Enrico Crispolti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Enrico Crispolti nel dicembre 1964


Enrico Crispolti (1933 – 2018), storico dell'arte e critico d'arte italiano.

  • [...] [Salvatore Garau] dalla fine degli anni ottanta mette a punto un linguaggio più evocativo, passionale e romantico, costruito su uno stile «liquido» dove dighe, piloni e condotti disegnati a grafite sono spesso protagonisti della composizione.[1]
  • [...] [Garau] superato un momento di gestualità piuttosto indefinito, alla fine degli anni Ottanta e nell’esordio dei Novanta mette a punto un’evocazione passionalmente partecipata, d’accento, sempre più turbinosamente romantico, risolta in fluttuazioni d’allusività liquida (e aeree) innervate strutturalmente attraverso l’accenno tematico alla presenza di dighe, condotte, piloni, disegnati a grafite; finendo per suggerire anche ottico-tattilmente una liquida imminenza, con trasparenti apposizioni in resina.[2]
  • La partecipazione siciliana, nel quadro stesso del futurismo meridionale è fortemente distinta, proprio nei suoi caratteri di particolari nessi etnogeografici, in un proficuo caratteristico riscontro immaginativo con un dinamismo naturale e panico anziché con un dinamismo meccanico‑metropolitano. [3]
  • [...] un fabulismo mitico che, è noto, frequentò il Picasso d'Antibes, il più "mediterraneo" fra quanto si è recentemente rievocato nelle sale di Villa Medici. Ma che Mafonso rimette in scena, rilegge a livello più arcaico ed antropologicamente pertinente, lui campano, ricantando il narrativo appunto popolare della pittura campana e apula.[4]

Note[modifica]

  1. Enrico Crispolti, Carlo Pirovano, “La pittura in Italia. Il Novecento/3. Le ultime ricerche”, editore Electa, 1994, ISBN = 88-435-4840-9
  2. Saggi di Enrico Crispolti, a cura di Carlo Pirovano, “La pittura in Italia. Il Novecento/3. Le ultime ricerche”, editore Elemond Editori Associati, Milano, 1994, pgg 243
  3. Citato in Enrico Crispolti presenta a Messina "l’invenzione futurista. Case d’arte di depero", Strettoweb.com, 2 ottobre 2015.
  4. Da Catalogo Prime nevi sul dopo 2000 , Galleria Soligo, Roma, 1983.

Altri progetti[modifica]