Muzio Clementi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Muzio Clementi

Muzio Clementi (1752 – 1832), compositore e pianista italiano.

Citazioni su Muzio Clementi[modifica]

  • Cento altre premonizioni della musica futura sarebbe facile rilevare nell'opera di Clementi, premonizioni e messaggi certamente raccolti, perché, se le influenze di un autore su un altro possono spesso revocarsi in dubbio, mancando l'assoluta sicurezza di una conoscenza effettiva, noi siamo certissimi che Liszt, Chopin, Mendelssohn, Schumann, Brahms, studiarono tutti almeno il Gradus ad Parnassum. (Giulio Confalonieri)
  • Clementi si valeva di strumenti inglesi in cui la maggior caduta del martello strappava alle corde una sonorità più vigorosa: inoltre la chiarezza cristallina del suono, unita con questa pienezza di voce, vibrava imponente nei rapidi passaggi di terze e seste e ottave ripetute, nel fiero attacco e preciso di interi accordi ribattuti o seguentisi in rapida successione. (Luigi Alberto Villanis)
  • Clementi, sia pure con la timidezza di un temperamento fondamentalmente classico, apre il cancello di un giardino non ancor visitato, entro cui stanno immagini non esprimibili se non nel confessionale del pianoforte. (Giulio Confalonieri)
  • Come nota il già citato Frojo, Muzio Clementi viene riguardato come il più gran compositore di pianoforte che abbia esistito. Gli stessi tedeschi non possono opporgli che Carlo Filippo Emanuele Bach. (Giovanni Masutto)
  • Il fiuto dell'imprenditore, unito alla competenza del musicista gli consente di mettere subito a segno diversi colpi, fra i quali la prima edizione dello spartito per canto e pianoforte della Creazione di Haydn. (Fabrizio Dorsi)
  • Muzio Clementi, oggi noto quasi esclusivamente per le raccolte di studi su cui si sono formate generazioni di pianisti, ma conosciuto ai suoi tempi non solo come concertista e compositore, ma anche come imprenditore di successo. (Fabrizio Dorsi)
  • Per circa un secolo, in Muzio Clementi venne celebrato quasi esclusivamente il rinnovatore della tecnica pianistica, l'antesignano di quel pianismo trascendentale che culminerà poi nel Chopin di certi Studi e di certe Ballate, nel Liszt, nello Schumann dei Papillons e dei Carnevali, nel Brahms delle Variazioni su temi di Paganini e di Haendel. Documento del suo virtuosismo rimasero le opere didattiche e un'ammirazione, mistica a un poco di noia, incoronò la sua vecchia figura si da dettare a Claudio Debussy la prima pagina del Children's Corner, intitolata appunto Doctor Gradus ad Parnassum. (Giulio Confalonieri)

Giovanni Frojo[modifica]

  • Clementi era, nel vero senso della parola, dotto, e sapeva massimamente coprire la scienza sotto una forma sempre melodica e dilettevole. Il suo stile si distingue segnatamente per la sobrietà e la concisione.
  • La maniera di suonare di Clementi era perfetta tanto dal lato del meccanismo, quanto per la dizione istrumentale; egli era eccellente nell'Adagio del pari che nell'Allegro; eseguiva con massima facilità i passaggi più difficili in ottave, ed eziandio i trilli in ottave con una sola mano. Clementi possedeva la meccanica del suo strumento in modo perfetto ed assoluto. Non vi erano passaggi, né combinazioni farragginose che lo spaventassero. Scale in tutte le foggie, note doppie, triple, quadruple, arpeggi, note ribattute, erano a lui tanto famigliari come al principiante i primi esercizi delle cinque note e quelli in terze.
  • Lo stile di Clementi è vivace, pieno di gusto, elegante, brillante, ricco d'iniziativa ritmica, d'invenzione musicale e di scienza armonica. La sua ispirazione è sublime, nobile, ma sempre sostenuta; la passione non vi domina; per altro, alle volte, essa è calorosa ed energica.

Bibliografia[modifica]

  • Giulio Confalonieri, Storia della musica, Edizioni Accademia, Milano, 1975.

Altri progetti[modifica]