Ferruccio Parri

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Ferruccio Parri

Ferruccio Parri (1890 – 1981), politico e antifascista italiano.

Citazioni di Ferruccio Parri[modifica]

  • [Su Edgardo Sogno] Alla guerra partigiana organizzata preferiva la libera lotta contro i tedeschi; non contro i fascisti, contro i tedeschi.[1]
  • [Su Edgardo Sogno] Un carattere mobile, labile, inquieto, influenzabile. Molto influenzato dalla propria origine aristocratica, dall'ambiente in cui viveva e aveva, quale alfiere della causa monarchica, grande seguito.[1]

Citazioni su Ferruccio Parri[modifica]

  • A Parri è sempre bastato avere la coscienza tranquilla. Per questo non volle mai rinunciare alle sue idee. (Enzo Biagi)
  • [Subito dopo la Liberazione] Conversando con Benedetto Croce, egli m'aveva detto: «Gli uomini nuovi verranno. Bisogna non lasciarsi scoraggiare dal feticismo delle competenze. Gli uomini onesti assumano con coraggio i posti di responsabilità, e attraverso l'esperienza gli adatti non tarderanno a rivelarsi».
    Poche settimane dopo quel discorso, salì al governo un uomo nuovo: un uomo onesto, un uomo coraggioso. Egli non illuse e non deluse. (Piero Calamandrei)
  • Mi pareva che egli fosse impastato della materia impalpabile del ricordo, costruito col pallido colore dei morti, con la spettrale sostanza dei morti, dei torturati, con le lacrime e i freddi sudori dei feriti, dei rantolanti, degli angosciati, dei malati, degli orfani, nelle città e sulle montagne. Il suo corpo stesso pareva fatto di questi dolori, essi scorrevano nel suo sangue. (Carlo Levi)
  • Se mai un Presidente del Consiglio italiano meritò la qualifica di galantuomo, questi fu Parri. Era timido nella vita quotidiana, sapeva essere intrepido nei frangenti pericolosi. (Indro Montanelli e Mario Cervi)
  • Triste, modesto, onesto, personalmente mite, cortesissimo, alieno da violenza, molto miope, paziente. (Giovanni Artieri)

Note[modifica]

  1. a b Dall'intervista di Lietta Tornabuoni, Edgardo Sogno visto da Parri (dalla Resistenza alle tentazioni), La Stampa, 31 agosto 1974.

Altri progetti[modifica]