Gerry Armstrong (attivista)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Armstrong nel 2008

Gerald "Gerry" Armstrong (1946 – vivente), attivista statunitense.

Citazioni[modifica]

  • Non esiste un modo per descrivere l'esperienza del RPF [Rehabilitation Project Force], il senso di disperazione, di umiliazione, l'orrore. Sembrava dover durare in eterno, i giorni tutti uguali, mai un momento di tempo per te stesso, la stessa identica tuta blu da lavoro come la divisa di un carcerato, giorno dopo giorno le stesse domande, le stesse verifiche di sicurezza senza fine.
    Lo scopo di Hubbard nel creare il RPF, e nel gestirlo come una prigione in cui le persone che vi venivano assegnate erano considerate criminali, era spezzare la volontà individuale, era il totale asservimento di chiunque lui pensasse aver dimostrato "contro intenzioni" ai suoi obiettivi.
    Con me raggiunse il suo scopo al punto che lo ringraziai per avermi dato l'opportunità di fare il RPF, come molti prigionieri di guerra che, spezzati emotivamente e spiritualmente da privazioni e tecniche di controllo mentale, ringraziano chi li tiene prigionieri. (da un'intervista di Bent Corydon, 1986)[1]
  • [Su L. Ron Hubbard] Non si era mai laureato in matematica, né aveva mai studiato matematica superiore.
    Non aveva studiato fisica avanzata.
    Non si era laureato in scienze.
    Non era un ingegnere civile.
    Non era un fisico nucleare.
    Non aveva preso parte al primo corso di fisica nucleare insegnato negli Stati Uniti.
    All'università non eccelleva. Aveva frequentato la George Washington University per due anni, il 1931 e 1932. Il primo anno fu rimandato e l'anno seguente i voti precipitarono. Il primo anno fu bocciato ad entrambi gli esami di matematica e, quando li ripeté l'anno successivo, prese un "D". Fu bocciato all'unico corso che fece di fisica molecolare e atomica. Dopo di che non tornò più alla George Washington University. (da un'intervista di Bent Corydon, 1986)[2]
  • È documentato che Hubbard faceva uso di forti dosi di testosterone e di stilbestrol (ormone sessuale femminile).
    Assumere ormoni sessuali era la sua soluzione ad un problema di impotenza.
    Un'altra soluzione era ricorrere alle "affermazioni".
    Le "affermazioni" erano comandi dati a se stesso come parte dell'auto ipnosi (a volte vedrete una frase come "Sì, sono incasinato col sesso". E poi se ne esce con un'affermazione: "Sei sessualmente meraviglioso! Le tue prodezze sessuali non sono mai state eguagliate sulla faccia della Terra!")
    Questo tipo di cose accanto alle sue stesse dichiarazioni di inadeguatezza - che poi erano la realtà della questione.
    Chiaramente l'impotenza giocò un grosso ruolo nel suo atteggiamento verso le donne. (da un'intervista di Bent Corydon, 1986)[3]

Da Gli affidavit di G. Armstrong e Lavenda Van Schaick

22 luglio 1982, traduzione a cura di Simonetta Po, novembre 1998.

