La mummia (film 1999)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

La mummia

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

The Mummy

Lingua originale arabo, inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1999
Genere azione, avventura, fantastico
Regia Stephen Sommers
Soggetto Stephen Sommers, Lloyd Fonvielle, Kevin Jarre
Sceneggiatura Stephen Sommers
Produttore Sean Daniel, James Jacks
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Note
Sequel

La mummia, film del 1999, regia di Stephen Sommers.

TaglineLa tempesta si alzerà. Il cielo si aprirà. Il potere si scatenerà.

Incipit[modifica]

Tebe, città dei viventi, gioiello della corona del faraone Seti I, patria di Imhotep, grande sacerdote del faraone, custode dei morti, luogo di nascita di Anck-su-namun amante del faraone: a nessun altro uomo era concesso toccarla. Ma per il loro amore erano disposti a rischiare la vita. [...] Per riportare alla vita Anck-su-namun Imhotep e i suoi sacerdoti si introdussero nella sua cripta e trafugarono il suo corpo. Si inoltrarono nel deserto portando il cadavere di Anck-su-namun ad Hamunaptra, la città dei morti. Antico sito di sepoltura della stirpe dei faraoni, luogo dove riposano i tesori dell'Egitto. Per amor suo Imhotep osò provocare le ire del faraone addentrandosi nella città, dove prese il libro dei morti dal luogo sacre ove era riposto. L'anima di Anck-su-namun era stata inviata nell'oscuro oltretomba, i suoi organi vitali erano stati rimossi e posti nei sacri canopi. L'anima di Anck-su-namun era tornata dal regno dei morti, ma le guardie del faraone avevano seguito Imhotep e lo fermarono prima che il rituale fosse completato. I sacerdoti di Imhotep furono condannati a essere mummificati vivi. Quanto a lui, fu condannato a subire l'Hom-Dai, la peggiore di tutte le antiche maledizioni, tanto crudele da non essere mai stata emessa prima. Egli sarebbe rimasto sigillato nel suo sarcofago non morto per tutta l'eternità. Gli Horàs non avrebbero permesso che fosse liberato perché egli si sarebbe levato come un morbo che cammina, una peste per l'umanità, un empio mangiatore di carne, con la forza dei secoli, il potere delle sabbie, la gloria dell'invincibilità. Per tremila anni uomini ed eserciti hanno combattuto su questa terra senza sapere che il male giaceva sotto di essa. E per tremila anni noi, gli Horàs, discendenti delle sacre guardie del faraone, abbiamo vigilato. (Voce narrante)

Frasi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • La sola cosa che mi spaventa, signor O'Connell, sono le sue maniere. (Evelyn) [a Rick]
  • Non mi sono mai piaciuti i cammelli! Sono dei luridi rompiscatole, puzzano, mordono, sputano! Sono disgustosi! (Jonathan) [intanto si vede Gad Hassan mentre sputa in modo disgustoso]
  • E allora luce fu... (Evelyn) [facendo luce nella camera di preparazione tramite il gioco di specchi]
  • "La morte verrà su rapide ali per colui che oserà aprire questa cassa. [...] C'è un uomo, il non morto, che sarà riportato alla vita e obbligato da sacre leggi a perpetrare questa maledizione. Egli ucciderà coloro che apriranno questa cassa, assimilerà i loro organi e liquidi vitali e così facendo egli si rigenererà e non sarà più il non-morto, ma una piaga su questa terra." (Dr. Allen, l'egittologo) [traducendo l'iscrizione sulla cassa]
  • Santo cielo, questi segni... sono stati fatti con le unghie! Quest'uomo è stato sepolto vivo... e ha lasciato un messaggio: [traducendo i segni incisi all'interno del sarcofago di Imhotep] "la morte è soltanto il principio". (Evelyn)
  • Vi avevo detto "andatevene o morirete". Non ci avete ascoltato. Ci farete uccidere tutti. Avete liberato una creatura che noi temiamo da più di tremila anni. [...] Nessun'arma mortale lo può uccidere. Non è di questo mondo. (Ardeth Bey)
  • Ti avverto: questa creatura è portatrice di morte. Non mangerà mai, non dormirà mai e non si fermerà mai. (Ardeth Bey) [a Rick]
  • Qualche dannato idiota ha rovesciato il suo bicchiere... (Winston) [ubriaco, mettendo il piede in una fontana]
  • Al principe Imhotep non piace essere toccato. È una sciocca superstizione orientale, temo. (Benit)
  • Riflettendoci il nostro è un enorme problema. (Rick)
  • "Ed egli tese la mano verso i cieli e sulla terra d'Egitto scesero le tenebre."[1] (Jonathan) [durante l'eclissi di sole]
  • È meglio essere la mano destra del diavolo che trovarsi sul suo cammino. (Benit)
  • Vivi oggi, combatti domani. (Ardeth Bey) [a Rick]
  • Devo trovarmi nuovo lavoro... (Benit) [nella tempesta di sabbia creata da Imhotep]
  • Mi piaceva il trucco del muro di sabbia. Era bellissimo... bastardo. (Benit) [a Imhotep]
  • Rasheem oola Kashka. Hootash im Ahmenophus. (Jonathan) [incantesimo per comandare l'esercito di mummie]
  • Kadeesh mal. Kadeesh mal. Pared oos. Pared oos. (Evelyn) [incantesimo per rendere mortale Imhotep]
  • Addio Benit.[2] (Rick) [quando Benit viene rinchiuso nella tomba, morendo divorato dagli scarabei carnivori]

