ricco.
    Paperone: Ma scusa, perché non ti limiti a vendere i diamanti?
    Giovane Duke: Allora... che ci farei con la trivella?
    Paperone: Ah, ah, ah. [Afferra il suo mazzetto di soldi, ma gli passa un decino.] Buona fortuna.
    Giovane Duke: Un decino!? Il prezzo è un dollaro! Le ghette sono extra, più la mancia!
    Paperone: Volevo insegnarti che bisogna fare affidamento solo su sé stessi. È così che sono diventato il papero più ricco dell'intero pianeta.
    Giovane Duke: Sei il papero più ricco dell'intero pianeta e mi hai dato solo un decino!?
    Paperone: Beh, è un gesto simbolico per dirti di lavorare, per fare fortuna. È meglio dei tuoi avventati progetti.
    Giovane Duke: Mi prendi per i fondelli? Come ti permetti? Ti ritieni tanto ricco? Tanto ricco e tanto scozzese!?
    Paperone: [Andandosene] Mi pento di averti consigliato.
    Giovane Duke: Oh, sì: altroché se te ne pentirai. [Gli sottrae silenziosamente il mazzetto di soldi.] Non hai perso qualcosa? Ah, ah, ah! I miei progetti sarebbero avventati, eh? Beh, allora che te ne pare di questo? Innanzitutto userò il tuo denaro per creare un personaggio scozzese di livello superiore! [...] E infine, dedicherò il resto della mia vita a superare Paperon de' Paperoni!
  • Ho lasciato Duke Salame da tempo, in Sudafrica. Lunga vita a Famedoro! Fame-doro! Fame-doro! (Famedoro)
  • Famedoro: Ah! Pensavi di avermela fatta, eh Paperone, fingendo di essere una barca nei miei sogni? Ti è andata male!
    Paperone: Diciamo pure addio a Duke Salame. E diamo il bentornato a Cuordipietra.
    Gufenson: Signor Famedoro, sono Zan Gufenson, l'attuale direttrice delle Industrie Famedoro. È un onore e...
    Famedoro: Zitta, Zan! Paperone pensava che tutti si dimenticassero di Cuordipietra Famedoro, ma io sono indimenticabile!
    Paperone: Avevi letteralmente dimenticato te stesso, ed eri felice come una pasqua.
    Famedoro: Sono felice solo quando tu sei infelice!
    Gufenson: Devo chiamare la sicurezza, oppure...
    Paperone: No, è meglio lasciarlo strillare.
    Famedoro: Non sarò dimenticato di nuovo! Ora ti propongo una scommessa: tu contro di me. Chi dei due sarà il papero più ricco del mondo nel giro di un anno, vincerà!
    Paperone: Via, Cuordipietra, perché dovrei accettare questa ridicola scommessa?
    Famedoro: Oh, te lo dico io, il motivo. [Mostrando il fermaglio del mazzetto di soldi]
    Paperone: Dove l'hai preso quello!?
    Famedoro: Oh, questo? Ce l'ho da quando te l'ho rubato. Ero solo un tenero pargoletto.
    Paperone: Allora sei stato tu!
    Famedoro: Ti ho battuto allora e posso farlo ogni volta che voglio, sempre che tu non abbia il terrore di arrivare secondo.
    Paperone: Non sarò mai secondo ad un arrogante imbroglione come te!
    Famedoro: E allora dimostralo. Il vincitore si prende la compagnia del perdente e diventa il papero più ricco del pianeta... per sempre!
    Paperone: Accetto!

2x06: Natale in famiglia[modifica]

  • Attendiamo tutto l'anno! | Falalala Lalalala! (Paperino)
  • Paperone: Ehi! Togli da quel prato quelle orribili decorazioni!
    Paperino: Ma se hai il giardino più bello di tutta la città!
    Paperone: Ho anche un pilota che non distingue le lucette sul prato da quelle di un aeroporto!
  • Caro Babbo Natale... posso spiegare... (Qua)
  • Paperone: È tutta una volgare speculazione commerciale, questa grande baggianata delle feste! Senza parlare poi... di quel bifolco, ladro di renne, tutto vestito di rosso che si crede... [...] Bah, bubbole.
    Gaia: Ah! L'ha detto!
