Joe Bastianich

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Joe Bastianich

Joe Bastianich (1968 – vivente), imprenditore e personaggio televisivo statunitense.

Citazioni di Joe Bastianich[modifica]

  • [Spiegando perché non accetterebbe Silvio Berlusconi nel suo ristorante] Il mio ristorante... il mio ristorante... preferisco avere le persone... beh, è un posto pubblico, ma, non so, lui ha fatto abbastanza... abbastanza danni per persone che io conosco personalmente, che hanno vissuto l'Italia che ha creato lui, è un po' un disastro secondo me.[1]
  • In Italia c'era bisogno di un bel programma di cibo. Il merito è di tutti e di una produzione straordinaria. "MasterChef" si distingue nel mondo della vostra tv.[2]
  • In Italia, come ho detto, la cultura del cibo è superiore. In America è tutto diverso, le influenze gastronomiche sono molto varie: texana, asiatica, latina... I due mondi non sono paragonabili.[2]
  • Mia madre è una grande cuoca. I miei, dopo aver lasciato l'Istria, aprirono con tanti sacrifici un ristorante a New York. All'inizio non volevano che io seguissi le loro orme. Il classico racconto degli emigranti, che si desiderano per i figli un futuro migliore. Poi hanno capito che quello era il mio destino.[2]
  • [Rispondendo alle critiche di non essere uno chef "stellato" come gli altri due giudici di MasterChef Italia] Tra ristoranti, aziende vinicole in Friuli e Toscana, negozi e uffici, do lavoro a tremila dipendenti, servo una media di quattro milioni di pasti l'anno e ho un'esperienza di ristorazione ormai ventennale. Lei cosa pensa? Posso giudicare il lavoro di persone che "vorrebbero" fare gli chef?[3]
Dall'intervista di Lorenza Sebastiani, Joe Bastianich: «Le italiane ci provano sempre», Grazia.it, 27 novembre 2014
  • Il mondo della ristorazione è fortemente maschilista, ma la vera cucina rimane quella delle donne. Cucinano per nutrire, hanno l'ospitalità nel dna, nessuno chef uomo potrà mai fare altrettanto.
  • Le famiglie dei miei amici lavoravano tutte nel campo della finanza. Fare soldi era un imperativo. Pensavo che guadagnare fosse l'unica cosa che contasse davvero. L'ho fatto per un anno. Poi sono scappato, mi sentivo vuoto. Ho un animo imprenditoriale e filosofico, difficile da imbrigliare.
  • Sono così duro? Guardi, se lei lavorasse per me capirebbe che con i miei dipendenti sono molto esigente. Ma se venisse a casa mia, davanti a un piatto di spaghetti e un bicchiere di vino, sarei parecchio diverso. È il contesto a incidere.

MasterChef Italia[modifica]

  • [Rivolto a Luisa] La tua arroganza sarà il bastone tra le tue ruote.[4]
  • Sono Joe Bastianich. Ho 24 ristoranti italiani nel mondo, da Los Angeles a Hong Kong gli chef migliori lavorano per me... il talento vero non mi sfugge mai.[5]
  • [Riferendosi ad una torta presentata al provino] Più di esser cruda è come mangiare sapone, è schifosa, anche forse un po' pericolosa.[6]
  • [Durante i provini] Io so' incazzato, non perché il piatto fa schifo, ma perché tu hai sprecato spazio di qualcuno che poteva venire qui e veramente dare del meglio.[6]
  • [Durante i provini] Ti do una valutazione un po' alla Gordon Ramsay, va bene? This dish is a piece of shit [lancia il vassoio con la pasta nel lavandino] and you, my friend, are an asshole![6]
  • [Durante i provini] Il problema co' sto piatto... che mi ha bloccato la gola come una pallina di catrame, e devo andare all'ospidale, adesso, se no muoro! Allora per me è no, ciao.[6]
  • Voglio assaggiare piatti con carattere, gustare sapori decisi, [...] se cucinare ti rilassa MasterChef non fa per te.[7]
  • [Durante i provini] Ultimamente non mi incazzo, ma sono un po' incazzato, perché, mi sembra che tu ci stai prendendo noi in giro. Ti diverti col nostro tempo, bravo, complimenti.[8]

Citazioni su Joe Bastianich[modifica]

  • Joe ha un pensiero gastronomico del tutto diverso: è capace di mangiarsi un barattolo di burro d'arachidi. Ha uno stile americano, orientato al business. (Carlo Cracco)
  • No, a parte Bastardianich. Mi chiedono: è così cattivo come sembra? E io: no, molto di più. (Carlo Cracco)

Note[modifica]

  1. Dal programma televisivo Reputescion, La3, 13 maggio 2013; visibile su Tv.ilfattoquotidiano.it.
  2. a b c Dall'intervista di Fabio Forni, Joe Bastianich, la parola al cattivissimo di MasterChef: faremo la terza edizione, Sorrisi.com, 22 febbraio 2013.
  3. Dall'intervista di Luca Dondoni, Bastianich: sono io la cucina moderna in tv, Lastampa.it, 22 novembre 2011.
  4. Dalla 19a puntata della prima edizione; citato in Aldo Grasso, Ingredienti narrativi: il sale di Masterchef, Corriere della Sera, 9 dicembre 2011.
  5. Dalla sigla della seconda edizione; visibile su Sky.it.
  6. a b c d Dalla seconda puntata della seconda edizione, andata in onda il 14 dicembre 2012 su Sky Uno e il 19 marzo 2013 su Cielo.
  7. Dal promo della terza edizione; visibile su Kataweb.it.
  8. Dalla prima puntata della quinta edizione, andata in onda il 17 dicembre 2015 su Sky Uno; visibile su YouTube.com, min. 3:05.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]