Oliver Stone

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Premi Oscar vinti:

Fuga di mezzanotte

  • Miglior sceneggiatura non originale (1979)

Platoon

  • Miglior regista (1987)

Nato il quattro luglio

  • Miglior regista (1990)
Oliver Stone

Oliver Stone (1946 – vivente), attore, regista, produttore e sceneggiatore americano.

Citazioni di Oliver Stone[modifica]

  • A Hollywood bisogna stare molto attenti a non esagerare con la verità. Perché la verità è tanto potente che può spaventare.[1]
  • Dai primi anni '90 in poi, il cinema americano e la tv hanno un punto in comune, la glorificazione degli Stati Uniti e la presentazione del punto di vista americano come l'unico giusto e l'unico possibile.[1]
  • Dovremmo cercare di educare, liberare e ampliare la nostra mente. Ma di guardare oltre i pregiudizi. Per esempio bisognerebbe studiare i finanziamenti del partito nazista. Capire quante società americane sono state coinvolte, dalla General Motors all'Ibm. Hitler era solo un uomo che avrebbe potuto essere facilmente assassinato.[2]
  • Hitler è un facile capro espiatorio per la storia ed è stato utilizzato troppo facilmente. Ma in realtà è il prodotto di una serie di azioni. È causa, ma è anche effetto...[2]
  • Ho visto La dolce vita a 14 anni, nel 1960, a New York City: un film epico, il miglior film con tematiche d'attualità che abbia mai visto. Mi ha colpito l'uso del bianco e del nero e che fosse girato nell'arco di sette giorni, durante i quali un giornalista vaga senza meta nell'Inferno di Dante. L'ho trovato molto profondo e anche assai realistico: parlava di una persona che avevo l'impressione di poter incontrare dovunque, anche a New York.[3]
  • Ormai l'America ha bisogno costante di un nemico di proporzioni hitleriane per tenere la popolazione mobilitata in favore degli interventi militari, e per fare sì che ogni perdita di libertà sia considerata un prezzo giusto da pagare per la propria sicurezza.[1]
  • Poi vidi , il culmine della sua carriera. Sembrava a quel tempo così strano per la fine aperta, così misterioso e ambiguo. Nei film americani si ha sempre la necessità di un inizio, una parte centrale e una fine. Fellini ha realizzato una sorta di decostruttivismo della realtà. è un puzzle che induce a porsi delle domande, pratica una sorta di impressionismo, il punto di vista del protagonista e della cinepresa si fondono.[3]
  • Stalin, Hitler, Mao, McCarthy. Queste persone sono state vilipese già abbastanza nel tempo. Stalin ha invece completamente un'altra storia. Non ho intenzione di dipingerlo come un eroe ma vorrei raccontarlo basandomi sui fatti. Lui ha combattuto la macchina da guerra tedesca più di ogni singola persona. Non possiamo giudicare la gente considerandola solo "buona" o "cattiva".[2]
  • Un film come , a differenza di La dolce vita, che è un film positivamente datato, nel senso che si riferisce a un particolare momento e luogo come se fosse una capsula del tempo, è un film universale perché potrebbe essere in un posto qualsiasi e in un momento qualsiasi.[3]

Note[modifica]

  1. a b c Citato in Matteo Persivale, Stone, la voce critica dell'America: «Così mi hanno fermato su Luther King», Corriere.it, 27 febbraio 2014.
  2. a b c Citato in "Hitler? Un capro espiatorio". La Storia secondo Oliver Stone, Repubblica.it, 11 gennaio 2010.
  3. a b c Citato in Federico Fellini, Goffredo Fofi, Gianni Volpi, L'arte della visione, Donzelli Editore, 2009, pp. 59-60. ISBN 886036373X

Film[modifica]

Altri progetti[modifica]