Gomorra - La serie (terza stagione)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Gomorra - La serie.

Gomorra - La serie (terza stagione)

Stagione di una serie TV

Immagine Gomorra (Serie) Logo.png.
Paese Italia
Episodi 12
Data 17 novembre - 22 dicembre 2017
Rete televisiva Sky Atlantic, Sky Cinema 1
Regia Francesca Comencini (ep. 4, 5, 6, 10, 11, 12), Claudio Cupellini (ep. 1, 2, 3, 7, 8, 9)
Sceneggiatura Leonardo Fasoli, Ludovica Rampoldi, Maddalena Ravagli
Interpreti e personaggi
Cronologia
Stagione precedente Stagione successiva
seconda -

Gomorra - La serie, terza stagione.

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

Episodio 1[modifica]

  • Può essere stato sulo isso. Amm' 'a truva' chella merda di Ciro Di Marzio! E tutte l'uommene suoje, uno per uno... prima che Genny ci domanda pecché 'o padre è muorto e nuje simmo ancora vive. E po' jate a piglia' 'e biciclette, chelle grosse, una pe figliemo ca tene nov'anne e n'ata pe chillo ca tene sette anne e miezzo. (Malammore) [per telefono, riferendosi alle armi]
  • Patrizia: Che è succiesso a Pietro?
    Malammore: Tu hê sta calma, chisto sulamente è importante mo, Patri'. Hanno sparato a Pietro, ma sta buono. Sta buono, sta buono. Mo però sta tutto dint'ê mmane meje e me serve l'ajuto tuojo, Patri', si no ccà succere na guerra!
  • [Genny e Patrizia vanno incontro a Malammore]
    Genny: Voglio sape' addo' sta patemo!
    Patrizia: È ferito? È ferito o è muorto? [Malammore non risponde e si intuisce che Pietro e morto]
    Genny: Comme? [prende Malammore per il bavero] Tu me l'ire 'a purta' arreto vivo, o ire 'a muri' appriesso a isso! Chisto fa nu buono surdato!
    Malammore: Nun l'er' 'a sta a senti' a pateto. Si trasevo cu isso ô camposanto, mo isso steva ancora vivo. Je me faccio accidere pâ famiglia mia. Ma mo aggi' 'a truva' 'o bastardo ca' ha acciso a pateto e l'aggi' 'a schiatta' 'a capa!
    Genny: Ciro Di Marzio. [e se ne va]
  • Genny: 'O ssaje come se dice, Malammo'? Ca 'o vicerè prima o poi diventa 'o peggio nemico dô rre.
    Malammore: Se dice pure ca ô funerale dô rre l'unico ca nun chiagne è 'o figlio.
    Genny: Pecché stu figlio 'e llacrime s' 'e porta' dinto! E comunque mo è stu figlio ca cummanna... e la prima cosa c'ha da capi' è chi songo ll'amice e chi songo e nemice.
  • Patrizia: Te n'hê ji' da cca, Genna'! Tiene na mugliera, na creatura appena nata. Cca nun se vive... cca se more e bbasta.
    Genny: A patemo nun l'ha acciso Ciro Di Marzio. L'ha acciso 'o vveleno ca tenimmo tutte quante 'ncuorpo. Nuje 'o sapimmo che ce sta, ma nu' 'o putimmo sputa' 'a fora.
  • Patrizia: Ma che t'hê miso 'ncapo, 'o zi?
    Malammore: Je voglio sulamente 'a pace dint'ô quartiere nuosto.
    Patrizia: Je te saccio troppo buono, mentivi primma quanno hê ditto ca Don Pietro steva buono e staje facenno 'o stesso pure mo.
    Malammore: Je so trent'anne ca sto cu lloro, ca obbedisco quanno 'a pensata è bona e quanno è malammente. Pe mezzo sujo m'aggio accattato na casa a l'inferno pecché aggio acciso a na criatura. Mo m'aggio stancato, m'aggio fatto viecchio, Patri'. Je nun voglio sta cchiù sotto a lloro.
    Patrizia: Te staje sbaglianno, o zi'. Chillo ca è succiesso dint'ô quartiere c'ha 'mparato na cosa sola: 'e Savastano nun se toccano.
  • Mammà teneva sirece anne quanno m'ha fatto, a patemo nun l'aggio maje conosciuto. Songo figlio 'e nu sbaglio, figlio 'e nu "malammore". Je e Don Pietro ce sapevamo da quanno eramo piccirielli, eramo comme a duje frate. Ma isso è stato comm'a nu patre pe mme. Diceva sempe: "la vita nisciuno c' 'a regala, c'avimm' 'a ji' a piglia'." E accussì avimmo fatto, sempre 'nziemme. Mo nuje però c'amm' 'a cumpurta' buono, tutte quante, perché isso sta cca e guarda tutte cose. Sempe. Sempe. (Malammore) [dicendo un'elegia per la morte di Don Pietro, davanti alla gente del quartiere]
  • Aggio acciso pure je a mia figlia, pe chillo ca aggio fatto aggi' 'a paga'. (Ciro) [a Genny]
  • 'O Stregone: Vi abbiamo chiesto questo incontro sulamente pecché stammo nu poco preoccupate.
    'O Sciarmante: Senza vostro padre e cu vuje ca state a Roma, Secondigliano e Scampia è comme na bomba a orologeria, ponno scuppia' da nu mumento a n'ato.
    'O Diplomato: Senza nisciuno ca cummanna, a Napoli Nord potrebbe regnare l'anarchia.
    'O Crezi: N'ata guerra danneggiasse a tutte quante e pure a nuje. Ammo fatte sempre 'e brave â casa nosta.
    Genny: Mio padre diceva sempe che 'a Sanità e 'a Maddalena so' e quartiere addo' girano cchiù sorde, è overo?
    'O Stregone: Nun ce putimmo allamenta'.
    Genny: Eh, però isso era 'nnamurato dê Quartiere Spagnole e de Furcella, pecché deceva ca sulo là putive senti' l'addore overo 'e Napule.
    'O Sciarmante: Vostro padre aveva ragione.
    Genny [rivolgendosi a 'O Diplomato e 'O Crezi]: Ma 'o core 'e sta città è 'o puorto, pecché ce pote apri' 'e porte dô munno intero. Mo... 'a guerra â casa mia è fernuta e cummanno je. Nuje nun simmo maje trasute dint'e cose vuoste pecché v'ammo sempe purtate rispetto. E vuje mo avita fa' 'o stesso.
  • Nunn'è overo ca patemo se n'è juto 'a Napule. Patemo è muorto. L'aggio fatto accidere je. Mio padre me vuleva sotto a isso a Secondigliano, nun avesse maje accettato na cosa diversa. Urtimamente era 'mpazzuto, vedeva muorte a tutte parte. Pure nuje stevemo in pericolo e allora aggio fatto l'unica cosa ca putevo fa: aggio protetto 'a famiglia mia. Aggio pavato nu prezzo comme l'hê pavato tu. (Genny) [ad Azzurra]

Episodio 2[modifica]

