Giacomo Poretti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Giacomo Poretti nel 2012

Giacomo Poretti, all'anagrafe Giacomino Poretti, (1956 – vivente), comico, attore e sceneggiatore italiano, componente del trio Aldo, Giovanni e Giacomo.

Citazioni di Giacomo Poretti[modifica]

  • Abbiamo ognuno le nostre sfuriate ma subito dopo chiediamo scusa. D’altra parte non è facile lavorare in un ambito creativo dove spesso si crede che la propria idea sia migliore delle altre… Comunque, ruggini e spigoli si eliminano sempre quando si sta sul palco e sul set. È lì che ogni volta scatta la scintilla. Ci si conosce bene, ormai, e basta un battito di ciglia per capirsi. E alla fine c’è sempre gratitudine l’uno verso l’altro.[1]
  • Il capoluogo lombardo è una città verticale e per uno come me che è alto 1 metro e 58 centimetri è una pacchia, mi fa pensare ad altro. […] Non mi concentro più sulla mia altezza ma su quella dei palazzi e dei grattacieli. Anzi cammino spesso con lo sguardo rivolto verso l'alto per ammirare Milano che cresce in verticale.[2]
  • […] mi ha colpito come questa vicenda [Covid-19] ha fatto cambiare anche la nostra percezione dell’ospedale: di solito vai all’ospedale e lo vedi comunque come un posto sicuro. Invece in quei giorni l’ospedale pareva diventato l’anticamera di una cosa orribile e dovevi sperare di non arrivarci.[3]

Note[modifica]

  1. Dall'intervista di Fulvio Fulvi Intervista. GIACOMO: i 25 anni del Trio, l'amicizia, le litigate..., avvenire.it, 5 marzo 2016.
  2. Dall'intervista di Massimiliano Chiavarone Giacomo Poretti: "Sono solo un metro e 58 ma questa città verticale mi fa sentire più alto", ilgiorno.it, 16 febbraio 2013.
  3. Dall'intervista di Elisabetta Soglio Giacomo Poretti: «Ex infermiere malato di Covid, che paura ho avuto di finire in ospedale», corriere.it, 5 maggio 2020.

Filmografia[modifica]

Attore[modifica]

Coregista[modifica]

Cosceneggiatore[modifica]

Altri progetti[modifica]