Vai al contenuto

Saw Legacy

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Saw Legacy

Immagine Jigsaw-logo.png.
Titolo originale

Jigsaw

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2017
Genere horror
Regia Michael e Peter Spierig
Soggetto personaggi creati da James Wan e Leigh Whannell
Sceneggiatura Pete Goldfinger, Josh Stolberg
Produttore Gregg Hoffman, Oren Koules, James Wan, Leigh Whannell
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani


Saw Legacy, film statunitense del 2017, regia di Michael e Peter Spierig

Frasi[modifica]

  • Sono certo che vi starete chiedendo perché siete qui. Negate senza dubbio di essere responsabili della situazione in cui vi trovate. La salvezza può essere vostra, se riponete il vostro animo dalle abituali bugie che di fatto vi hanno portati qui. Le bugie che avete detto a voi stessi. Le bugie che hanno finito per rovinare altre persone. Confessate; la verità vi renderà liberi. Qualsiasi tentativo di infrangere le mie regole vi ucciderà. Voglio fare un gioco con voi. Per prima cosa un'offerta di sangue, anche soltanto minima, vi darà il via libera e la possibilità di fuggire da questa stanza ancora in vita. Se riuscirete a liberarvi dei vostri demoni, potrete cominciare a spogliarvi delle catene che quei demoni comportano. Fare questo semplice sacrificio di sangue che vi ho chiesto, o affrontare gravi conseguenze. A voi la scelta. (Jigsaw)
  • I giochi sono ricominciati. E non si fermeranno finché non verranno emendati i peccati ai danni degli innocenti. Io mi occuperò dei prossimi quattro, voi occupatevi del resto. (Jigsaw)
  • Pur essendo certo che ci sia in voi il desiderio di puntarmi il dito contro per il sangue che è stato versato, vi assicuro che a meno di non rivoltare quel dito al contrario altro sangue scorrerà, e tutti saranno giudicati. Cominciamo col primo. Una persona che non soltanto mente, ma ruba anche, scippa per strada. Quando hai avuto la possibilità di rimediare al male che avevi fatto, hai scelto di non fare niente. E ora sei tu che potresti morire senza la giusta medicina. Mentre non era cosciente, a questa persona ipocrita, criminale, è stato iniettato un veleno. Una delle siringhe davanti a voi contiene l'antidoto, un'altra è una soluzione salina, l'altra ancora un acido che provocherà una morte agonizzante. Scegliete la siringa giusta e verrete sganciati dalla vostra catena. La scelta sbagliata potrebbe portare alla morte di tutti voi. La mia domanda è: quanto vale una vita per voi? (Jigsaw)
  • Non esistono scorciatoie nella vita. Vi prego di perdonare l'esempio alquanto crudo che farò della vostra decisione di non rispettare le regole. Tirate la leva, e in quel momento sarete liberi. (Jigsaw)
  • In passato avete anteposto i vostri interessi alle altre persone, e poi avete mentito a voi stessi e al mondo, celando la vostra insensibilità, i vostri furti, la vostra criminalità. Ora vi metterete davanti allo specchio e guarderete chi siete veramente. Le scelte che avete fatto potrebbero costarvi la vita. Non potete sfuggire alla verità. C'è tuttavia una persona che può aiutarvi. Ryan; se lui tira la leva prima che veniate sepolti vivi, sopravviverete. Ryan, libera te stesso per liberare loro! (Jigsaw)
  • Salve Mitch. Hai ammesso di aver venduto una moto a un ragazzo, ma non hai raccontato la storia per intero. O sbaglio? Seicento dollari per una moto che avevi spacciato in perfette condizioni, anche se sapevi che i freni erano difettosi. Ti sei intascato i suoi seicento dollari, e in cambio lo hai consegnato alla morte! Era mio nipote, e non aveva mai fatto male a nessuno. Il congegno che vedi qui ha un'alimentazione speciale, è lo stesso motore che abbelliva la moto venduta da te a mio nipote. Tuttavia, ti posso assicurare che la leva del freno in questo caso funziona perfettamente. Evita i pericoli intorno a te, tira la leva del freno e il motore si fermerà. Vivere o morire Mitch, a te la scelta! (Jigsaw)
  • Salve signori. Siete venuti a cercare il gioco. Congratulazioni! L'avete trovato. Voi siete gli ultimi due giocatori. Forse riconoscerà lo strumento intorno al suo collare, dottor Nelson. Questi bisturi laser penetrano i tessuti e le ossa come burro. Le lame più potenti del pianeta. Entrambi avete l'opportunità di vivere. Non dovete fare altro che confessare. È molto facile; se confessate il motivo per cui meritate di morire, potete evitare la morte. Vi ascolto. A voi la scelta. Il gioco inizierà tra 60 secondi, selezionando uno di voi. A meno che uno di voi due non scelga di essere il primo. (Jigsaw)
  • Io parlo per i morti. (Logan Nelson)

Dialoghi[modifica]

Citazioni in ordine temporale.