  • Stronzi, figli di puttana! Ovunque andate, ovunque vi trovate, questa sarà la vostra fine, gente di merda! È arrivato il diavolo, froci! Vi taglieremo la testa a tutti quanti, figli di puttana.[1] (Joaquin) [mostrando la testa di un narcotrafficante rivale mentre Gegè gli fa un video]
  • Silvano: Non ti fa bene quello che stai facendo.
    Gegè: Quello che faccio mi sta dando l'occasione che non avrei mai avuto.
    Silvano: Che è successo stanotte, me lo puoi dire?
    Gegè: Niente, ho dovuto fare una commissione: accompagnarlo ad una cena con un cliente importante.
    Silvano: Senti Gegè, io non ti faccio mai domande e sono comunque dalla tua parte. Ma ci si può sempre tirare indietro, basta volerlo.
  • Genny [riferito al figlio]: Me pare nu principe.
    Azzurra: Ma 'o padre ancora nunn'è re.
  • Giuseppe Avitabile [scorrendo delle carte di identità su un tablet]: Cheste songo 'e cape 'e legnamme meje?
    Gegè: Precisamente. Sono prestanome che si sono intestati le società che le appartengono, dottore.
    Giuseppe Avitabile: Si facevo 'o duttore, nun me facevo n'anno 'e carcere. [indicando poi delle foto di palazzi] E chesta è tutta rrobba mia?
    Gegè: Esatto. Ora le mostro le quote di partecipazione e i rendimenti.
    Giuseppe Avitabile: Ma pecché, Genna'?
    Genny: Pecché che cosa?
    Giuseppe Avitabile: Tenimmo nu cuofano 'e persone ca ce putevano servi' pe fa sti ccose, ma tu è voluto piglia' nu guagliunciello dê parte toje ca se crede ca basta se 'mbara' l'italiano pe se leva' la puzza 'e famme 'a cuollo!
    Genny: Me serveva na persona pulita ca nun conosceva nisciuno. Tutte chille ca tenive tu, ormai 'o magistrato già 'e ssapeva.
    Giuseppe Avitabile: 'O ssaje come se dice? 'O cane riconosce 'a voce 'e nu padrone sulo e chisto è cane a te!
    Genny: Eh, ma cca 'e cane nun ce ne stanno, mo sî sulo tu 'o padrone â casa toja. Famme na cortesia Gegè, spiegace buono 'a situazione.
    Gegè: Prima di entrare in carcere lei aveva un patrimonio complessivo di circa sessanta milioni di euro. I pignoramenti disposti dalla magistratura hanno ridotto tutto questo a un milione e cinquecentomila euro...
    Giuseppe Avitabile: Chisto 'o ssapevo già!
    Gegè: Contenuti in una sola SRL occulta. Oggi lei possiede diciassette società tra titolarità piena e partnership, per un valore complessivo di novantasette milioni di euro.
    Giuseppe Avitabile [a Genny]: Tu non 'o ssaje, ma sta 'nchiuso llà dinto è n'inferno. E doppo quanno tuorne â casa, vide ca la vita è juta annanze e nun te truove cchiù, pure câ famiglia toja te siente n'estraneo. E tutte chille ca vulive bene 'e vvide comm'a tante sconosciute. [alzandosi dalla sedia]
    Genny: Eh, ma mo nun staje cchiù in carcere, Giuse'. Che vuo' n'ata vota 'e consulente tuoje? E dimane Gegè ce porta 'e ccarte e se leva 'a miezzo. Vuo' n'ata vota pure 'e cape 'e legnamme? E jamme dô nutaro e sistemammo tutta 'a situazione. Putimmo fa' tutto chillo ca vuo' tu, pe me va bbuono. [si alza dalla sedia] Però nun me dicere maje ca songo nu sconosciuto. Pecché je songo 'o marito 'e figlieta, so' 'o padre 'e tuo nipote. E chesta è na cosa ca nun t'hê scurda' maje!
    Giuseppe Avitabile: Si ce sta na cosa ca nun me voglio scurda', è propio chesta!
  • Marinella: Je nun m'aggio pentita, si campasse cient'anne, 'o facesse ate ciento vote. Dingello a chella zoccola 'e Scianel.
    Patrizia: E che hê risolto accussì, Marine'?
    Marinella: Je aggio fatto giustizia.
    Patrizia: 'E muorte dâ giustizia nun se ne fanno cchiù nu cazzo!
  • Io ho passato metà della mia vita a sentire mio padre incazzarsi per i soldi che non c'erano mai e l'altra metà a capire come cazzo funzionano, e sai che ti dico? Che i soldi non valgono un cazzo e come li trovi non è importante. L'unica cosa che conta è che a tua figlia il giorno in cui papà le ha regalato la macchina non glielo leva più nessuno. (Gegè) [a Silvano]
  • Dint'â casa mia, dint'ô lietto mio, chê persone ca cchiù tengo care, je veco n'ato, cu chist'uocchie e nun trovo pace! (Giuseppe Avitabile) [a Silvano]
  • Con la bocca o si parla o si mangia.[1] (Joaquin)

Episodio 3[modifica]

Sofia (Bulgaria), ambientazione di gran parte del terzo episodio
  • Valentin: Gli uomini che non hanno passioni mi fanno paura, sembra che non ti piace mai niente.[2]
    Ciro: Quello che mi piaceva non esiste più, Valentin. Ma con te sto bene, faccio quello che dici e non ho tempo per pensare ad altro.[2]
  • Ciro: Li conosci?[2]
    Mladen: Sì. Sono paesani tuoi.[2]
    Ciro: Portali nel privé e io li controllo da qui.[2]
    Mladen: Chi sei? Il Grande Fratello?[2]
    Ciro: I patti erano chiari: non tratto con i napoletani.[2]
    Mladen [portando con sé Elvana e imitando la voce di Ciro]: "Non tratto"... Tu sei molto strano. Non bevi, non scopi... Vivi in una baracca che farebbe schifo anche a una puttana albanese. [spogliando Elvana e toccandola] Hai paura dei tuoi paesani. Non so che cazzo ci trova mio padre in te. [si spoglia] Ora sparisci.[2] [Ciro se ne va mentre Mladen raggiunge Elvana che nel frattempo si era adagiata sul letto]
  • Questo "spaghetti" di merda pensa di poter dare ordini a me![2] (Mladen) [ai suoi uomini, riferito a Ciro]
  • Sangue Blu: O Fra', ma che ce faje into stu posto 'e mmerda?
    Ciro: Nun te songo frato!
    Sangue Blu: E comme t'amm' 'a chiama', o zi'?
    Ciro: Che cazzo ce facite cca dinto?
    'A Golia: Ma comm'è "pecché stammo qua"? Guaglio', ma staje parianno?
    Sangue Blu: Mladen ha ditto t'amm' âspetta' cca. Nuje tenimmo e sorde into na machina parcheggiata a 'l'airoporto pe sta cchiù sicuro. Però si tieni quacche problema 'o chiammo, te la vidi cu isso.
    Ciro: Nun ce stanno probleme. Jammucenne, ja.
  • [Ciro sta puntando una pistola contro Sangue Blu]
    Sangue Blu: 'O Santo deceva ca sulo 'a ggente ca nun vale niente s'accide pê sorde! L'uommene vere n'o fanno.
    Ciro: 'O problema è capi' chi è uno e chi è l'ato.
    Sangue Blu: Pecché 'ncap'a te sta qualche differenza? 'A famiglia mia pâ gente 'e Napule ha fatto chillo c'ha fatto maje nisciuno! 'O nonno mio faceva e miracule comm'a San Gennaro! 'O sistema l'ammo fatto nuje. Capito qual è 'a rrazza mia?
    Ciro [lo colpisce in volto col calcio della pistola]: Può dicere chillo ca vuo' tu ma si nun puorte 'o rispetto nun si ommo! Si te vuo' fa a coccheduno prima l'hê conoscere, si no comme t' 'o faje? Ma tu nun hê pensato a chi songo je, l'hê sottovalutato. E mo tiene quacche problema. E vide ca uno comm'o nonno tuojo 'n se fosse maje truvato dint'a na situazione 'e mmerda comm'a chesta!
    Sangue Blu: Si hê spara', spara!
    Ciro [lo fissa, poi posa la pistola]: Je non t'accido, però m'hê ddicere tutta 'a verità!
  • Si no juorno t'avessa veni' 'a nostalgia, ricuordate c'a pizza meglio 'e Napule la facimmo nuje a Furcella. (Sangue Blu) [a Ciro]
  • Valentin: Se non avessi figli, ne vorrei uno come te, ma un figlio ce l'ho già, Ciro.[2]
    Ciro: Mi dispiace.[2]
    Valentin: Dispiace anche a me.[2] [ultime parole]
    [Valentin fa un cenno a un suo scagnozzo ordinandogli di uccidere Ciro, questi però lo anticipa, estrae la pistola e uccide lo scagnozzo, poi ferisce Valentin e si avvicina a lui]
    Ciro: Se avessi un figlio, glielo direi in faccia, quando fa lo stronzo.[2] [spara alla testa di Valentin, uccidendolo]
  • [Ultime parole] Tu che cazzo aspetti? Vai dentro! Veloce![2] (Mladen) [a Elvana]

