Paolo Alatri

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Paolo Alatri (1918 – 1995), storico e politico italiano.

Mussolini[modifica]

  • Congedato [dal servizio militare] nel settembre 1906, due mesi dopo andò maestro a Tolmezzo, città friulana vicino alla frontiera austriaca, dove trascorse nove mesi, soggetto a vigilanza da parte della polizia. Non fu un esperienza felice: i suoi atteggiamenti politici non gli conciliavano le simpatie della popolazione locale, come insegnante si rivelò scarsamente capace di mantenere la disciplina tra i suoi allievi, inoltre beveva molto e pare che contraesse allora la blenorragia da una donna sposata, col marito della quale fece a pugni. Così alla fine dell'anno scolastico l'incarico non gli fu rinnovato. (Insegnante, pp. 11-12)
  • Radicale era la contrapposizione, che egli [Benito Mussolini] professava, tra proletariato e borghesia e la sua esaltazione di una necessaria rivoluzione sociale cruenta. E la violenza gli appariva come la sola arma politica. Ma le influenze da lui subite furono molteplici, ed egli, quando non rivendicava l'originalità del proprio pensiero (che peraltro non esisteva), le richiamava di volta in volta, a seconda di come gli faceva comodo. (Insegnante, p. 12)
  • Nel 1910 [Mussolini] aveva scritto nella Lotta di classe: «Io ho del socialismo una nozione barbarica. Io lo immagino come il più grande atto di negazione e di distruzione che la storia registri. Io penso ad un socialismo che non "distingue", che non "patteggia" che non si "mortifica"». (Dalla «neutralità assoluta» all'interventismo, p. 18)
  • Mussolini pretendeva di essere un uomo di grande cultura e amava molto le adulazioni di chi si riferiva a lui come un grande scrittore. Ostentava interesse e competenza in fatto, oltre che di letteratura e di filosofia, anche di musica, di architettura, di arti e di cinema. Favorì il realismo e avversò ogni forma di astrattismo e di avanguardia, come del resto gli altri due dittatori [Adolf Hitler e Stalin] a lui contemporanei. (Nel campo culturale, p. 37)
  • Da giovane, come si è detto, Mussolini era stato ferocemente anticlericale e perfino ateo, e non aveva nascosto questi suoi sentimenti, ma anzi li aveva ostentati, non senza manifestazioni clamorose e volgari. Ma una volta al governo, girò di 180 gradi. L'appoggio della Chiesa gli era prezioso per solidificare il suo potere, ed egli non esitò sia a manifestare opinioni personali lontanissime da quelle giovanili, sia a fare vistose concessioni politiche al Vaticano, ripagato con la sconfessione del Partito Popolare[1] e l'esilio comminato a Sturzo, sia con la benedizione dei gagliardetti e dei labari fascisti da parte di vescovi e sacerdoti, specialmente in occasione della guerra d'Etiopia[2] e dell'intervento in Spagna[3]. (I Patti Lateranensi, p. 43)
  • È stato dimostrato che non vi furono pressioni tedesche su Mussolini perché si affiancasse ai tedeschi nella persecuzione degli ebrei. La sua iniziativa va dunque ascritta, oltre che al suo autonomo desiderio di stringere vieppiù l'alleanza con la Germania, anche e soprattutto a uno dei miti tipici del Duce, la convinzione che si dovesse rendere il popolo italiano, anche sul piano interno, duro e bellicoso, e che l'indicargli un nuovo nemico – gli ebrei – servisse a questo scopo. (La legislazione antisemita, p. 60)
  • Che cosa indusse Mussolini a tenere per tutta la seduta del Gran Consiglio[4] [del 24-25 luglio 1943] un atteggiamento nel complesso passivo? Due ne furono probabilmente gli elementi determinanti: l'illusione iniziale che fosse in causa la sola restituzione al re della delega dei poteri militari, e la fiducia che egli nutriva nell'amicizia di Vittorio Emanuele III. (La riunione del Gran Consiglio, p. 83)
  • Le sue [di Mussolini] contraddizioni erano senza fine. Mentre ebbe a riconoscere che le leggi antisemite[5] potevano essere state un errore, ad amministrarle, nella Repubblica di Salò[6], mise Giovanni Preziosi[7], un ex prete, il più fanatico antisemita esistente in Italia, colui che, anche durante gli anni in cui di antisemitismo del regime ancora non si parlava neppure, aveva cercato di issare quella bandiera e di farla trionfare. (Le farneticazioni di Mussolini, p. 91)

Note[modifica]

  1. Cfr. voce su Wikipedia
  2. Cfr. voce su Wikipedia
  3. Cfr. voce su Wikipedia
  4. Cfr. voce su Wikipedia
  5. Cfr. voce su Wikipedia
  6. Cfr. voce su Wikipedia
  7. Cfr. voce su Wikipedia

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]