  • Vattene, Sinistro Mietitore! Non prenderai adesso il mio vecchio zio! (Quo)
  • Credevo che gli spiritato fossimo noi? L'hai capita? Siamo dei fantasmi! (Presente)
  • Paperone: Quo, ti presento i fantasmi del Natale Passato, Presente e Futuro. Anni fa hanno accidentalmente infestato casa mia.
    Quo: "Accidentalmente"?
    Presente: Sì, cercavamo un'altra persona, ma abbiamo visto che tuo zio era molto più divertente.
    Quo: Ma tu odi il Natale.
    Paperone: Quella... beh... è un po' una messa in scena. Ho un tale carico di responsabilità durante l'anno: la famiglia, gli affari, impedire al serpente Ormogadon di mangiare il mondo...
    Quo: E allora?
    Paperone: Ho bisogno di una sola notte all'anno per lasciarmi completamente andare.
    Passato: Quandi, ogni Vigilia di Natale, usiamo il mio Tempombrello per tornare nel passato e assistere alle più belle feste di Natale della Storia!
    Quo: Quindi non detesti gli addobbi?
    Paperone: Direi di no.
    Quo: E i bastoncini di zucchero?
    Paperone: No.
    Quo: E Babbo Natale?
    Paperone: ZITTO! Di quello sciocco scalatore di camini non ci si può fidare!

2x16: Il ritorno di Darkwing Duck[modifica]

  • Darkwing Duck: Io sono il terrore che svolazza nella notte! Il sassolino nella scarpa della depravazione! Io sono...
    Malvagio mascherato: Darkwing Duck?
    Darkwing Duck: Ah, la fama mi precede. Dagli addosso, Duck! [Calpesta una mina] Dagli addoss- [Calpesta un'altra mina] Addosso... [Un'altra mina. L'esplosione lo fa cadere sopra il malvagio.] Oh, mammamia. Ehi, davvero credi che qualche dolorosa esplosione mi possa fermare? Adesso vedremo chi sei veramente. [Il malvagio viene smascherato] Gasp! Sei me!?
  • Jim: [Aprendo un'inaugurazione di un negozio mostrando il suo ultimo episodio] Wow, colpo di scena!
    Jet: Cosa!? Questa non me lo aspettavo!
    Quo: Non avevi mai visto l'episodio?
    Jet: Sì, settantacinque volte, ma mai in un parcheggio.
    Jim: Purtroppo, l'amata serie Darkwing Duck con me, Jim Starling, protagonista è stata cancellata prima della fine della storia.
  • Drake: [In fila con Jet per ottenere un autografo da Jim] "Sono... il tuo più grande fan". No. Ehm... "Ho modellato la mia intera esistenza sulla tua!". Oh... "Vorrei tenerti in un vaso nel mio armadio!".
    Jet: Tranquillo, amico: Jim Starling è una persona normale. Ho partecipato a molti incontri e un giorno lo conoscerò davvero.
    Drake: Scusa, se l'hai visto tante volte, come mai non ci hai mai parlato?
    Jim: Il prossimo! [Jet sviene]
    Quo: Ecco perché.
  • Jim: Grazie, per chi è la dedica?
    Drake: Io sono il terrore che svolazza nella notte. Sono il presidente del suo fan club. Io sono...
    Jim: Sì, sì, fanno quindici verdoni. "Dagli addosso". Aspetta!
    Drake: Sì?
    Jim: [Rivolto a Quo] Un nuovo giovane fan! Ero certo che i bambini mi amassero ancora! Per chi è la dedica. [Quo accascia sul tavolino lo svenuto Jet] Ah, di nuovo lo svenitore...
  • Darkwing Duck è tornato, ragazzi! (Jim Starling)
  • Quo: Tu! Hai uno studio che potrebbe realizzare i sogni di celluloide di ogni ragazzo sognatore! Perché non me lo hai mai detto!?
    Paperone: Per evitare questa conversazione?
    Quo: Ah, sì, capisco.
  • Io sono il terrore che svolazza nella notte. Sono il ritorno che il pubblico attende! Io sono un tuo grande fan, Alastar Cignese. Non ho visto i tuoi lavori, ma sei inglese: quindi sono certo che sarà un film raffinato e... sì! (Jim Starling)
  • Ah, che bello! Il ritorno alla grande di ciò che amavo da piccolo! Sono successi assicurati. (Jet)
  • Jet: [Dopo aver visto con Quo e Jim il trailer del revival di Darkwing Duck] Darkwing non fa del male agli innocenti, ne metterebbe a ferro e fuoco la città! Non di proposito.