Episodio 4[modifica]

  • Patrizia: Mo addo' vaje?
    Marinella: Nunn'è importante addo' vaco, basta ca è luntano 'a cca!
  • Sulo n'orfano comm'a tte pò pensa' ca 'a famiglia è na cosa bona! (Genny) [a Gegè]
  • Genny: Je penso ca 'e muorte è meglio ca 'e lasciammo ô camposanto, pecché si jammo appriesso a lloro è llà ca se va a fernì!
    Scianel: E si venimmo appriesso a tte addo iammo? Dimmello. Je aggio perso nu figlio. E mo che te pienze ca me metto a ffa' a cammerera tua?! Je ê sorde tuoje ci piscio acoppa, Gennari'! [ride]
    Genny: Però quanno stive carcerata te facevano commodo...
    Scianel: E llà dinto pure 'a mmerda pare ciucculata!
    Genny [fa un sorrisetto]: Siente na cosa Annali', che vuo'?
    Scianel: L'indipendenza.
    Genny: E te cunviene?
    Scianel: Sì, e 'o ssaje pecché? Pecché tu pe mo nun me puo' dda' niente, sulo probleme.
    Genny: Nunn'è overo, oggi comme ajere je te pozzo da' l'unica cosa ca te serve overamente: 'a cocaina migliore dô munno. O no? Tu sî ll'unica dint'a chell'Alleanza ca s'è meretata 'o rispetto mio. 'O ssaje pecché? Pecché stu rispetto tu l'hê pavato cô sango tuojo.
  • 'O sango nun se sceglie... 'e cumpagne sì. (Patrizia) [a Scianel]
  • È passato tanto tempo, | non ci lasceremo mai, | siamo figli del Vesuvio, | forse un giorno esploderà, | una vita insieme a te, | di domenica alle tre, | non riesco a stare solo senza te. | Quando un giorno morirò, | da lassù ti guarderò, | quanti cori al funerale chiederò! (Sangue Blu e i suoi amici) [cantando un coro da stadio seduti a un tavolo della pizzeria di Carmela a Forcella, battendo le mani sul tavolo]
  • Je e 'a famiglia mia nun tenimmo cchiù niente, c'hanno lassato sulo stu buco 'e mmerda! C'hanno lassato cu niente! C'hanno luvate tutte cose! Ma amm' 'a turna' cchiù grousse 'e primma! (Sangue Blu) [a Ciro]
  • Sangue Blu: Aspe' addo' vaje, nun t'aggio ditto na cosa dâ famiglia mia. 'O ssaje 'O Santo comme s'è inventato 'o contrabbando? Isso steva mmiezzo a na via, se mureva 'e fame. Nu juorno s'è arrubbato na machina 'e n'americano e ha truvato trentamila dollare addinto. Che mazzo scassato, eh? Ce steva pure 'o cumpagno suojo, 'O Stregone, era pure isso guaglione. Isso avette l'idea: 'o contrabbando dê ssigarette. Accussì è nato l'impero.
    Ciro: E che vuo' dicere?
    Sangue Blu: Ca dint'â vita contano doje cose: 'a sorte e 'e cumpagne.
    Ciro: 'E tiempe buone so' fernute, Enzu', mo 'o munno è cagnato.
    Sangue Blu: Comme vuo' tu, però a nuje na capa comm'a tuoja ce facesse commodo assaje. Tu a nuje ce vide comm'a quatto muorte 'e famme, ma nun tenimmo paura 'e niente e de nisciuno! Viene cu nuje. [Ciro se ne va]
  • Genny: Dicive d'essere dâ famiglia... e je pe chisto t'aggio fatto controlla' pecché si m'aggio 'mparato na cosa dint'a tutto stu tiempo è ca propio dâ famiglia mia nun me pozzo fida'.
    Gegè [in lacrime]: Perdoname, Genna'. Te prego, perdoname. 'E società stanno apposto, Genna'. Je nun putevo fa cchiù niente. [ultime parole]
    Genny [porgendo la mano]: 'O 'rilorgio!
    [Gegè si toglie dal polso l'orologio che gli era stato regalato da Pietro Savastano, padre di Genny, porgendolo a quest'ultimo. Genny lo indossa a mo di tirapugni e comincia a colpire ripetutamente Gegè in volto fino ad ammazzarlo.]
  • Chillo fetente 'e mmerda s'era pigliato tutte 'e cose mieje e mo m'e piglio n'ata vota arreto, a una a una. A cumincianno 'a te. (Giuseppe Avitabile) [ad Azzurra, riferita a Genny]
  • Ma che cazze state facenno?! Ma addo' 'o state purtanno a Genny? (Cardillo) [ultime parole agli uomini che stanno portando via Genny]
  • [Genny è stato rapito e picchiato brutalmente. Genny, ormai a terra, gravemente ferito, scopre che ad organizzare il tutto sono stati 'O Stregone, 'O Sciarmante, 'O Diplomato e 'O Crezi che scendono da un auto.]
    'O Crezi: Dimme na cosa, o Ge', secondo te Avitabile è na femmena? [Giuseppe Avitabile scende da un'altra auto] E comme sfaccimma t'è venuto 'ncapo ca t'o putive chiava'?
    [Genny sputa in faccia a 'O Crezi e questi ordina a uno scagnozzo di rifilare un altro colpo a Genny. Quindi si avvicinano Biagio, il calabrese, e Giuseppe Avitabile]
    Biagio: Compa...
    Giuseppe Avitabile [a Genny, riferito a Biagio]: 'O ssaje pecché te l'aggio fatto veni' cca? Pe te fa capi' quanto sî stato strunzo! Ma sicondo te 'e calabrese, si avevano scegliere, si mettevano dalla parte tua? Contro a tutte quante nuje? 'O ssaje mmece pecché je so venuto fino a cca? 'O ssaje pecché? 'Pe te accidere cu sti mmane! [si avvicina a Genny e lo prende per il bavero] Ma sî 'o padre 'e mio nipote, 'o marito 'e figliema. Ce sta nu fatto però: da adesso tu vale meno 'e niente. La droga toja l'hê fernuta 'e vendere a Napoli Centro. La droga toja nun 'a vienne cchiù a nisciuno e 'o ssaje pecché? Il canale nuovo adesso parla solo con noi. All'amico tuo in Honduras l'avimmo tagliato 'a capa. [gli mostrano la testa di Joaquin tagliata in una foto su uno smartphone] Te vulive piglia' tutt'e cose mieje? E mo nun tiene cchiù n'euro, Genna'! Aggio fatto arriva' na denuncia 'e riciclaggio anonima â Guardia 'e Finanza, intanto che cercano di capi', t'hanno bloccato tutte cose: 'e società e pure 'e sorde. Nun tiene manco 'o cazzo, t'è rimasto sulo de turna' dint'â fogna toja e llà hê rimane'! Pecché comme te muove 'a Secondigliano, je te mangio 'a faccia! Ma soprattutto... tu na mugliera e nu figlio nun 'e ttiene cchiù.
    Genny: Chisto nun m'o puo' fa', Giuse', songo 'o sango mio! [prova ad afferrare Giuseppe Avitabile ma viene colpito ancora da uno scagnozzo]
    Giuseppe Avitabile: Tu nun sî degno de essa! E allora essa se ne torna addo' mme. Je te faccio campa', ma sulo comm'a nu cane. Nun te la sei meritata. Quanno uno 'e ccose nun s' 'e mmerita 'e pperde! Continuate. [ordinando così agli scagnozzi di continuare il pestaggio]
  • Si saccio ca t'è venuto a cerca', e tu 'o ssaje ca je 'o vvengo a sape', quant'è vera 'a Maronna, je taglio 'a capa! (Giuseppe Avitabile) [ad Azzurra, riferito a Genny]

Episodio 5[modifica]

