Alfredo Cattabiani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Alfredo Cattabiani, 1976

Alfredo Cattabiani (1937 – 2003), scrittore e giornalista italiano.

Citazioni di Alfredo Cattabiani[modifica]

  • È una tiepida domenica, il celebre appartamento di Praz a palazzo Primoli è nella penombra del crepuscolo un'isola di civiltà dove si sentono presenze balsamiche per chi ogni giorno deve, per sopravvivere, subire la presenza del volgo. La conversazione si dipana labirintica e sottile tra l'humour dello scrittore ottantaquattrenne e la vis polemica di un suo "nipotino spirituale", appena trentenne [Paolo Isotta].[1]
  • [Su Joseph de Maistre] Maestro occulto del romanticismo europeo [...] ispiratore dei reazionari e nello stesso tempo interprete sottile della Tradizione.[2]
  • Quanto a Giuseppe Berto, diventato «reazionario», riuscì a vincere il Bancarella con Oh, Serafina! grazie ai librai pontremolesi che non obbedivano alle parole d'ordine vigenti.[3]

Citazioni su Alfredo Cattabiani[modifica]

  • Il libro che leggo sempre a Natale è Calendario di Alfredo Cattabiani. Ha la profondità spirituale delle radici solide cui trarre linfa per meglio volare nei cieli della bellezza e della metafisica. (Pietrangelo Buttafuoco)

Note[modifica]

  1. Da Conversando con Praz e Isotta, Prospettive libri, Editrice Prospettive nel Mondo S.r.l., gennaio 1981, p. 18.
  2. Citato in Francesco Perfetti, Macché bigotto e fanatico. Ecco il vero De Maistre, ilGiornale.it, 1º agosto 2014.
  3. Da Io, infame scrittore di Destra, Il Tempo, 26 agosto 1994; disponibile su Centro Studi La Runa.it.

Altri progetti[modifica]