Dialoghi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • [Evelyn ha appena fatto cadere tutti gli scaffali della biblioteca del museo uno sull'altro con un effetto domino]
    Dr. Bey: Che cosa?! Ma... che cosa...?! Guarda che roba! Figli dei faraoni, datemi rane, tafani, cavallette! Tutto ma non te! Paragonate a te le altre piaghe sarebbero una gioia!
    Evelyn: Sono veramente mortificata, è stato un incidente.
    Dr. Bey: Cara ragazza, quando Ramses ha distrutto la Siria, quello è stato un incidente. Tu? Tu sei una catastrofe!
  • Evelyn [parlando dello scrigno]: Mi avevi detto di averlo trovato in uno scavo a Tebe!
    Jonathan: Ah, sì? Be', mi sono confuso.
    Evelyn: Mi hai mentito!
    Jonathan: Io mento con tutti. Perché dovrei fare un'accezione per te?
    Evelyn: Perché sono tua sorella.
    Jonathan: Questo ti rende soltanto credulona.
  • Evelyn: Le darò cento sterline se salva la vita di quell'uomo.
    Gad Hassan: Signora, ma sei io pagherei cento sterline per vederlo impiccare!
  • [prima dell'impiccagione]
    Boia: Ultimo desiderio, porco?
    Rick: Sì. Allenta il nodo e lasciami andare.
  • Jonathan: O'Connell, si sieda. Ci farebbe comodo un altro giocatore.
    Rick: Io gioco solo con la mia vita, mai coi miei soldi.
    Daniels: Mai? E se scommettessi con lei cento dollari che arriveremo ad Hamunaptra prima di voi?
  • Evelyn: A proposito, perché mi ha baciata?
    Rick: Non lo so. Stavano per impiccarmi, in quel momento mi è sembrata una buona idea! [Evelyn va via offesa] Che c'è? Che ho detto?!
  • Rick [puntandogli la pistola]: Penso che ti ucciderò!
    Benit: Pensa ai miei figli.
    Rick: Ma che dici? Tu non hai figli!
    Benit: Un giorno potrei averne!
  • [durante lo scontro sulla nave]
    Rick: Sa nuotare, per caso?
    Evelyn: Ma certo che so nuotare se la situazione lo richiede.
    Rick: Si fidi di me, lo richiede! [la getta in acqua]
  • Benit: Ehi! O' Connell! A quanto pare li ho io tutti cavalli!
    Rick: Ehi, Benit! A quanto pare sei sulla riva sbagliata del fiume, sai?
  • Rick: Mi faccia capire bene. Strappavano le budella e le mettevano nei canopi?
    Evelyn [esaltata]: E poi prendevano anche il cuore! Oh, e lo sa come tiravano fuori il cervello?
    Jonathan: Evy, si può sopravvivere senza saperlo...
    Evelyn [esaltata, mimando il gesto]: Prendevano un uncino metallico acuminato e incandescente e lo ficcavano nel naso, poi giravano nel cervello un po' e poi tiravano giù tutto dalle narici!
    Rick: Ah... dev'essere doloroso!
    Evelyn: Si chiama "mummificazione"... sei morto quando te lo fanno.
    Rick: Per la cronaca, se non riesco a uscire di qui non mi metta in lista per la mummificazione.
  • Rick: Lei non crede alle maledizioni, vero?
    Evelyn: No, io no. Io credo a quello che posso vedere e toccare, in quanto reale. Solamente in questo credo io.
    Rick: Io credo nell'essere pronti a tutto.
  • Evelyn [ubriaca]: A differenza di mio fratello, signore, io so quando dire di no! [beve dalla bottiglia]
    Rick: Ah-ah. E a differenza di suo fratello, signorina, lei io non la capisco per niente.
    Evelyn: Lo so... Si domanda... "che cosa ci fa un posto come me, in una ragazza come questa?"
    Rick: Una cosa del genere... sì...
    Evelyn: Vede, l'Egitto mi scorre nelle vene. Sa, mio padre era un grande esploratore, molto famoso, e amava l'Egitto a tal punto da sposare mia madre, che era un'egiziana e una sorta di avventuriera anche lei.
    Rick: Be', adesso ho capito suo padre e ho capito sua madre. E ho capito lui. Ma... lei che cosa ci fa qui?
    Evelyn: Oh, senta io... magari non sarò un'esploratrice p... o un'avventuriera o... o una cercatrice di tesori o una campionessa con le armi, signor O'Connell! Però io sono molto fiera di essere me stessa...
    Rick: Ah, perché, Evelyn?
    Evelyn: Eh... perché sono una bibliotecaria! E tra poco la bacerò signor O'Connell.
    Rick: Chiamami Rick.
    Evelyn: Oh, Rick. [si avvicina, ma poi sviene ubriaca su Rick]
  • Evelyn [eccitata, prima di aprire il sarcofago di Imhotep]: Ah! Lo sognavo da quando ero bambina!
    Rick: Sognavi gente morta?!
  • Rick: Il libro dei morti? Sei sicura di volerti gingillare con questo affare?
    Evelyn: È soltanto un libro. Non ha mai fatto male a nessuno leggere un libro.
    Rick: No, eh? Qui finisce male un sacco di gente! Allora che c'è scritto?
    Evelyn: "Amun-Ra. Amun-Dei." Parla della notte e del giorno. [continua a leggere l'incantesimo in egiziano antico]
    Dr. Allen, l'egittologo: No! Non deve leggere quel libro! [dal deserto arriva uno sciame di cavallette] Che cos'abbiamo fatto...
  • [a faccia a faccia con la mummia, tira fuori dal collo della camicia un crocifisso e lo mostra alla mummia]
    Benit: Mio Dio, proteggimi, veglia su di me come pastore veglia su suo gregge. [la preghiera non ha effetto quindi tira fuori un altro amuleto e prega in arabo] No? Ok... allora... [tira fuori un ciondolo che raffigura Buhddha e prega in cinese, poi tira fuori una stella di David e prega in ebraico]
    Imhotep: [parlando in antico egiziano e mostrando a Benit degli amuleti d'oro]
    Benit: Oh, mio principe...
  • Henderson: Alla nostra, ragazzi. [fanno tintinnare i bicchieri, bevono, ma poi sputano] Ma porca miseria! Ha il sapore del... È come se fosse...
    Rick: Sangue! [vede che l'acqua nella fontana si è trasformata in sangue]
    Jonathan: "E i fiumi e le acque dell'Egitto si fecero rossi ed erano come sangue."[3]
  • Jonathan: Dulcis in fundo la mia piaga preferita: pustole e vesciche!
    Dr. Bey: Sono divenuti suoi schiavi e così è cominciato il principio della fine.
  • [Evelyn sta traducendo mentre i sudditi di Imhotep si stanno avvicinando]
    Jonathan: Forza, Evy, svelta!
    Evelyn: La calma è la virtù dei forti.
    Rick: No, non in certe situazioni!
  • Benit [traducendo dall'egiziano antico ciò che Imhotep le dice]: "Vieni con me, mia principessa. È tempo di farti mia per sempre."
    Evelyn: Per l'eternità, idiota!
    Benit: "Prendi al mia mano e io risparmierò i tuoi amici."
    Evelyn: Oh cielo! Ti è venuta qualche brillante idea?
    Rick: Sto pensando, sto pensando!
    Evelyn: Sarà meglio che pensi qualcosa in fretta, perché se mi trasformo in mummia tu sarai il primo che verrò a cercare!
  • Rick: John, stai bene?
    Jonathan [aggrappato sull'ala dell'aeroplano]: Ho l'aria di uno che sta bene?!
  • Evelyn [a Imhotep che crea la tempesta di sabbia]: Fermati, finirai per ucciderli!
    Benit: L'idea è quella...