Forcella, zona di Napoli, dove è ambientato gran parte del quinto episodio
  • 'O Bell'e Bbuono: 'O fra, chiste so' meglie 'e l'originale! [riferito ai trapani cinesi che hanno appena rubato]
    'A Golia: Comunque 'e cinese nun capisciono nu cazzo!
    'O Bell'e Bbuono: Ma che staje dicenno? Chille so' troppe intelligente, addo' vanno vanno se 'mparano 'o mestiere.
    'A Golia: Allora sî propio nu bombolone, ja, chiste so' tutte quante uguale, nun se riconosciono tra lloro e 'e vuo' fa riconoscere nu trapano all'ato?
    'O Bell'e Bbuono: 'A cinese ca fatica addo' zianemo, je la riconosco troppo bona.
    'A Golia: 'O vide a Bell'e Bbuono, o no? Ce piace a pucchiacca gialla! [tutti si mettono a ridere]
    'O Bell'e Bbuono: Te svito 'a capa, hê capite?
  • [Genny malconcio dopo il pestaggio arriva nell'appartamento di Ciro]
    Ciro: T'hanno accunciato malamante!
    Genny: Comme maje sî turnato?
    Ciro: Teneva nostalgia 'e casa.
    Genny: Eh, ma chesta nunn'è cchiù 'a casa nosta, Ciru'. Sta città c'ha massacrate e c'ha sputate. M'hanno buttato abbascio Secondigliano comm'a nu sacco dâ mmunnezza. A me! Hann' 'a muri' tutte quante!
    Ciro: Azzurra e Pietro addo' stanno? [Genny non risponde e fa cenno di no con la testa] Teneva ragione Deborah. L'utima sera ca l'aggio vista, essa me diceva: "Fermate, Ciru'. Ciru', fermate. Pienze a nuje." Ma je nun l'aggio stata a senti'. So' sciso all'inferno, pe capi'.
    Genny: Adoppo tutto chillo ca c'ammo fatto simmo ancora qua, sulo je e te!
    Ciro: Te l'hê ji' a piglia' n'ata vota. Si 'o faje pe lloro, je sto cu tte. [Genny annuisce]
  • 'O tengo tale e quale â casa, cu chisto aggio bucato tutte cose, sulo a capa 'e sorema, no. Mannaccia 'a morte, 'a tene cchiù tosta dô marmo. (Sangue Blu) [mostrando i trapani a un compratore]
  • Ciro [riferito alle piantine di marijuana che Sangue Blu gli sta mostrando]: Allora è chisto 'o business tuojo? E po'?
    Sangue Blu: E po' ce sta n'ata cosa ancora cchiù grossa e 'o ssaje qual è? L'investimento emotivo. Tu pe mantene' na piazza 'e spaccio tiene bisogno dô cerviello, pe mantene a chisto [indicando le piante] tiene bisogno 'e chisto. [indicando il cuore] M'aggio 'mparato veramente ê vule' bbene a ste ppiante, 'e saccio crescere dalla A alla Z. A tre semmane ce vo' na luce, a seje n'ata e a nove n'ata ancora.
    Ciro: E mo comm'è ca sta tutte cose stutate?
    Sangue Blu: E mo stanno durmenno. Sta tutte cose regolate cô timér! Cheste a mezzanotte quanno se scetano, s'appiccia n'ata vota tutte cose.
    Ciro: Comm'o faje a sape' quanno se scetano e quanno dormono?
    Sangue Blu: Je 'e saccio bone.
    Ciro: Che vuo' fa dint'â vita, Enzu'? 'O contadino? Oppure vuo' fa coccosa 'e veramente importante comme m'hê ditto?
    Sangue Blu: Je voglio crescere!
    Ciro: C'aggio pensato, ma si vuo' fa 'e sorde overamente m'hê sta' a senti' a mme! Hê fa' tutto chillo ca te dico je.
  • Si vuo' campa' mmiezz'a via hê sta' sempre nu passo annanze rispetto a chi te sta 'ncuollo. (Ciro) [a 'O Bell'e Bbuono]
  • State cuntente, eh? Mo che vulite fa' cu chiste sorde? V'e spartite? Po v'e jate a spendere? E accominciate n'ata vota comm'a primma? Acussì fanno 'e rapinatore. Ma 'a ggente ca vuo' crescere no. 'A ggente che vuo' crescere, 'e sorde l'ha da investi' pe se fa' cchiù forte. Vuje che vulite essere? Mo at' 'a decidere. (Ciro) [a Sangue Blu e i suoi amici dopo il colpo]
  • Sangue Blu: Ua fra', sta rrobba è bona pure si 'a tagliammo a quatto! [riferito alla cocaina appena acquistata]
    Ciro [scuote la testa]: 'A tagliammo a doje. 'A rrobba nosta nun ha da essere siconda a nisciuno.'A ggente l'ha da capi' immediatamente ca nunn'è 'a solita mmerda, hann' 'a veni' lloro addo a nuje.
    Sangue Blu: E 'o prezzo? A quanto 'a vennimmo?
    Ciro: A meno 'e quanto venneno 'a lloro.
    Sangue Blu: Scusa se mi permetto ma nuje accussì nun ce guadagnammo manc'o cazzo.
    Ciro: Pô mumento ha da essere accussì. Nuje c'amm' 'a guadaga' cose cchiù importante, Enzu': 'o mercato. Po' quanno ce l'ammo levate tutte quante d'annanze 'o cazze, facimmo chillo ca vulimmo nuje.
  • Sangue Blu: 'Ate sentite comme parla belle? [riferito a Valerio] 'O Bell'e Bbuo' che dice? Pe isso "'O Vucabolario" te piace? [proponendo un soprannome per Valerio]
    'O Bell'e Bbuono: Eh! Comm'a nu vestito tagliato.
    Sangue Blu: Mo, sî uno 'e nuje, 'O Vucabula'! [a Valerio]
  • Sangue Blu: Ua fra', era comme dicive tu: nun ammo tuccato 'e piazze. 'A rrobba nosta sta vulanno e si continuammo accussì c' 'o scaffammo 'nculo e chille nun sanno manco 'a cche parte è arrivato.
    Ciro: Nun 'o ssapono oggi, 'o vveneno a sape' dimane. C'amm' 'a ffa' truva' pronte!
    Sangue Blu: Ma tu 'o ssaje chi so lloro?
    Ciro: E tu 'o ssaje chi sî tu? O te l'hê scurdato?
    Sangue Blu: Sta città sta chienna 'e Ciro. Ma tu nun sî nu Ciro qualunque, sî l'Immortale 'e Secondigliano, eh?
    Ciro: L'Immortale è muorto.
    Sangue Blu: Eh, ma chillo era 'o nome tuojo, o no?
    Ciro: È accussì importante?
    Sangue Blu: Sangue Blu... chisto songo je e sto tutto cca. Si aggi' 'a cumbattere cu tte aggi' 'a sape' chi sî e chi sî stato.
    Ciro: Era 'o nomme mio.
  • Carmela: Tu 'o ssaje ca sî tollerato sulo si spacce nu poco 'e robba dint'â sta via? Ultimamente me pare ca staje cagnando nu poco atteggiamento. Chisto nunn'è buono.
    Sangue Blu: A forza 'e tene' 'a capa calata, me sta venenno male ô cuollo.
    Carmela: Je e te respirammo sulo pecché mamma chiedette 'a grazia 'a Edoardo Arenella. Nun t' 'o scurda'.
    Sangue Blu: Mammà nun steva bbuono câ capa quanno facette stu fatto.
    Carmela: Tenevo quattuordece anne quanno aggio sutterrato a mamma. C'aggio dato 'a parola mia a Arenella ca l'avessema fernuta llà, mo l'aggi' 'a mantene', pecché l'ommo tene na parola sola.
    Sangue Blu: Tu nun sî ommo, Carme'. [fa per andarsene]
    Carmela: È chillo c'aggio fatto: l'ommo. L'ommo e 'a mamma primma pe tte e mo l'agg' 'a continua' a ffa' pure pe Cosimino, pecché tu 'ncapa tienne 'o ggas.
    Sangue Blu: Nun l'aggio fatto je stu patto, me l'aggio truvato 'ncuollo, è 'a parola tuoja, nunn'è 'a parola mia e tu l'hê spesa pe na strunzata.
    Carmela: Chella era 'a vuluntà 'e mamma e ha significato 'a vita pe nuje. Ma a te che te ne fotte, è ove'? Tu nun tiene cchiù rispetto pe niente e pe nisciuno.
    Sangue Blu: Chille t'hanno accise nu padre e nun t'hanno lassate manco nu cuorpo 'a sutterra'. Nuje simmo figlie 'e fantasme e 'e fantasme nun trovano pace.
    Carmela: Ma 'a guerra è 'a peggio cosa, Enzu': ssaje addo' cumencia, ma nun puo' maje sape' addo' fernisce.

