Proverbi sardi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Bandiera della Sardegna

Raccolta di proverbi sardi.

B[modifica]

  • Bestidu, su bastone paret unu barone.[1]
Vestito, anche un bastone sembra un barone.

C[modifica]

  • Chie non ad(a) aguza, non mandigha' gioga.[1]
Chi non ha ago, non mangia lumaca.
  • Crabittu rassu brincat in mandra.[1]
Capretto grasso salta in mezzo al gregge.
  • Cum sos mannos ista coment et in su fogu: non tantu accurzu, non tantu alluntanu.[1]
Con i potenti comportati come col fuoco: non molto vicino e non molto lontano.

D[modifica]

  • Dai sa die qui prestas has unu inimigu de pius.[1]
Dal giorno che fai un prestito, hai un nemico in più.

G[modifica]

  • Giustissia chi falta', giustissia de balla.[1]
Giustizia che manca, giustizia di pallottola.

M[modifica]

  • Mezus fertu de balla, qui non de machine.[1]
Meglio colpito da pallottola, che da pazzia.
  • Mezus terra senza pane, que terra senza justitia.[1]
Meglio terra senza pane che terra senza giustizia.

N[modifica]

  • Neu bella senza peccu, neu fera senza tractu.[1]
Non c'è donna bella senza difetto, né donna brutta senza grazia.
  • Non abbaides né femmina in festa, né caddu in beranu.[1]
Non guardare né donna in festa, né cavallo in primavera.

O[modifica]

  • Ogni animale si unit cum s'ispecie sua.[2]
Ogni animale ama il suo simile.
  • Ogni malu consizadu est bonu consizadore.[1]
Chi è stato consigliato male, è ottimo consigliere.

Q[modifica]

  • Qui comporat sa farina est cegu ad un oju, qui comporat su pane ad ambos.[1]
Chi acquista la farina è cieco a un occhio, chi acquista il pane, ad entrambi.
  • Quie samunat sa conca ad s'ainu, perdet trabagliu et sabone.[1]
Chi insapona la testa dell'asino, perde tempo e sapone.
  • Quie timet s'abba non andet a mare.[1]
Chi teme l'acqua non vada al mare.

S[modifica]

  • Sa beffe sezzit plus de su frastimu.[1]
La beffa si ritorce più della sua maledizione.
  • Sas cabras andant da in puncta in puncta, sos cascos dai bucca in bucca.[1]
Le capre vanno di cima in cima, gli sbadigli di bocca in bocca.
  • S'avaru iscorza' su pulighe, 'olende.[1]
L'avaro scortica la pulce mentre salta.
  • S'avaru non faghet bene si non quando morit.[1]
L'avaro fa del bene solo quando muore.
  • Si no lu pranghet tuo filione, lu pranghet tuo nepotone.[1]
Se non lo piange tuo figlio, lo piange tuo nipote.
  • Si ti queres sanu, faedda pagu.[1]
Se vuoi restare incolume, parla poco.

Note[modifica]

  1. a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t Citato in Benvenuti e Di Rosa.
  2. Citato in Riccardo Schwamenthal, Michele L. Straniero, Dizionario dei proverbi italiani e dialettali, BUR, 2005, § 3983. ISBN 978-88-58-65738-6

Bibliografia[modifica]

  • Stefano Benvenuti e Salvatore Di Rosa, Proverbi italiani, Club degli Editori, 1980.