Nelson Mandela

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Medaglia del Premio Nobel
Premio Nobel
Per la pace (1993)
Nelson Mandela

Nelson Rolihlahla Mandela (1918 – 2013), politico sudafricano.

Citazioni di Nelson Mandela[modifica]

  • Ho tre amici nel mondo, e sono Yasser Arafat, Muammar Gheddafi e Fidel Castro.[1]
  • Ho percorso questo lungo cammino verso la libertà sforzandomi di non esitare, e ho fatto alcuni passi falsi lungo la via. Ma ho scoperto che dopo aver scalato una montagna ce ne sono sempre altre da scalare.[2]
  • L'istruzione è il grande motore dello sviluppo personale. È attraverso l'istruzione che la figlia di un contadino può diventare medico, che il figlio di un minatore può diventare dirigente della miniera, che il figlio di un bracciante può diventare presidente di una grande nazione. È quello che facciamo di ciò che abbiamo, non ciò che ci viene dato, che distingue una persona da un'altra.[3]
  • Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso.[4]
  • Una persona che viaggia attraverso il nostro paese si ferma in un villaggio, e qui non ha bisogno di chiedere cibo o acqua. Appena arrivata la gente le offre il cibo, la intrattiene. Questo è solo un lato di Ubuntu ma Ubuntu ha anche altri aspetti. Ubuntu non significa che le persone non debbano dedicarsi a se stesse. La questione piuttosto è: vuoi farlo per aiutare la comunità che ti circonda a migliorare?[5]
  • Unitevi! Mobilitatevi! Lottate! Tra l'incudine delle azioni di massa ed il martello della lotta armata dobbiamo annientare l'apartheid![6]

Citazioni su Nelson Mandela[modifica]

  • Nelson Mandela è stato uno dei pochi grandi uomini cui sia toccata la sorte di essere un faro e un simbolo due volte: prima come combattente per la libertà del suo popolo, poi come uomo di Stato deciso, con la stessa determinazione, a superare le lacerazioni del passato per restituire a tutti i sudafricani, neri e bianchi, la pace. Ci ha insegnato che con gli oppressori non si può venire a patti. Devono essere sconfitti; devono essere battuti, politicamente e culturalmente. Ci ha insegnato anche che su questa base, quando è chiaro da quale parte sta la ragione e da quale il torto, quando l'ingiustizia è stata battuta, bisogna saper andare avanti, senza dimenticare ma anche senza permettere agli spettri del passato di divorare il presente. (Loredana De Petris)
  • Per la mia generazione Nelson Mandela è stato il prigioniero di Robben Island, l'uomo rimasto per ventisette anni in carcere rifiutando la scarcerazione, quando gli fu offerta, perché sapeva che accettare quell'accordo, rinunciare pubblicamente alla lotta, avrebbe voluto dire firmare un atto di resa di fronte al razzismo, all'ingiustizia, all'oppressione. (Loredana De Petris)

Note[modifica]

  1. Citato in Filippo Bovo, La Morte Di Nelson Mandela, Statopotenza.eu, 6 dicembre 2013.
  2. Da Lungo cammino verso la libertà, quarta di copertina.
  3. Da Lungo cammino verso la libertà, p. 166.
  4. Citato in Antonio Gaspari, È morto un grande uomo!, Zenit.org, 6 dicembre 2013.
  5. A traveller through a country would stop at a village and he didn't have to ask for food or for water. Once he stops, the people give him food, entertain him. That is one aspect of Ubuntu, but it will have various aspects. Ubuntu does not mean that people should not enrich themselves. The question therefore is: Are you going to do so in order to enable the community around you to be able to improve? (da Experience Ubuntu Interview, di Tim Modise, 24 maggio 2006)
  6. Dal messaggio dal carcere, pubblicato sul Manifesto dell'ANC il 10 giugno 1980.

Bibliografia[modifica]

  • Nelson Mandela, Lungo cammino verso la libertà. Autobiografia, traduzione di Ester Dornetti, Adriana Bottini, Marco Papi, Universale Economica Feltrinelli, Milano, 2004. ISBN 88-96-81369-6 (Anteprima su Google Libri)

Film[modifica]

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]