Episodio 6[modifica]

  • Gaetano Sanni [aprendo una borsa piena di soldi portata da Genny]: Voi siete comm'a Mosè che apre il Mar Rosso pe me fa' trasi'. [Genny accenna un sorriso] Mo siamo in società. [i due si stringono la mano] Vulite sape' nu fatto, Don Savastano?
    Genny: Chiamame Gennaro.
    Gaetano Sanni: A mme 'o mare me piace assaje, tengo na varca a vela 'e vinte metre ca ce voglio cchiù bene 'e figliemo e muglierema mise assieme. Miezz'o mare quanno staje affunnanno, gridi aiuto e chi te salva nunn'è nu strunzo... ma è 'o meglio amico ca puo' tene'.
    Genny: Je e te mo facimmo grandi cose insieme. [Gaetano Sanni annuisce]
  • Michele Casillo: Oh Genna'.
    Genny: Tutto apposto, Miche'?
    Michele Casillo: So' felice 'e te vede'.
    Genny: 'O ssapevo ca ire nu cavallo 'e razza.
    Michele Casillo: Be', si nunn'era pe tte, Genna', rimanevano a saperlo in pochi.
  • Voglio sape' comme cazzo è possibile ca n'onoranze funebri tene 'e diebiti? 'A ggente puo' fa' a mmeno e magna', ma nun puo' evita' 'e muri'. (Genny) [a Gaetano Sanni]
  • 'O sango mio nun ha pazziato maje. (Genny) [al custode del cimitero]
  • Scianel: E che va truvanno Gennarino nuosto?
    Patrizia: Ve vole fa' na proposta.
    Scianel: Niente 'e meno! [si accende una sigaretta] E che se tratta?
    Patrizia: Dice ca l'affare stanno jenno buono, tene nu canale nuovo pâ droga, e si ce vulite trase pure vuje, quatto mane so' meglio 'e doje.
    Scianel: Gennarino nun conta cchiù nu cazzo, nun tene manco ll'uocchie pe chiagnere. E mo accussì cumbinato, vulesse veni' a chiagnere addo' mammà?
    Patrizia: Da chillo ca aggio visto pare ca s'è ripigliato.
    Scianel: 'A mmerda sott'acqua nun se vede.
    Patrizia: Je faccio chillo ca dicite vuje, ma pensatece buono pecché a Secondigliano sorde nun ne girano cchiù e 'a rrobba c'accattammo 'a l'albanese è na munnezza! E quanno 'e scarpe se fanno accussì strette, 'e migliore amice diventano nemice dâ sera â matina.
    Scianel: 'O ssaje che ce sta 'e nuovo, Patri'? Mammà teneva nu figlio e l'ha perso, ati figlie nun 'e vvole.
  • Custode del cimitero [affacciandosi alla porta]: Che c'è?
    Impresario delle onoranze funebri: Buongiorno. Armando Maccaluso. Questo è il certificato di morte. Abbiamo trovato chiuso il cancello della cappella gentilizia.
    Custode del cimitero: E mi dispiace, non ci sta posto.
    Parente del defunto: Ma comme nun ce sta posto? Chella è 'a cappella 'e famiglia. Ce sta nu catenaccio ncoppa, ce l'at' 'a leva' mo mo.
    Custode del cimitero: La cappella sarà pure 'a vosta ma avete scelto il Caronte sbagliato. [riferendosi all'impresa di onoranze funebri contattata per il funerale del caro defunto]
    Parente del defunto: Ma che aggi' 'a ffa? Aggi' 'a cchiama' 'e gguardie?
    Custode del cimitero: Ah certo, 'e putite chiamma'. Quante nicchie ce stanno ancora vacante dint'a cappella vosta? Quattro? E vuol dire ca si chiammate 'e gguardie, le riempiamo presto presto tutte quante. [chiude la porta]
  • [Lucio Galori riceve lo stipendio dal datore di lavoro Gaetano Sanni, alla scena assiste anche Nicola, scagnozzo di Genny, che ha assunto Lucio nella lavanderia in cambio di soldi.]
    Lucio Galori [aprendo la busta paga]: Chisto che d'è?
    Gaetano Sanni: Qualcosa non va?
    Lucio Galori: Nun sto parlanno cu vuje, ma sto parlanno cu chillo ca m'ha assunto.
    Nicola: Tiene quacche problema?
    Lucio Galori: 'A mesata era de mille e cientocinquanta, ma cca dinto ce stanno sulo ottocentocinquanta. Comm'è stu fatto?
    Nicola: 'O riesto songh'e tasse!
    Lucio Galori: 'E tasse?! Ma quali ttasse?! Nuje mica simmo assunte? Mica tenimmo 'a previdenza sociale? Nuje cca dinto stammo 'a niro, nuje nun simmo nisciuno.
    Nicola: Se il lavoro te lo dava lo Stato, non le pagavi le tasse? Chesta fatica te l'ammo data nuje, nun ce vuo' da niente?
    Lucio Galori [urlando]: Ma che staje dicenno? Je aggio già pavato pâ fatica mia!
    Nicola: Pienzece bbuono prima 'e allucca' accussì cca dinto.
    Lucio Galori: Quinnici mila euro aggio pavato pe sta fatica!