    Alastar: Ma non siamo noi stessi sia i buoni che i cattivi nella nostra storia personale?
    Jet: Che cosa? Io non... cosa?
    Jim: Sì, mi piace: truce e grintoso. Svela il mio lato oscuro e passionale. Uhh.
    Quo: Io l'ho odiato.
    Alastar: Cosa?
    Quo: Non ho capito che stesse accadendo, che cosa facesse il cattivo ne chi fosse il cattivo.
    Paperone: Lo dicevo che ci volevano i baffi!
    Jim: [...] Non ascolti questi sciocchi: stiamo facendo dell'arte! Quando si comincia?
    Alastar: In realtà... abbiamo quasi finito.
    Jim: Ah! Allora le scene con Darkwing Duck le gireremo per ultime.
    Alastar: No...
    Jim: Mi inserirete con la computer grafica?
    Alastar: Ugh... nel film non sarai tu Darkwing Duck, sarà lui. [Indica Drake]
    Jim: Eh?
    Jet: Tu?
    Drake: Signor Starling! Dopo l'autografo mi è caduto addosso, ricorda? È stato un onore. Ha qualche consiglio per l'attore che indosserà il suo mantello? [Jim si avventa su di lui]
  • Jet: Lui non è il Darkwing Duck che conosco e amo.
    Jim: Infatti: lui non è me!
  • Jet: Allora, qual'è il piano?
    Darkwing Duck (Jim): Io mi introduco sul set, tu trovi la roulotte di quella nullità e lo chiudi dentro, poi lo sostituisco nel finale, tutti capiscono che sono il migliore e sarò di nuovo al top! Hai domande?
    Jet: Sette.
    Darkwing Duck (Jim): Le più importanti?
    Jet: "Introdursi", "chiudere dentro". Non sembra... per niente eroico.
    Darkwing Duck (Jim): Quando le cose vanno male e tutti sono contro di lui, che cosa fa Darkwing Duck?
    Jet: Non si arrende e combatte.
    Darkwing Duck (Jim): E io sono Darkwing Duck, giusto?
    Jet: Ma certo.
  • Drake: Che ci fai nella mia roulotte?
    Jet: Certo non ti sto chiudendo qui dentro per sabotare il tuo film... amico.
    Drake: Ah, brutto...
    Jet: Oh, Drake, scusa!
    Drake: Come no, furfante.
    Jet: Sistemo il film per far apparire Darkwing un eroe.
    Drake: Cioé, mi terrai in ostaggio? Bravo, davvero eroico.
  • Jet: Ehi! Avevo lo stesso cestino da piccolo.
    Drake: Non come questo. Sai, ti sembrerà scioccante, ma non ero molto in gamba, da piccolo.
    Jet: Che? No...
    Drake: E invece sì! Ma un giorno, in TV, vidi Darkwing. Era... inarrestabile. Non importava quanto lo picchiassero, lo facessero saltare in aria o lo fulminassero.
    Jet: Ne con quanti aerei si schiantasse ne quanti danni causasse.
    Drake: Si rialzava sempre e lottava per la giustizia.
    Jet: Così, grazie a quel cestino, tutti videro quanto eri in gamba e smisero di picchiarti!
    Drake: Oh, no: mi... picchiarono più forte. Ma da allora, io... continuai... a rialzarmi... So che questo film non è perfetto, ma io voglio davvero renderlo migliore, così forse finirò su un cestino di un altro ragazzino goffo come me... guadagnandoci una percentuale.
  • Drake: Signor Starling, è qui! Mi creda Mi dispiace tanto per... tutto! Lei mi ha aiutato nei tempi duri, la porto nel mio cestino sin dall'asilo. Faccia questo film assieme a me. Noi possiamo ispirare una nuova generazione e realizzare il più bel film di Darkwing Duck di tutti i tempi.
    Darkwing Duck (Jim): Sì, d'accordo... [Lo scaraventa in un piccolo scantinato e gli sbatte la porta in faccia ripetutamente]
    Drake: Ouch! No! Perché!? Noi... Sistemiamo il film... Insieme... E...
    Darkwing Duck (Jim): Stupida faccia da star! Sparisci, via! Via! Si va in scena!
