Isabella Rossellini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Isabella Rossellini nel 2005

Isabella Rossellini (1952 – vivente), attrice e modella italiana.

Citazioni di Isabella Rossellini[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • [«Che cosa ha donato sua madre al cinema?»] Una naturalezza che le altre attrici non avevano. Quando lei arrivò a Hollywood, il produttore Davis Selznick voleva che cambiasse nome, Bergman suonava troppo tedesco; c'era anche la guerra contro la Germania in quel periodo. Voleva cambiarle le sopracciglia... Lei disse "assolutamente no, sono già famosa in Svezia, il mio nome è Ingrid Bergman e questo è il mio aspetto". E lui: però, questa è una buona idea, sarai la prima attrice al naturale. Una incredibile conferma per le donne: si poteva essere belle, attraenti e talentuose senza artifici. E poi, trovo positivo come abbia assorbito la cultura di paesi diversi: in America è percepita come americana, in Europa come europea, e questo è molto inusuale. Parlava cinque lingue.[1]
  • Jennifer Lawrence secondo me ha ridefinito il concetto di femminilità moderna, un po' come aveva fatto Marlon Brando con quella di mascolinità. Per la sua forza, la sua indipendenza, Jennifer mi fa pensare a mia madre, come anche il personaggio che interpreta nel film [Joy].[2]

Citazioni su Isabella Rossellini[modifica]

  • Com'era bella, Isabella! Faceva la mannequin, come diceva lei, ma era la Donna. Adorabile con indosso qualsiasi cosa: un tailleur, un vestitino nero, un abito da sera. Adorabile anche per il suo portamento, il suo accento italiano che ti scombussolava, la sua vivacità di spirito, quel modo di rovesciare indietro la testa: anche una sola di queste cose sarebbe bastata per piacere. [...] Ma ogni volta [...] sentiva il bisogno di fuggire di nuovo, proprio come, incomprensibilmente, gli uomini della sua vita fuggivano da lei. [...] Di cosa aveva paura, con i suoi grandi occhi verdi, il corpo al tempo stesso slanciato e robusto, un sorriso da farti saltar giù dalla finestra? Del dopo? Di quando non sarebbe stata più giovane, di quando sarebbe stata "ancora" bella? La cosa tragica, con le femmes fatales, è che sono fatali prima di tutto a se stesse. (Gilles Jacob)

Note[modifica]

  1. Dall'intervista di Anna Maria Speroni, Isabella Rossellini: «Somigliare a mamma è stata la mia fortuna», Iodonna.it, 18 maggio 2015.
  2. Citato in Isabella Rossellini: "Jennifer Lawrence è forte. Come mia madre Ingrid Bergman", Iodonna.it, 13 gennaio 2016.

Voci correlate[modifica]

Film[modifica]

Altri progetti[modifica]