La bella addormentata (film 1942)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

La bella addormentata

Descrizione di questa immagine nella legenda seguente.

Luisa Ferida in una scena del film

Titolo originale

La bella addormentata

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1942
Genere drammatico
Regia Luigi Chiarini
Soggetto Rosso di San Secondo
Sceneggiatura Luigi Chiarini, Umberto Barbaro, Vitaliano Brancati
Interpreti e personaggi

La bella addormentata, film italiano del 1942 con Luisa Ferida e Amedeo Nazzari, regia di Luigi Chiarini.

Frasi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Io sono come il muro basso, che ognuno ci si appoggia perché non so far valere le mie ragioni. Ma quello che fanno a me, lo fanno a Gesù Cristo che sta in croce. (Nunziata)
  • La vera canaglia è quella che si chiama galantuomo. (Salvatore)
  • Finiamola di parlar da galantuomi, parliamo da uomini. (Salvatore)

Citazioni su La bella addormentata[modifica]

  • Una vera tragedia degli equivoci, forse il miglior film di Chiarini: l'esigenza di raffinatezza formale tipica del «calligrafismo» (di cui il regista era uno degli esponenti di punta) qui si combina con uno stile vigoroso evidente anche nei personaggi minori (l'acidissima zia del notaio intepretata da Teresa Franchini, piccolo capolavoro di battute e recitazione), capace di creare un'atmosfera incandescente e mortifera con cui alludere agli umori dell'epoca ben oltre la riduzione letteraria. Merito indubbio dell'operazione va alla sceneggiatura [...]. A Barbaro, in particolare, viene da attribuire la forte connotazione sociale che rende leggibile il film anche in chiave di dramma di classe. Notevole la presenza palpitante della Ferida, attrice di regime generalmente impiegata in ruoli aggressivi e sensuali, che attraversa il film come un fantasma introducendo un clima «fantastico» abbastanza insolito nel cinema del periodo. (Il Mereghetti)

Altri progetti[modifica]