Joseph Fouché

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Joseph Fouché

Joseph Fouché (1763 – 1820), politico francese.

Citazioni di Joseph Fouché[modifica]

  • [A proposito dell'esecuzione del duca d'Enghien a Vincennes, 21 marzo 1804] È peggio di un crimine: è un errore politico.
C'est plus qu'un crime, c'est une faute. (da Memoirs of Fouché)

Attribuite[modifica]

  • La parola all'uomo è stata data per nascondere il pensiero.[1]
La parole a été donnée à l'homme pour déguiser sa pensée.
[Citazione errata] La citazione viene erroneamente attribuita a Charles Maurice de Talleyrand-Périgord e Fouché. Più probabilmente la citazione appartiene a Voltaire che scrisse nei Dialogues: «Ils [les hommes] ne se servent de la pensée que pour autoriser leurs injustices, et n'emploient les parles que pour déguiser leurs pensées» («Gli uomini usano il pensiero per giustificare le proprie ingiustizie, e il discorso solo per nascondere i loro pensieri»).[2]

Citazioni su Joseph Fouché[modifica]

  • [In occasione del giuramento di fedeltà prestato da Fouché, dinnanzi a Luigi XVIII di Francia, dopo il secondo rientro a Parigi di quest'ultimo come re di Francia, alla presenza di Talleyrand] Tutt'a un tratto, la porta si apre: entra silenziosamente il vizio appoggiato al braccio del crimine, il signor di Talleyrand che procede sostenuto dal signor Fouché; la visione infernale passa lentamente davanti a me, penetra nell'ufficio del re e dispare. Fouché veniva a giurare fede e rispetto al suo signore [in qualità di nuovo Ministro di polizia]: il fedele regicida, in ginocchio, mise le mani che fecero cadere la testa di Luigi XVI tra le mani del fratello del re martire; il vescovo apostata [Talleyrand, neo Ministro degli esteri, vescovo di Autun dal 1788 al 1791] garantì il giuramento. (François-René de Chateaubriand)

Note[modifica]

  1. Citato in Heinrich Heine, Ideen. Das Buch Le Grand, XV.
  2. Cfr. Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, pp. 526-527, e The Oxford Dictionary of Quotations, a cura di Elizabeth M. Knowles, Oxford University Press, 1999, p. 797.

Altri progetti[modifica]