Vedovanza

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Vedova)
Jump to navigation Jump to search
La vedova del pittore (K. Kate Bisschop-Swift, 1870)

Citazioni sulla vedovanza, i vedovi e le vedove.

Citazioni[modifica]

  • Ci sono vedove inconsolabili, e vedove a cui qualsiasi maschio adulto offrirebbe con piacere la consolazione opportuna. (Arturo Pérez-Reverte)
  • Gli studenti li evito, preferisco le ricche vedove | con gli anelli di platino. | Sono un ladro ma fine gentleman. (Baustelle)
  • Il suo passo.
    Calpestava il mio cuore, il mio ventre, la mia fronte prima di entrare. Una città-luce veniva verso me. Un incantesimo terribile. Sapevo che dietro il vetro lei mi cercava. La vedevo nella notte sotto le mie palpebre. Non alzavo la testa, non uscivo dalla mia vedovanza. Dei corvi presero il volo, i noccioli erano bianchi di brina. Veniva, respirava con i miei polmoni. (Violette Leduc)
  • La vedova sa tutto, dell'uomo, perché non l'ha visto unicamente vivere ma lo ha visto anche morire. Lo ha conseguito, lo ha detenuto e lo ha congedato. Ne ha un ritratto completo, esattissimo. (Giuseppe Marotta)
  • La vedovanza le ringiovanisce. (Joseph Joubert)
  • Nell'ozio riparatore della solitudine, invece, le vedove scoprivano che il modo onorevole di vivere era alla mercé del corpo, mangiando solo per fame, amando senza mentire, dormendo senza doversi fingere addormentate per sfuggire all'indecenza dell'amore ufficiale, infine padrone del diritto a un letto intero per loro sole dove nessuno contendesse la metà del lenzuolo, la metà dell'aria da respirare, la metà della notte, finché il corpo non si saziava di sognare i propri sogni, e si svegliava da solo. (Gabriel García Márquez)
  • Non c'è altro per te che fare come le altre vedove... Comprati i vestiti a lutto e sta' di buon umore. [...] Come una moglie per bene, va' a piangere e gemere sull'agonia di tuo marito: questo è un dovere. Pensa che non puoi avere l'uomo e anche i quattrini, e cerca quindi di consolarti cavandogli tutto ciò che puoi. (John Gay)
  • Non maltratterai la vedova o l'orfano. Se tu lo maltratti, quando invocherà da me l'aiuto, io ascolterò il suo grido, la mia collera si accenderà e vi farò morire di spada: le vostre mogli saranno vedove e i vostri figli orfani. (Libro dell'Esodo)
  • Però il suo pensiero non è giusto: perché io non sono ragazza, sono vedova, e una vedova, seppure s'incontra con qualcuno, non fa tanto peccato come una ragazza: meno assai! (Elsa Morante)
  • Poeta si diventa, ma vedova di guerra si nasce. (Ignazio Silone)
  • «Qual è l'animale che tiene il becco sottoterra?» domandò Arturo Pecorilla dalla soglia.
    [...] Quelli che più avevano dimestichezza col mondo animale, e cioè i cacciatori, nominarono la beccaccia, il formichiere; i più sprovveduti diedero invece nell'esotico con gru, cicogne, struzzi e condor.
    Il giovane Pecorilla li lasciò cuocere un poco; poi trionfalmente rivelò «La vedova». (Leonardo Sciascia)
  • Un caso simile! Ma è proprio questa la sostanza e lo scopo del matrimonio! La confortevole prospettiva della vedovanza è ciò che tiene alto il morale di una donna sposata. Qual è la donna che esiterebbe ad esser moglie, se da lei dipendesse di diventare vedova al momento prescelto? (John Gay)
  • Una donna è con dignità sposa e vedova, una volta sola. (Alphonse Karr)
  • Una vedova, come un'attrice, è due volte donna; voi la circuite, ma ne rimane sempre una libera, disoccupata, agevole preda, secondo me, dei cattivi pensieri. (Giuseppe Marotta)

Proverbi[modifica]

  • È pericoloso sposare una vedova perché ha disarcionato il suo cavaliere. (inglese)

Italiani[modifica]

  • Chi viddu u vo restè ch' u men-na ra dona au sù id Fervé. (paretese)
Chi vedovo vuol restare porti la donna al sole di Febbraio.
  • Le ragazze sono d'oro, le sposate d'argento, le vedove di rame e le vecchie di latta.
  • Vérola, vìrela e ffùie. (napoletano)
La vedova, guardala e scappa.

Tarantini[modifica]

  • 'A sortə d'a cattivə: scì a vucciariə e acchiò ô vucciərə 'mbisə.
La sorte della vedova: andò in macelleria e trovò il macellaio cattivo.
  • Aspiəttə vacandijə cu 'na bbona fatə, finə ca cattivə 'nu bbuenə 'nzuratə.
Aspetta, nubile con una buona ragazza, finché [diventi] vedovo un buon ammogliato.
  • 'U chiandə amarə d'a cattivə: tənev'u muertə 'nnandə e sté ppenzavə ô vivə.
Il pianto amaro della vedova: aveva il morto davanti e stava pensando al vivo.

Altri progetti[modifica]