Notte prima degli esami - Oggi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Notte prima degli esami – Oggi

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Notte prima degli esami – Oggi

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 2007
Genere commedia
Regia Fausto Brizzi
Sceneggiatura Massimiliano Bruno, Marco Martani, Fausto Brizzi
Produttore Fulvio Lucisano
Interpreti e personaggi

Notte prima degli esami – Oggi, film italiano del 2007 con Nicolas Vaporidis, Giorgio Panariello e Carolina Crescentini, regia di Fausto Brizzi.

Incipit[modifica]

Sapete chi ha inventato l'esame di maturità? Eccolo qui. Il filosofo Giovanni Gentile. Era il 1923, e da allora intere generazioni di studenti sono state traumatizzate per sempre dal diabolico evento. (Luca) [voce fuori campo]

Frasi[modifica]

  • E così è arrivata la mia notte prima degli esami. Non era come me l'aspettavo. Non c'erano più i miei amici, e non c'era più neanche Azzurra. Eravamo rimasti solo in due: io e la sfiga. (Luca)
  • Sbagliando s'impara, ma le conseguenze degli errori non si cancellano. (Luca)
  • Il mio esame è cominciato così, ed è finito con un deprimente sessanta. Per fortuna quell'estate a tirarmi su il morale c'ha pensato uno sconosciuto, si chiama Fabio Grosso, di mestiere fa il terzino e la sera del 9 luglio ha segnato il gol più importante della sua vita! (Luca)

Dialoghi[modifica]

  • Professore: Molinari, ma è possibile che anche all'esame di maturità ti presenti conciato così?
    Luca: Ao... e non t'avvelena' a' borghese... Peace and love! [indicando il simbolo della pace con le mani]
  • Luca: [Pensando] La formula degli esami è cambiata rispetto a tanti anni fa, e anche i professori sono cambiati parecchio. Lei, per esempio, è la nostra professoressa di matematica e oggi ci sta spiegando una cosa di fondamentale importanza.
    Professoressa Paliani: Il contropiede, solo così possiamo battere quegli infami del quinto B! Ragazzi se non vinciamo la partita, io vi boccio tutti agli esami! Dunque... Massi a centrocampo, Riccardo sulla fascia, Luca unica punta centrale, ti prego segna, eh? E tutti gli altri fanno muro in difesa. Santilli legati quegli occhiali, non fare come l'anno scorso che sei andato a parà negli spogliatoi!
  • Luca: Cazzo, ma c'è la porta aperta!
    Riccardo: I ladri...
    Massi: Andiamo via immediatamente, che Simona ha paura.
    Simona: Ma che stai a dì?
    Luca: Sì, così mi portano via tutto!
    Massi: E se sono armati?
    Riccardo: Cagasotto! Andiamo!
    Luca: Shh, te prendi questo! [Prende uno zoccolo e lo da a Massi]
    Massi: Ma che me dai, lo zoccolo?
    Luca: E che voi, 'na pistola? Questo c'ho, tiralo!
  • Massi: Ei fu. Siccome immobile, dato il mortal sospiro, stette la sfoglia immemore...
    Simona: Sì, la sfoglia... stamo a fa' le tagliatelle. La spoglia.
    Massi: La spoglia... La spoglia? Ma che è, 'na cosa zozza?
  • Professore: Virgilio nelle Georgiche scriveva: Si pàrva lìcet compònere màgnis. Molinari, traduca.
    Luca: Allora... si pàrva lìcet... si parono... si sembrano... alici... compònere màgnis... si sembrano alici si magnano col pane!
  • Professoressa: Molinari, lei ha studiato l'Inferno di Dante?
    Luca: Yes.
    Professoressa: Gradirei sentire il canto di Paolo e Francesca.
    Luca: Compreso il ritornello?
  • Riccardo: È troppo fica per Luca.
    Alice: Lo farà soffrire tantissimo.
    Simona: Che dite, lo avvertiamo?
    Massi: No, facciamogli prendere buca. Lo fortifica.
  • Camionista: Ma che sei scemo?!
    Luca: No, non son scemo è che è successa... è un emergenza. Domani mattina ho l'esame di maturità.
    Camionista: Ma che me frega a me, ma che te ce devo porta' io?!
    Luca: Dai, ti prego, ma non lo vedi come sto?!
    Camionista: Vabbè, 'ndo vai a scuola, qua vicino?
    Luca: a Roma...
    Camionista: Eh?! Ma 'anvedi questo, nun se ne parla...
    Luca: E dai, che sei di Roma pure tu.
    Camionista: Ma perché... se sente?
    Luca: Un pochetto...
  • Simona: Come si chiama la più famosa raccolta di poesie di Eugenio Montale?
    Massi: Montale la so. Aspetta. Eh... tipo una cosa di pesce, vero? Ce l'ho sulla punta della lingua... fritto di paranza!
    Simona: Ossi di seppia.
    Massi: Vabbé è uguale. È pesce..
  • Massi: Ma secondo voi dieci anni d'analisi gli bastano?
    Riccardo: Naaaah...
  • Luca: Be'... che vi sembra?
    Simona: Brava!
    Riccardo: Bella!
    Massi: Non te la darà mai!
  • Giulia: Hai un buon sapore...
    Massi: Ammazza 'sti tramezzini cor tonno... sò micidiali!

Explicit[modifica]

  • Paolo è stato perdonato dalla moglie
    ma non ha smesso di giocare a "calcetto".
    Azzurra ha lasciato Luca a Natale.
    I particolari della tragedia li trovate sul blog di Riccardo.
    Ora Luca è di nuovo innamorato.
    Ma questa è un'altra storia... (Testo a schermo)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]