Explicit[modifica]

[mentre Rick, Evelyn e Jonathan guardano la tomba distruggersi, Ardeth Bey mette una mano sulla spalla di Jonathan spaventandolo]
Jonathan: Grazie, grazie mille, amico!
Ardeth Bey: Vi siete guadagnati il rispetto e la gratitudine mia e del mio popolo.
Jonathan: Sì, be', una cosa da niente...
Ardeth Bey: Possa la fortuna sorridervi sempre. [va via col cammello]
Jonathan: Eh, grazie... altrettanto... Ehi, e se hai bisogno...
Rick: Stai lontano dai guai!
Jonathan: Ma dove va? Ci lascia qui così? Be', ce ne torniamo a casa a mani vuote, di nuovo.
Rick: Io non direi proprio. [Rick ed Evelyn si baciano]
Jonathan: Oh, vi prego! [rivolto al cammello] E a te tesoro? Ti va di darmi un bacetto? [il cammello mostra il proprio dissenso con un verso] Ah, che alito!

Citazioni su La mummia[modifica]

Frasi promozionali[modifica]

  • La tempesta si alzerà. Il cielo si aprirà. Il potere si scatenerà.[4]

Note[modifica]

  1. Cfr. Esodo 10:22
  2. La frase viene pronunciata ripetutamente durante il film.
  3. Cfr. Esodo
  4. Dalla locandina in italiano. Cfr. Poster La mummia, MYmovies.it

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]