    Nicola: Tu quattuordece e otto! E per quattordicimila e ottocento euro, ammo', t'ammo fatto 'o regalo. Sî viecchio, a l'età tuoja nun te piglia nisciuno a fatica'!
    Lucio Galori: A l'età mia, 'e guagliuncielle strunze comm'a tte 'e pigliavamo a cavece 'nculo. [Nicola ride] Ma nun fernesca cca. E nun ridere, scemo!
  • Genny: C'amm' 'a prepara' a fa 'a guerra, Ciru'. E nu' 'o saccio si 'e guagliune tuoje so' pronte.
    Ciro: Chillo ca sapeno fa, tu l'hê visto già.
    Genny: Eh, ma vennere 'a rrobba è na strunzata. E 'a guerra l'hanno vista sulo int'a quacche videogioco.
    Ciro: Ire pure tu accussì, no? Po' però te sî 'mparato.
    Genny: Pecché tenevo 'o meglio maestro ca ce steva, nu maestro ca nun ha tenuto nisciuna pietà 'e me.
    Ciro: A che staje pensanno, Genna'?
    Genny: Ce sta uno ca m'ha scassato 'o cazzo, ca se vuo' mmettere dint'e ccose nuoste. Se l'ha da fa' Sangue Blu! L'ha da fa' isso, Ciru'. Nun ce putimmo truva' sulo je e te mo ca vene 'a tempesta.
  • [Ciro ha consegnato un foglio con un nome a Sangue Blu]
    Ciro: Te l'hê fa'.
    Sangue Blu [stupito]: Pecché? C'ha fatto?
    Ciro: Nunn'è importante chillo c'ha fatto, ma chillo ca hê fa' tu. Che d'è nun t' 'a siente? Era veni' stu momento, Enzu', 'o ssaje pure tu.
    Sangue Blu: Comm'è accidere a coccheduno?
    Ciro: Comm'a nascere: nisciuno l'ha maje chiesto. Mo l'hê fa'!
  • Lucio Galori: Tienne fame?
    Giosuè Galori: Nu poco.
    Lucio Galori: Che vuo' magna'?
    Giosuè Galori: Na bella pizza.
    Lucio Galori [ultime parole]: 'O ssapevo, sempe pizza. Basta ca te magne 'a pizza, Giosuè... [Sangue Blu arriva di soppiatto alle spalle di Lucio e gli spara alla testa uccidendolo]
  • 'A vita è comm'o poker: je aggi' 'a sempe ji' a vede'. (Scianel)
  • [Genny e Scianel si incontrano in un'agenzia di onoranze funebri]
    Genny: Ciao Annali', 'o ssaje ca 'a morte è 'o meglio affare ca ce sta?
    Scianel: E pecché m' 'o ddice? Ma te penzasse ca è arrivato 'o mumento mio?
    Genny: Nz... T' 'o ddico pecché stu negozio puo' essere 'o tuojo.
    Scianel: Che avessa fa', 'o schiattamuorte?
    Genny: Tu 'o ssaje ca a Secondigliano 'a situazione nunn'è bona. 'E piazze nun venneno cchiù comme primma e tu tienne nu sacco 'e vocche 'a sfama'. Però je t'aggio truvato 'a soluzione. [le porge un foglietto]
    Scianel [leggendo]: "Logistica Sermo, Servicepol Notte, Auto Ventesimo..." Ma che d'è sta rrobba?
    Genny: So' tutte imprese in difficoltà ca m'aggio accattato, comm'a chesta. E c' 'e putimmo spartere je e te, e c' 'e mettimmo 'a sistema comme hanno sempe fatto tutte 'e clan de Napoli Centro.
    Scianel: 'O ssaccio bbuono comme hanno fatto. Sulo ca... je tengo nu presentimento. Ca tu me vuo' fottere a mme.
    Genny: Nun te voglio fottere, pienzece bbuono. Chê sorde â piazza tuoja tu addeviente socia ô cinquantuno percento 'e tutte e quatto 'e magazzine che so' onoranze funebri. Miette a fatica' a ggente ca dice tue e t'accatte 'e materiale addo' dice tu, cioè addo' te stessa. Pecché nel frattempo je te faccio accatta' 'o fioraio, 'o marmista, 'o falegnamme. Accussì tu guadagne 'ncopp'â ogne passagge e chi vole fatica' cu tte, primma ha da paga'.
    Scianel: Ma 'e sorde overo l'ammo sempe fatte chê piazze.
    Genny: Eh, ma mo cca a Secondigliano 'o mmeglio business ca ce sta nunn'è 'a droga, ma 'a famme. E nuje chesta famme l'amm' 'a fa frutta'. Annali', amm' 'a turna' a essere una cosa sola a Secondigliano, sulo accussì putimmo addiventa' cchiù forte 'e primma.
  • Genny: Quanno patemo se piglio' mmano Secondigliano, a l'inizio nun valeva niente, era sulo nu quartiere 'e mmerda addo' dinto ce mettevano tutt'a ggente ca l'ati quartiere 'e Napule Centro nun vulevano. Ma patemo ce vedette coccosa e l'ha fatto diventa' 'o cchiù gruosso supermercato dâ droga d'Europa. Ciru', tu 'o ssaje comme ce chiamavano int'a l'anni Ottanta chille 'e Napule Centro?
    Ciro: 'E scignitelle. Ce trattavano comme animale, ce vulevano dint'ê gabbie.
    Genny: 'O ssaje pure tu, è overo?
    Scianel: Pe fforza! Nisciuno 'e nuje s' 'o ppuò scurda'!
    Genny: E sulo dopo chillo c'ha fatto patemo, abbiarono a ce dicere "buongiorno" e "per favore", pe ave' 'a rrobba nosta.