  • [Eleanor accende la luce, rivelando un magazzino pieno di repliche delle trappole dei precedenti film]
    Logan: Eleonor... ma che roba è?
    Eleonor: Una ragazza ha diritto a un hobby.
    Logan: Un hobby? Lo chiami così? Meglio i francobolli, no? Quello è un hobby.
    [Eleanor accende un'altra luce, rivelando un'altra replica]
    Eleonor: È bellissima, non è vero?
    [Logan si avvicina alla trappola]
    Eleonor: A quanto pare, John Kramer progettò questa trappola per un gioco che ebbe luogo prima degli altri. Trovarono i progetti da lui. L'ho costruita da sola. Ce l'aveva uno su internet. Secondo le voci, John questa non soltanto l'ha ideata, ne ha fabbricata una.
    Logan: Beh, mi dispiace deluderti, ma nessuna vittima di Kramer è morta in un affare così. Le ferite non corrispondono.
    Eleonor: Forse non sono state mai trovate.
    Logan: O forse non è successo mai. Forse qualcuno gioca con te.
  • [Jigsaw si toglie il cappuccio]
    John: Ciao Anna.
    Anna: John... John Kramer.
    Ryan: Ma che succede?
    John: Voglio fare un gioco con voi.
    [Anna inizia a farsi prendere dal panico, tirando la sua catena]
    Anna: No. No! Che stai facendo, John? Che stai facendo?!
    John: È l'ultima prova.
    Ryan: L'ho già superata la prova! Guarda la mia gamba cazzo!
    John: Non era la tua prova, Ryan. E quello [Indicando la sua gamba mozzata] non sarebbe stato necessario se avessi rispettato le regole. Ma a te non piacciono le regole.
    [Ryan inizia a piangere]
    John: Vuoi che ti dimostri clemenza? Tu, che non hai fatto neanche un passo verso la confessione? Tu, che sei responsabile non di una morte, ma di tre. La tua vita di bugiardo incallito cominciò al liceo, e peggiorò sempre più. Mentisti alle autorità in più di un'occasione, Ryan, dando la colpa esclusivamente a chi guidava: il tuo defunto migliore amico. Sai cosa ne fu della sua famiglia? E con gli anni poi sei soltanto peggiorato.
    Ryan: L'ho fatto. Ok, l'ho fatto, cazzo. L'ho fatto, ma tanto tempo fa. Io voglio vivere, io voglio vivere...
    John: Come me, Ryan. Come tutti noi. Ma le cose capitano. Senza lo sconsiderato errore di un medico dell'ospedale in cui mi trovavo, il mio tumore sarebbe stato diagnosticato molto prima. Fu semplicemente un nome sbagliato su una radiografia. Mi avrebbe risparmiato notevoli sofferenze.
    [Jigsaw si volta verso Anna]
    John: E tu, Anna?
    Anna: Io non ho fatto niente John! Tu mi conosci bene! Non farmi questo, ti prego.
    John: Eravamo vicini di casa, io e Anna. I miei primi cicli di chemio furono a dir poco difficili, Anna e suo marito Matthew furono a dir poco gentili e di grande aiuto. E ti ringrazio davvero.
    Anna: Allora perché stai facendo questo proprio a me?!
    John: Erano giorni migliori per te. No, Anna? Ma il tuo povero marito Matthew... so che voi due non andavate sempre d'accordo. Ma dover sopportare una tragedia simile, la morte di un figlio... è uno dei grandi fardelli della vita, no? Se solo lui non si fosse addormentato quella sera... non si sarebbe girato soffocando vostro figlio. Perché è così che è andata, vero Anna? È terribile... quanto è terribile convivere con una cosa così? Una persona può anche impazzire, no?
    Ryan: Che cosa vuoi farci?
    John: [Ridacchiando] Io? Io non farò niente. Dovete solo assumervi le vostre responsabilità... per ciò che siete.
  • Ryan: Ti prego. Farò quello che vuoi John, lasciami andare. Ti prego!
    John: Lo sai che i maiali sono animali molto compassionevoli? Mostrano disagio nel vedere qualsiasi altro animale, inclusi gli umani, soffrire.