  • Ho perso... da tempo la capacità di arrendermi ad una fioca nullità da quattro soldi come te! (Darkwing Duck (Jim))
  • Alastar: Basta! Stop!
    Darkwing Duck (Jim): Niente stop! Jim Starling non si ferma mai! Girerò questo finale a costo delle mie piume e anche a costo di fare una strage! [Viene distratto dall'arrivo di qualcuno]
    Darkwing Duck (Drake): Io sono il terrore che svolazza nella notte. Sono il burrito imbottito che cola sul grembo del crimine. Io... sono... Darkwing Duck!
    Darkwing Duck (Jim): No! Sono IO!
  • Jet e Darkwing Duck (Drake): Dagli. Addosso. Duck.
    Darkwing Duck (Drake): [Emozionato] Uh, che spasso! Divertente, eh?
    Jet: [Eccitato] Sì, lo so!
  • Darkwing Duck (Jim): Cosa!? Io ti avevo defenestrato, messo al tappeto...
    Darkwing Duck (Drake): Non per vantarmi, ma sono incredibilmente forte e resiliente.
    Darkwing Duck (Jim): Oh, davvero? [Fa prima saltare in aria una cassa di esplosivi ai suoi piedi, poi gli butta un pianoforte in testa, ma Drake rimane in piedi] [...] Perché non resti steso a terra!?
  • Quo: Zio Paperone, ferma il cattivo!
    Paperone: È chi sarebbe il cattivo!? Se almeno uno dei due avesse i baffi...
  • Darkwing Duck (Jim): [Pronto a segare in due Drake] La festa è finita: sto per darti addosso!
    Jet: Basta! Tu non sei un cattivo, sei un eroe! Il nostro eroe. Anche se la situazione è disperata, Darkwing si rialza sempre e fa ciò che è giusto. Perché lui è più potente di un uomo: è la speranza che vola nella notte.
    Paperone: Però. Jet non è mai stato così eloquente.
    Quo: Possiede una grande competenza, sull'argomento.
    Jet: Lui è la luce. Già, è la forza d'animo delle persone! [Jet continua il suo discorso, non accorgendosi che la macchina della pioggia sta mandando in corto un pericoloso arnese elettrico]
    Darkwing Duck (Drake): Ehm... senti, Jet...
    Jet: Lui ispira la gente ad inalzarsi alla dignità di...
    Darkwing Duck (Jim): Sta per scoppiare tutto! Incredibile, quando inizia non si ferma più.
    Darkwing Duck (Drake): Beh, sì: è il suo più grande fan. [Jim ritrova la lucidità]
    Jet: Lui non antepone i suoi desideri al bene comune. È misterioso e altruista. Un campione della giustizia. Di chi è quell'astuta mente celata dietro quel travestimento?
    Darkwing Duck (Drake): Ti salvo io!
    Darkwing Duck (Jim): No, vi salvo io! [Jim spinge Jet e Drake via dal palco, ma rimane coinvolto nella violenta esplosione del cortocircuito]
  • Drake: Bene: Starling non si trova, il film è andato, io ho fallito e il mio eroe mi voleva morto. Oh, l'ho distrutto io. Che cosa faccio, adesso?
    Jet: Quello che fa sempre Darkwing Duck: si rialza. Sai, potresti farlo sul serio.
    Drake: Cosa? Essere un supereroe? Beh, sono combattivo, ardito e il mantello mi dona.
    Jet: Robopap lo fa.
    Drake: Io sono migliore di Robopap!
    Jet: Un conto è recitare, un altro è essere davvero un eroe. Fallo per Jim.
    Drake: Io... non lo so: questa faccenda potrebbe essere molto...
    Jet: Pericolosa? [Drake accetta l'idea] Hai già un ammiratore. [Porge a Drake il poster di Darkwing, che Drake firma con il suo nome completo] "Drake Mallard". Mai sentito.
  • [Sopravvissuto all'esplosione e fuggendo nelle fogne, dove il suo costume perde colore, diventando da viola a giallo] Era un subdolo piano. Quel dilettante da strapazzo ha messo il mio fan in pericolo per rubarmi la gloria e umiliarmi! Vogliono cose trucide e grintose!? Sarò lieto di favorirli. Ah, ah, ah, ah, ah, ah! (Jim/Negaduck)

Altri progetti[modifica]