Episodio 7[modifica]

  • Ciro: Cu ' tutta sta rrobba e sta qualità nun tenimmo 'a concorrenza.
    Genny: Ma tenimmo pure nu bello faro puntato 'ncuollo. [cambiando discorso] E Sangue Blu?
    Ciro: Tu c'hê chiesto na prova 'e fiducia, isso te l'ha data.
    Genny: Chillo ha acciso a nu sconosciuto sulo pe fa' cuntento a tte e chisto 'o ssaje pure tu. Ma nuje mo amm' âvvia' a 'accidere overamente e si toccano a isso o a coccheduno de suoje, je nun saccio comme può reagi'. E nu' 'o ssaje manco tu.
    Ciro: 'O juorno ca m'ha 'ncuntrato a mme nun era nisciuno e nun avesse fatto tanto de chillo ca ha fatto fino a mmo. 'O ssape bbuono: senza me e te, nun va 'a nisciuna parte. Ma Enzo nunn'è nu scemo, pe chisto l'aggio scelto.
    Genny [cambiando discorso]: Je pensavo ca me stevo futtenno Avitabile... mmece era isso ca futteva a mme. Mo nun me fido manco cchiù 'e me, Ciru'. Però 'e te sì.
  • Patrizia: Genna', je capisco tutte cose, ma comme te faje a fida' 'e Ciro Di Marzio ancora me l'hê spiega.
    Genny: Sulo quanno te toccano 'o sango, esce fora chi sî veramente... e je a Ciro Di Marzio l'aggio visto. E isso ha visto a mme. È sempe stato accussì. Pecciò isso mo è cchiù dô sango mio. E pure tu me pare ca pe proteggere a patemo è perso 'o sango tuojo. È overo? E patemo se pensava ca affianco teneva 'o surdato cchiù abbile 'e tutte quante. Eh, era accussì. Però je oltre a chisto aggio visto n'ata cosa: aggio visto ca nu' ferneva tutto llà.
    Patrizia: Che vuo' ddicere, Genna'?
    Genny: Quanno sarraje arrevata addo' vuo' arreva', m' 'o vviene a ddicere tu a mme! [resta un po' a fissarla e poi se ne va]
  • Ciro [riferito alla Bentley Continental GT con cui Valerio si appresta a fare il carico di droga]: Cu chesta daje troppo int'a 'll'uocchie.
    Valerio: Se non supero i trecento all'ora nessun poliziotto ferma una macchina come questa.
  • Ciro [riferito a Valerio]: 'O cumpagno tuojo se sente nu pataterno.
    Sangue Blu: Nun sarrà nu pataterno, ma ce da' nu cuofano 'e possibbiltà.
    Ciro [riferito alla Bentley Continental GT guidata da Valerio]: Nuje pe isso simmo comme a chella machina: jamme a treciento all'ora. Ma vide ca ô primo probblema, isso 'a machina 'a cagna.
    Sangue Blu: Ma 'a machina nunn'è 'a suoja. [i due scendono dall'auto] Ciru'... chi so' pe tte je?
    Ciro: Tu sî comm'ero je diece anne fa. Tenevo rraggia, famme, l'ambizione dê vint'anne... Me sentivo 'o cchiù forte 'e tutte quante.
    Sangue Blu: Mo nunn'è cchiù 'o stesso?
    Ciro [scuote la testa]: Chella era n'ata vita.
    Sangue Blu: Ma staje sempe appriesso a nuje, pecché?
    Ciro: Pecché a sta 'a sulo a l'inferno nun c' 'a facevo cchiù.
  • Valerio [raccontando come se l'è cavata dopo che la polizia l'ha fermato per eccesso di velocità]: Il commissario m'ha fatto na lavata 'e capa e m'ha detto che non devo rifarlo.
    Sangue Blu: Hê viste che significa nascere a Pusillipo? Mo si era uno 'e nuje, già stia a Poggioreale.
  • Pure 'e chiattille[3] teneno 'e ppalle. (Valerio) [a Sangue Blu e i suoi amici]
  • Sangue Blu: Carme', sto ccà, che m'hê ddicere?
    Carmela: Saccio tutte cose, Enzu'. Tu te staje mettenno contro a ggente ca fa malavita 'a cinquant'anne.
    Sangue Blu: È vero: stanne 'a cinquant'anne mmiezzo â via, ma hanno pigliato sulo friddo.
    Carmela: Tu te staje mettenno mmiezzo a nu guajo 'e notte!
    Sangue Blu: Carme', hê sta' tranquilla. Loro 'o ssanno bbuono ca nun c'azziecche niente cu chillo ca vaco facenno je. Tu 'a parola tuoja l'hê mantenuta.
    Carmela: Ma tu 'o capisce ca je nun te voglio chiagnere, sì?
    Sangue Blu: Je te saccio buono. Dimme 'a verità: dint'a tutto stu tiempo nun t'è maje venuto 'o genio 'e magna', a chelle merde?
    Carmela: Me l'aggio sunnato ogni notte.
    Sangue Blu: Chisto nunn'è cchiù nu suonno. Chisto è 'o mmumento nuosto. [se ne va]
  • 'O Sciarmante: Sta storia nun se può lascia passa' accussì, eh.
    'O Crezi: L'amm' 'a schiatta' 'a capa. [a Sangue Blu]
    'O Diplomato: È matematica.
    'O Stregone: Je saccio sulo na cosa: si t'hê magna' a coccheduno va bbuono, ma sulo si nun tiene nisciun'ata possibilità.
    'O Diplomato: Je rispetto 'o pensiero, Don Rugge', ma chillo tenne 'o stesso sango dô nonno suojo. ['O Santo]
    'O Sciarmante: Famme fa a mme, Rugge', sta storia 'a chiudo je.
    'O Stregone: Ve site addimandate pecché chillo guaglione, ca fino a ajere nun deceva na parola, ha' aizato 'a capa propio mo?
    'O Sciarmante: Che vuo' dicere, Rugge'?
    'O Stregone: Arreto a Sangue Blu ce sta coccheduno cchiù gruosso. E nuje llà avimm' ârriva'.
    'O Crezi: E chi fosse?
    'O Stregone: Nun 'o ssaccio... pecché si 'o ssapesse... chillo è 'o primmo ca avimm' 'a ffa fora. Avimm' 'a scupri' chi è 'o vero nemico nuosto. [a 'O Sciarmante] Tu ci devi andare a parlare con Sangue Blu.
    'O Sciarmante: Ah, mo je c'aggi' 'a ji' pure a parla'... Ma overo staje facenno, Rugge'?
    'O Stregone: 'A zona è 'a toja, Edua'.
  • Sti guagliune nasciono già 'mparate ma nun sanno niente dâ vita. Dico je, te vuo' 'mpara'? Miettete vicino a chi è cchiù gruosso 'e te, no vicino a chi è cchiù sciemo. ('O Sciarmante) [a Carmela]
  • 'O discorso vuosto tenne 'e raggione suoje, ma è chillo 'e nu parente, e si m'arricordo buono je e vuje pariente nun simmo state maje. (Carmela) [a 'O Sciarmante]
  • 'O Sciarmante: Tu a mi nun me canusce bbuono. A me me piace a parla' chiaro.
    Sangue Blu: Bbuono, accussì nun perdimmo tiempo.
    'O Sciarmante: 'O Stregone è 'o frate dô nonno tuojo, 'o sango ca ttene int'ô core, è pe chisto ca m'ha pregato 'e pruva' a te capi'. E je nun t'accido mo pecché nunn'è 'o mumento, ma tu tiennela sempe a mmente sta cosa.
    Sangue Blu: Po' quanno vene chillo mumento vedimmo chi rrimane all'erta.
    'O Sciarmante: Vabbuò... Je te dongo doje zzone, chelle ca avesse volute pateto ma nun ha maje avute. Via Cicerone e Via Plinio[4], doje vie addo' girano 'e sorde overo.
    Sangue Blu: E che vulite in cambio?
    'O Sciarmante: At' 'a piglia' 'a rrobba 'a nuje.
    Sangue Blu: Ma nuje tenimmo e canale noste.
    'O Sciarmante: L'hê taglia', m'hê ddicere chi songo.
    Sangue Blu [avvicinandosi con aria di sfida]: Nun aggio maje vennuto chi m'è frato!
    'O Sciarmante: Guaglio', tu sî sempe stato poca rrobba. Tu c'hê sulo 'a dicere chi sta arreto a te. [Sangue Blu scherzando si gira alle spalle e guarda gli amici, sorridendo a loro] Tiene 'e passe cuntate, statte accorto. [e si appresta ad andarsene]
    Sangue Blu [alzando il tono della voce per farsi sentire da 'O Sciarmante che si sta allontanando]: Tutte quante 'e tenimmo, Don Edua'.
  • Sangue Blu: All'inferno nun sî cchiù sulo, aggio accattato nu biglietto pure je.[5]
    Ciro: Che vuo' dicere?
    Sangue Blu: Aggio ditto 'e no.
    Ciro: A che cosa?
    Sangue Blu: Ciru', nun me faccio illusione, 'o ssaccio ca ogneduno penza ê cazze suoje, ma cierte vvote l'interesse pê persune è cchiù gruosso 'e chillo pê ccose.
    Ciro: Può essere ma nun l'aggio visto maje succedere.
    Sangue Blu: Manco je, fino a mmo. Ogge 'a vita m'ha fatto 'na surpresa, m'hanno offierto 'o munno e je aggio ditto no. 'O ssaje quall era 'o prezzo? Vulevano 'a capa toja.
  • Nun aggio maje odiato a nisciuno comm'aggio odiato a te. Ma finalmente je e te stammo 'ncopp'â stessa barca e nun voglio rimane' sulo. (Genny) [a Ciro]

Episodio 8[modifica]