  • Sono stato un membro della Sea Organization di Scientology dal Febbraio del 1971 al Dicembre del 1981, e in questo periodo ho rivestito parecchi incarichi e sono stato in parecchi posti da dove ho potuto direttamente osservare L. Ron Hubbard e altri executive Scientologist. In nessun momento ho avuto l'impressione che il sig. Hubbard o altri executive senior considerassero Scientology una religione. Secondo quanto da me compreso - convinzione mantenuta per tutto il tempo che ho passato in Scientology - e dalle direttive espresse da altri membri della Sea Org, Scientology operava completamente come un'impresa, e i suoi sforzi per essere riconosciuta come "religione" erano unicamente per evadere le tasse e le leggi del governo.
  • La vita del Sig. Hubbard è stata un continuo esempio, fin dai primi anni '40, di pratiche fraudolente, evasione fiscale, fuga da creditori e da chi cercava risarcimento, per poi nascondersi fuori dalla portata dei truffati e della giurisdizione legale. In breve, è stata la vita di un truffatore.
  • Attraverso lo studio della documentazione che ho raccolto, e da più di dieci anni di osservazione del Sig. Hubbard e del movimento di Scientology, ho imparato che il Sig. Hubbard ha crudelmente ingannato i suoi seguaci, al punto in cui loro stessi mentivano e cercavano di ingannare gli altri sulle verità relative a lui e a Scientology. I portavoce e i testimoni di Scientology hanno affermato che il Sig. Hubbard non controlla le organizzazioni. In realtà ha il controllo assoluto, compreso il controllo finanziario, e molti Scientologist lo sanno.
  • I portavoce e i testimoni di Scientology si sono spinti molto avanti per "provare" che Scientology è una religione valida, mentre sanno perfettamente che era semplicemente una terapia del comportamento mascherata da "chiesa", e si facevano beffe delle vere pratiche religiose oneste.
  • La mia conoscenza, basata su documenti e osservazione diretta, è che la ragione principale per cui il Sig. Hubbard ha chiamato Scientology "religione", oltre all'evasione fiscale, è di nascondersi dietro i diritti Costituzionali relativi alle religioni, e quindi portare avanti il suo progetto di controllo mentale e mantenere i suoi seguaci nell'inganno.

Intervista di Russell Miller

Febbraio 1986, Il Volto Nudo del Messia: La Vera Storia di L. Ron Hubbard, 1988, traduzione di Simonetta Po, 2001.

  • Scoprivo contraddizione su contraddizione. Continuavo a cercare di giustificarle, continuavo a pensare che avrei trovato un altro documento che avrebbe spiegato tutto. Ma non fu così. Arrivai lentamente a rendermi conto che il tipo aveva ampiamente mentito sulla sua storia. (Prefazione)
  • Mi ero reso conto di essere stato attirato in Scientology da una rete di bugie, da macchiavelliche tecniche di controllo mentale e dalla paura. La mia fiducia era stata tradita nel momento in cui Hubbard aveva mentito su se stesso. La sua vita era stata un continuo campionario di pratiche fraudolente, di evasione fiscale, di fuga dai creditori e dalla legge. Era una miscela di Adolf Hitler, Charlie Chaplin e Barone di Munchausen. In breve, era un truffatore. (Prefazione)
  • Il suo comportamento divenne ancora più strano dopo l'incidente in moto. Le sue urla si sentivano da ogni angolo della nave, gridava, tuonava e delirava ogni giorno di più. Diceva continuamente che i cuochi cercavano di avvelenarlo, ed iniziò a sentire odori dappertutto. I suoi vestiti dovevano essere risciacquati tredici volte, usando tredici secchi diversi di acqua pulita per eliminare completamente l'odore del detersivo.
    All'epoca nessuno avrebbe osato pensare che il re era nudo. Controllava i nostri pensieri al punto che non potevi prendere in considerazione l'idea di andartene senza pensare che in te c'era qualcosa di sbagliato. (Cap. 19 – Traversata Atlantica)
  • Quando giravamo i film diventava più offensivo di quanto l'avessi mai sentito prima, passava tutto il tempo a urlare e imprecare. Noi ci affannavamo terrorizzati. Copriva la sua incompetenza attaccando chiunque avesse intorno. Ci vedeva poco ma voleva usare le macchine da presa, così spesso le riprese erano fuori fuoco e allora se la prendeva con il cameraman, "non riesci nemmeno ad inquadrare qualcosa!". Oppure sentiva un ronzio nel microfono ed iniziava ad imprecare "Suono! Suono! Fottuti idioti! Tutti fuori dal set!" (Cap. 21 – Facciamo Cinema)

Note[modifica]

  1. Citato in Bent Corydon e Ronald DeWolf, Messia o pazzo?, Capitolo 1/8 – Crocifiggiamo il male!, 1987, traduzione di Simonetta Po, 2003-2004.
  2. Citato in Bent Corydon e Ronald DeWolf, Messia o pazzo?, Capitolo 1/21 – Cade il velo dalle biografie, 1987, traduzione di Simonetta Po, 2003-2004.
  3. Citato in Bent Corydon e Ronald DeWolf, Messia o pazzo?, Capitolo 1/5 – Sara racconta, 1987, traduzione di Simonetta Po, 2003-2004.

Altri progetti[modifica]