Proverbi sardi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Bandiera della Sardegna

Raccolta di proverbi sardi.

B[modifica]

  • Bestidu, su bastone paret unu barone.[1]
Vestito, anche un bastone sembra un barone.
  • Binu bonu finza a feghe.[2]
Vino buono fino alla feccia.
  • Binu malu et pane tostu durat pius.[2]
Vino cattivo e pane duro durano di più.

C[modifica]

  • Caragnanesi macchi.[3]
Calangianesi matti. (gallurese)
  • Chie non ad(a) aguza, non mandigha' gioga.[1]
Chi non ha ago, non mangia lumaca.
  • Crabittu rassu brincat in mandra.[1]
Capretto grasso salta in mezzo al gregge.
  • Cum sos mannos ista coment et in su fogu: non tantu accurzu, non tantu alluntanu.[1]
Con i potenti comportati come col fuoco: non molto vicino e non molto lontano.

D[modifica]

  • Dai sa die qui prestas has unu inimigu de pius.[1]
Dal giorno che fai un prestito, hai un nemico in più.
  • Dicciu antigu non errat.[4]
Detto antico non sbaglia.

G[modifica]

  • Giustissia chi falta', giustissia de balla.[1]
Giustizia che manca, giustizia di pallottola.

I[modifica]

  • In su binu sa veridade.[2]
Nel vino la verità.

L[modifica]

  • Lodeinu maccu.[3]
Lodeino scemo (nuorese)

M[modifica]

  • Mezus fertu de balla, qui non de machine.[1]
Meglio colpito da pallottola, che da pazzia.
  • Mezus terra senza pane, que terra senza justitia.[1]
Meglio terra senza pane che terra senza giustizia.

N[modifica]

  • Negotiu de binu, negotiu meschinu.[2]
Negozio di vino, negozio meschino.
Pare di alludere alla poca onestà dei negozianti; oppure perchè vi è poco da fidarsi, attesa la grande attenzione che si richiede.
  • Neu bella senza peccu, neu fea senza tractu.[1]
Non c'è donna bella senza difetto, né donna brutta senza grazia.
  • Non abbaides né femina in festa, né caddu in beranu.[1]
Non guardare né donna in festa, né cavallo in primavera.

O[modifica]

  • Ogni animale si unit cum s'ispecie sua.[5]
Ogni animale ama il suo simile.
  • Ogni malu consizadu est bonu consizadore.[1]
Chi è stato consigliato male, è ottimo consigliere.

P[modifica]

  • Porcu, hortu et conca rasa faghent sa domo.[6]
Il porco, l'orto e la testa rasa fanno la casa.

Q[modifica]

  • Qui arribbat quando hat, mandigat quando queret.[7]
Chi conserva quando ha, mangia quando vuole.
  • Qui comporat sa farina est cegu ad un oju, qui comporat su pane ad ambos.[1]
Chi acquista la farina è cieco a un occhio, chi acquista il pane, ad entrambi.
  • Quie biet vinu, non devet narrer imbreagu.[2]
Chi beve vino non deve dire ubriaco.
Non criticare i difetti altrui, tu stesso potresti incorrervi.
  • Quie samunat sa conca ad s'ainu, perdet trabagliu et sabone.[1]
Chi insapona la testa dell'asino, perde tempo e sapone.
  • Quie timet s'abba non andet a mare.[1]
Chi teme l'acqua non vada al mare.

S[modifica]

  • Sa beffe sezzit plus de su frastimu.[1]
La beffa si ritorce più della sua maledizione.
  • Sa veridade causat odiu.[8]
La verità causa odio.
  • Sas cabras andant da in puncta in puncta, sos cascos dai bucca in bucca.[1]
Le capre vanno di cima in cima, gli sbadigli di bocca in bocca.
  • S'avaru iscorza' su pulighe, 'olende.[1]
L'avaro scortica la pulce mentre salta.
  • S'avaru non faghet bene si non quando morit.[1]
L'avaro fa del bene solo quando muore.
  • Si no lu pranghet tuo filione, lu pranghet tuo nepodone.[1]
Se non lo piange tuo figlio, lo piange tuo nipote.
  • Si ti queres sanu abba su vinu.[2]
Se volete esser sano inacquate il vino.
  • Sos maccos et pizzinnos narant sa veridade.[9]
I pazzi e i bambini dicono la verità.
  • Si ti queres sanu, faedda pagu.[1]
Se vuoi restare incolume, parla poco.
  • Su binu ad su sabore, su pane ad su colore.[2]
Il vino al sapore, il pane al colore.
  • Su binu est bonu a biere, ma 'nde faghet a riere.[2]
Il vino è buono a bere[10], ma fa a ridere.
Il riso come effetto dell'ubriachezza.
  • Sussìncu màccu.[3]
Sorsense pazzo.

Note[modifica]

  1. a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t Citato in Benvenuti e Di Rosa.
  2. a b c d e f g h Citato, con traduzione e spegazione, in Spano, Proverbj sardi, p. 70.
  3. a b c Citato in Mauro Maxia, pp. 381-382.
  4. Citato, con traduzione, in Spano, Proverbj sardi, p. 1 (frontespizio).
  5. Citato in Riccardo Schwamenthal, Michele L. Straniero, Dizionario dei proverbi italiani e dialettali, BUR, 2005, § 3983. ISBN 978-88-58-65738-6
  6. Citato in Spano, Proverbj sardi, p. 322.
  7. Citato in Spano, Proverbj sardi, Tipografia del commercio, Cagliari, 1871, p. 229.
  8. Citato in Giovanni Spano, Proverbj sardi, p. 402.
  9. Citato in Giovanni Spano, Vocabolario sardo-italiano e italiano-sardo: Coll'aggiunta dei Proverbji sardi, Tipografia Nazionale, Cagliari, 1851, p. 47.
  10. Bevere nella fonte.

Bibliografia[modifica]

  • Stefano Benvenuti e Salvatore Di Rosa, Proverbi italiani, Club degli Editori, 1980.
  • Mauro Maxia, Studi sardo-corsi, Taphros, Olbia, 2010. ISBN 978-88-7432-0622
  • Giovanni Spano, Proverbj sardi, Tipografia del commercio, Cagliari, 1871.