  • O fra', viene a vede' a fabbrica dô zuccaro, vie! Nuje 'a tagliammo bbona, sulo nu quarto è munnezza. Sempe meno munnezza 'e chella ca ce mettono l'ate. Oh, coccheduno ce mette pure 'o vveleno pê zoccole. Nuje simmo puriste: sulo fenacetina. (Sangue Blu) [a Valerio, riferito alla cocaina]
  • Ciro: A Enzo l'aggio fatto addiventa' 'nu surdato, ma mo ha da diventa' nu' capo. Ha da capi' ca ha da pensa' primma de spara'. Sulo accussì putimmo vincere, Genna'.
    Genny: A vint'anne è cchiù facile a spara' ca a pensa', Ciru'.
  • Sangue Blu: Me staje dicenno ca nun aggi' 'a fa' niente?
    Ciro: Tu hê fa' chillo ca dico je quanno t' 'o ddico je! Innanze tutto hê mettere 'e cose apposto miezz'ê guagliune tuoje.
    Sangue Blu: Che vuo' dicere?
    Ciro: Ca stu fatto ca cummannano tutte quante nunn'è bbuono. Chi vuo' vincere 'a guerra ha da cummanna isso sulo. E chillo sî tu!
    Sangue Blu: Però t'aggi' 'a ffa na domanda.
    Ciro: Dice.
    Sangue Blu: Tu che ce guadagne?
    Ciro: 'O vinte pecciento, comm'a sempe.
    Sangue Blu: Sì, vabbuo', chisto è 'o cunto dâ spesa. Si 'e ccose vanno bbone, je me piglio Furcella e tu? Che succede?
    Ciro: Succede ca faccio buono l'unnica cosa ca saccio fa. Nun ce sta niente ca me pò fa fa' pace chê fantasme mieje, Enzu'.
  • 'A Golia: 'A promessa è bona, ma pe miezzo mo ce sta 'o fatto ca nun decidimmo cchiù tutte quante assiemme. Mo sî tu ca cummanne o me sbaglio?
    Sangue Blu: Stammo jenno mmiezz'a na tempesta. 'Ncopp'a na barca ce sta sulo nu capitano.
    'A Golia: Si ma chisto vale pe chille ca stevano primma 'e nuje, veleva pe patemo, ca è mmuorto pe ji' appriesso a sti ccose. Ma nuje 'a pensammo 'e n'ata manera. Nun ce facimmo cummanna' a nisciuno!
    Sangue Blu: Si vulimmo vincere 'a guerra, hann' 'a cagna' 'e ccose. E si 'e cagnammo, nuje 'a vincimmo. Tenite 'a parola mia.
  • Scianel [lamentandosi degli immigrati che lavorano nella sua genzia di onoranze funebri]: Aggi' 'a fatto na strunzata a mettere a sistema sti quatto sciemme. 'O ssaccio: faticano bbuono, nu scassano 'o cazzo, ma è 'na questione di crianza. Ma pozzo atterra' nu cristiano dinto nu tavuto foderato di raso rosso? È na questione di rispetto. [vedendo Patrizia preoccupata] Ma che d'è, Patri'?
    Patrizia: 'A guerra ca Genny vuleva fa cu chille dô centro...
    Scianel: Eh!
    Patrizia: Nunn'era na pazziella. È overo e accummencia mo.
    Scianel: E tu che pienze?
    Patrizia: Ce chiamavano scignitelle?[6]
    Scianel: Eh!
    Patrizia: E mo è arrevato 'o mumento e ce fa capi' ca ste scignitelle dint'ê ggabbie nun c' 'e mmette nisciuno! S'hann' 'a sciacqua' a vocca' prima 'e parla' cu vuje, Donna Annali'.
    Scianel [accarezzando il viso di Patrizia]: Brava, Patri'.
  • [La banda di Sangue Blu ha rapito Catenella e lo ha legato a una sedia]
    Sangue Blu: Sapimmo ca accatte ll'arme pê clan confederate. Vulimmo sape' addo' 'e ttiene ammacchiate.
    Catenella: Ma che state facenno? Vuje site 'na vranca 'e canielle contro 'e mastine napulitan. Guagliu', chille ve sbranano, ve fanno a piezze!
    Sangue Blu [ride con gli amici, poi colpisce Catenella a una gamba con l'accetta]: Comme na lavatrice scassata, cu nu pare 'e botte s'arrepiglia. [avvicinandosi a Catenella] Nun simmo nuje 'e canille, 'o canillo sî tu. Tu tiene 'o padrone.
    Catenella: Acciditeme! Acciditeme ma nun v' 'o pozzo dicere!
  • [Ultime parole] 'E deposite so' tre: l'albergo notturno vicino â stazione, 'o cimmitero 'e Chiaiano e la fabbrica 'e bandiere a Via Marina. (Catenella) [Sangue Blu poco dopo lo fredda con tre colpi di pistola]
  • Arenella è nu figlio 'e bucchina, uno ca tene 'o sango friddo. Amm' 'a ji' 'ncuollo 'O Crezi: è nu scemmo, uno ca s'appiccia subbeto. (Ciro) [a Sangue Blu]
  • Genny: Tu 'o ssaje pecché a Ciruzzo 'o chiammano L'Immortale?
    Sangue Blu: Pecché mmiezzo a tre guerre nisciuno è stato cazzo d' 'o accapputta!
    Genny: Nz! Pecché teneva ventune juorne quanno vennette 'o terremoto c'atterrà 'a madre e 'o padre. Pienze, dint'a nu palazzo 'e trenta persone, isso è ll'unico ca è rrimasto vivo. Mo si tu te pienze d'essere 'o terremoto ca 'o atterra, primma te l'hê vede' cu mme!
    Sangue Blu: Je so' figlio 'e re cumm'a tte, ma comm'a Ciro so stato cresciuto comm'a n'orfano. Ci chiammano figlie 'e fantasma pecché patemo e tutte ll'uommene dâ famiglia nosta 'e Confederate nun c'hanno fatte truva' manco 'e corpe.
    Genny: È sulo 'a vendetta ca vaje truvanno?
    Sangue Blu: Je voglio chillo ca c'hanno pigliato e ca me spetta 'e diritto: je voglio Furcella.
    Genny: E Furcella avrai. Ma si adoppo a famme toja se fa cchiù grossa, je te straccio 'o core 'a pietto!
  • Tu hê fa' 'o cane 'e pecura e nuje simmo 'o pastore. (Sangue Blu) [a un negoziante che sta rapinando]
  • 'O Crezi: Amm' 'a ffa n'esercito, accussì jamme dint'â chella fogna addo' stanno, c' tagliammo 'o cazzo e c' 'o mettimmo 'mmocca. [riferito a Sangue Blu e i suoi compagni]
    'O Diplomato: Je penzo ca pe c' 'o mmettere 'mmocca a chiste 'cca, n'esercito nun abbasta. Hê visto ch'è succieso? Eramo cchiù assaje, tenevamo cchiù arme eppure simme fernute comme simme fernute.
    'O Crezi: E c'amm' 'a ffa sicondo te?
    'O Diplomato: C'amm' 'a fa creder c'hanno vinciuto lloro, ca songh'e cchiù forte, ca ce stammo cacanno sotta e ca nu' rispunnimmo. Po' facimmo passa' quacche oretta accussì lloro se rilassano e po' 'e mannammo a cerca' 'o perdono ô Pataterno.
  • Scianel [mostrando una bara]: 'O vide stu tavuto, Gennari'? Bello, eh? L'aggio stipato pe mme. Ma c'aggi' 'a trasi' quanno me so fatta vecchia assaje.
    Genny: E accussì sarrà, ma nel frattempo ce simmo fatte da' del voi da 'e sante 'n Paraviso.
    Scianel: Che vuo' dicere?
    Genny: Te piacesse 'a piazza 'e Capaccio? Mo che sta guerra è fernuta, addeventa a toja. Accussì mettimmo na bella statua mmiezzo piazza Garibaldi.
    Scianel: 'O ssaje comme se dice? 'A peggio zoccola è chella ca t'attacca 'e piattole e po te fotte n'ata vota. Comme faje tu.
  • Sangue Blu: Che vuo'?
    Carmela: Maria m'ha ditto chi è ll'amico nuovo tuo 'e Secondigliano. [Sangue Blu si allontana] Addo' vaje? Oh! Guardame a mme! L'amico tuojo stanotte steva cu tte? Oh! Steva cu tte?
    Sangue Blu: No.
    Carmela: E pecché?
    Sangue Blu: Isso c'ha dato sulo ll'arme e 'a rrobba. Intanto po' è grazie a isso ca chille merde fanno 'o giallo.
    Carmela: Aggio capito: isso fa 'a coreografia e tu abballe, accussì si coccosa va stuorto 'a folla sta ê piere dô lietto tuojo.
    Sangue Blu: Nun è juta a ferni' accussì, Carme'.
    Carmela: Hm... e si sta guerra 'a vincimmo che succede? Se fa paga tutta 'a coreografia o s'accatta 'o teatro sano?
    Sangue Blu: Isso m'hê frato. E chillo ca aggio ditto a tutte quante, mo 'o ddico pure a tte: o staje cu mme o staje contro 'e me.
  • 'O Diplomato [riferito a Sangue Blu e i suoi compagni]: Chiste songo 'o diavolo. ['O Crezi ride] E che sfaccimma ride a fa, Ferdina'?Chiste c'hanno sfunnato! Me vuo' fa ride pure a mme? Chille ride!
    'O Crezi: So chê cazze, però. Mo doje songo 'e ccose: 'o e luvammo â faccia dâ Terra o c' 'e pigliammo dint'â casa cu nuje. Into a tutte e doje 'e case però c'addivertimmo troppe assaje.

Note[modifica]

  1. a b Dai sottotitoli in italiano. Nel doppiaggio originale il personaggio parla in lingua spagnola.
  2. a b c d e f g h i j k l m n Dai sottotitoli in italiano. Nel doppiaggio originale il personaggio parla in lingua bulgara.
  3. Cfr. Amedeo Colella, Manuale di napoletanità, Ateneapoli srl, 2010, p. 31: «Il chiattillo è di solito un rampollo/a di buona famiglia (di solito di Chiaia/Posillipo ma ve ne sono anche al Vomero) che non ha esitazioni ad esibire il suo status sociale»
  4. Due vie del quartiere Bagnoli di Napoli.
  5. Riferimento a una precedente battuta di Ciro.
  6. Riferimento a una precedente battuta di Ciro alla fine del sesto episodio.

Altri progetti[modifica]