    Anna: E tu invece John? Dov'è la tua compassione?
    John: Abbiamo tutti un pollice sulla bilancia, Anna. Balliamo nel bene e nel male. Tu l'hai messo sul lato sbagliato della bilancia. E anche lui. Ora se volete conquistarvi la libertà dovete imparare. Dovete capire... che avete fatto tutto al rovescio. Quindi... io vi darò una possibilità [Jigsaw estrae un fucile a canne mozze] per ribaltare le cose.
    [Mostra una cartuccia]
    John: La chiave per la libertà.
    [Inserisce la cartuccia nel fucile, appoggiandolo poi su un supporto]
    John: Tutto dipende da voi. Il gioco è semplice, come tutti i migliori. Avete un solo fucile, e un solo proiettile. Come ho detto, dipende da voi.
  • [Logan si rialza, togliendosi il collare laser]
    Halloran: Tu lavori con lui...!
    Logan: Io sono lui.
    Halloran: Cosa?
    Logan: E ora grazie al tuo aiuto, nessuno lo sospetterà mai.
    Registratore [voce di Halloran]: È morta gente per colpa mia!! Sono morte persone innocenti! È colpa mia! L'ho fatto!!
    Halloran: [Sconvolto] Io non capisco...
    Logan: Dieci anni fa, qui, in questo fienile, cominciò un gioco. [...] Io lo so, perché ero uno dei giocatori. Jigsaw mi mise in quel gioco perché dieci anni fa sbagliai con la sua radiografia. John decise che non sarei dovuto morire per un errore in buona fede. Mi diede una seconda possibilità. E adesso, dieci anni dopo, ho ricreato il gioco di Jigsaw con dei criminali dei tuoi casi irrisolti.
    Halloran: Cosa?!
    Logan: Volevo che il mio gioco fosse identico a quello di Jigsaw. Così ho spulciato i tuoi casi, e ho trovato dei giocatori come quelli del gioco originale. Ho dato loro le stesse possibilità che diede Jigsaw dieci anni fa. Jigsaw aveva messo cinque giocatori. Io ne ho messi prima tre, e poi altri due. Tu e io. Volevo vedere se valevo quanto lui. Quanto... il suo talento.
    [Logan aziona il collare laser di Halloran]
    Halloran: No! No, Logan! Ti prego! Abbi pietà!
    Logan: Come tu ne hai avuta di me quando abbiamo cominciato il gioco? Spingendo il mio pulsante... per salvare te stesso?
    Halloran: Cosa? No! No, è giusto! Io...!
    Logan: Non è giusto?! Perché Edgar Munsen era libero? Era un assassino. Ma tu lo proteggevi perché era stato il tuo informatore, anni fa, e l'avevi lasciato libero. Edgar Munsen ha ucciso mia moglie.
    Halloran: Tu... no lo sai questo. Non è mai stato provato. Questo... non ti farà... riavere la tua famiglia. John... Kramer dava una possibilità di vincere il gioco. Giusto? Una scelta. [Prova a colpire Logan con un pugno] Tu, bastardo... sei un bastardo.
    Logan: Ce l'hai una scelta. Urlare, oppure no.
    Halloran: Logan! Logan! Logan! Ehi! Senti, ti posso aiutare! Posso fare delle cose per te!
    Logan: Puoi restituirmi mia moglie?!
    Halloran: Non importa cosa dico, vero?
    Logan: Ho creato un gioco che sembra condotto da Jigsaw. [...] C'è chi penserà a Jigsaw. Chi sospetterà di te. Ma nessuno sospetterà di me, perché Eleonor procurerà il mio alibi.
    Halloran: Cazzo...
    Logan: Dieci anni fa sono tornato dalla guerra. Ero un uomo finito. Jigsaw ha rimesso insieme i cocci della mia vita. Mi ha dato una ragione per vivere.
    [Flashback]
    John: Non ci può guidare la rabbia, ne la vendetta. Tu me l'hai insegnato.
    Logan: Ma così non ci sarà giustizia.
    John: Oh, invece si. Perché noi parleremo per i morti.
    [Presente]
    Logan: Insieme abbiamo costruito un'eredità. Ora io parlo per le vite rovinate da gente come te. Assassini! Stupratori! Le loro vittime sono finite sul mio tavolo, per colpa tua!

Altri progetti[modifica]